Tags Posts tagged with "sesso"

sesso

0 2464

Dal nostro inviato a Mosca

Il polverone scatenato dalla trasmissione Rai “Parliamone sabato” sulle fidanzate dell’est Europa, oltre ad essere stupido, indice di razzismo e orientalismo su cui si potrebbero a lungo citare Frantz Fanon e Edward Said, non tiene conto di un fatto: quanto elencato dai poco scrupolosi autori del programma non corrisponde a verità. E qui non parlo di quante meravigliose donne qui siano delle vere professioniste dei propri settori, riescano a insegnare, curare, dirigere con grande abilità. No, vorrei andare a smontare gli odiosi stereotipi della trasmissione. Non inizio nemmeno dal punto 2, dove si vede che non si è mai stati in Russia o in Polonia: il concetto di “abiti per casa” (домашняя одежда) esiste e per uomo e per donna. Ecco la mia rettifica semiseria.
Il punto 3: non sono gelose, e io sono biondo e magro. Ho avuto sceneggiate degne di Regina Bianchi per aver scambiato due chiacchiere con colleghe; un mio caro amico, per venire a farsi un paio di birre con me e un altro moscovita partenopeo, si è visto piombare l’allora partner in birreria per “controllare”.
Prendiamo poi il punto 4, dove si legge che “sono disposte a far comandare il proprio uomo”: chi scrive conosce personalmente illustri colonnelli delle Forze Armate russe, esimi accademici, egregi medici, tremebondi di fronte all’ennesima ramanzina della Nadya o Tanya di turno. D’altronde, non è sorprendente, in una situazione sociale dove negli ultimi venticinque anni il numero di divorzi è aumentato, e dove la “femminilizzazione” della famiglia è argomento assai studiato; inoltre, quanto asserito dal programma presenta uno stigma di certo poco positivo.
Il punto 6 poi è fantascientifico: non hanno mai assistito a capricci, polemiche, che spesso non sono legate a dinamiche di relazioni amorose. Chi scrive più volte ha visto quanto sia difficile, per un’impiegata o collega donna, ammettere di aver commesso un banale errore.
Insomma, non solo razzista, sessista e patriarcale ma anche bugiardi. Complimenti al servizio pubblico, e non fate le valigie: qui non troverete geishe ubbidienti e innamorate di voi, come siete chiaviche là, lo sarete qua, mai però quanto gli autori di quella trasmissione.

Giovanni Savino

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 630
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Vi ricordate la prima volta?
Vi ricordate proprio tutto? Certo, le emozioni e le sensazioni di quel momento sono indimenticabili, la paura di sbagliare, di fare qualcosa che non va… ma la voglia di arrivare fino in fondo ci fa superare ogni timore.

Le esperienze raccontate, o forse romanzate, dagli amici, la formazione fatta su videocassette e giornali vietati ai minori ci faceva pensare che chissà quali assurde manovre fossero necessarie, che come minimo avessimo dovuto esibirci con nonchalance in tutte le figure del Kamasutra… Ed ecco che la tensione si trasformava in confusione e anche l’inserimento diventava problematico.

Non era facile fare centro, sarà l’emozione, sarà l’ansia da prestazione, saranno le aspettative ma tutto il patrimonio del nostro immaginario erotico andava a sbattere contro la fredda realtà (o semplicemente contro il perineo) regalando goffe esibizioni che per molti è meglio non ricordare.

Poi rilassandosi un attimo e senza farsi prendere dall’ansia tutto diventava più semplice e, trovato il posto giusto, si entrava finalmente nell’età adulta.

Sarà l’ansia da prestazione, sarà l’emozione, sarà l’immaginario che si sono costruiti i giocatori del Napoli ma oggi fra rovesciate, pallonetti e tiri a giro non siamo stati in grado di metterlo dentro (il pallone) per fortuna c’è Higuain cui bastano le cose semplici ( o almeno lui le fa sembrare tali) e quando fa centro fa godere alla grande… ( noi tifosi, ovviamente)

Cattivi: Insigne tatticamente è un giocatore formidabile, e ha anche tanta tecnica, ma se ha due palle goal nitide e sulla prima cerca un pallonetto da 25 metri e sulla seconda una rovesciata quando aveva tutto il tempo di stopparla fa incazzare anche me che sono un suo estimatore. Al suo posto entra Mertens, che ha come sempre un ottimo impatto sulla partita ma anche lui, come il compagno di staffetta, si divora dei goal incredibili, anche qui forse c’è qualche eccesso di leziosità. Il peggiore in campo però oggi non c’è, forse da criticare è stata solo la leziosità che spesso ci è costata cara.

Buoni: Higuain vale? Dobbiamo considerarlo in questa categoria o ne fa parte sempre e comunque di diritto? Nel dubbio io lo cito sempre, così come oggi va citato il giocatore più umile della storia del calcio e forse, nel suo ruolo, uno dei più forti al mondo: Callejon. Migliore di oggi è comunque Marek Hamsik, 400 volte capitano, al decimo inventa uno splendido assist per il Pipita e sfiora il goal. Grande Capitano!

0 861
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Siamo sempre stati un popolo di migranti, oggi sono cambiato i motivi, le destinazioni la frequenza di viaggio e siamo diventati un po’ tutti cittadini del villaggio globale. Non è quindi raro incontrare una persona con il partner che abita a centinaia, se non migliaia, di chilometri di distanza. Grazie ai progressi tecnologici e all’aumento della concorrenza è diventato però più facile spostarsi, per cui le famose relazioni a distanza sono diventate più sostenibili.

Grazie agli smartphone, alle chat e alle videochat si riesce a condividere ogni momento della giornata: discussioni, litigate, momenti sdolcinati, tenerezze e anche la semplice quotidianità è sempre a portata di click. Una coppia anche in diversi continenti può dirsi tutto, può mandare la foto di quello che sta mangiando, può vedere lo stesso film o trasmissione tv contemporaneamente e commentarla insieme… può fare tutto, tranne una cosa… Che poi è la cosa più bella dell’amore!

Per questo quando ci si incontra si freme, per quanto possa sembrare che la distanza sia annullata il richiamo della carne è sempre forte e durante il viaggio l’attesa si fa sempre più insopportabile, più ci si avvicina meno riusciamo a resistere, anche l’ultimo tragitto in metropolitana sembra lungo un millennio… Poi finalmente ci si incontra e si esplode di gioia, non esiste nient’altro, si esce dal letto solo quando natura chiama…. si deve recuperare alla grande non sapendo quando accadrà la prossima volta.

Dopo due settimane di astinenza finalmente noi innamorati del Napoli abbiamo rincontrato il nostro amore, stavamo speruti, e dopo tutto questo tempo a leggere interviste, a guardare gli azzurri convocati in nazionale, a rivedere repliche dei goal del napoli… Finalmente abbiamo appagato il nostro desiderio, certo il tempo trascorso dal fischio d’inizio fino al goal di Insigne è sembrato interminabile, ma quando la palla ha superato la linea siamo tutti esplosi di gioia… Finalmente l’amore! Che ovviamente non è Giulietta, lei al massimo è una trombamica che ci fa divertire ogni tanto!

CattiviCallejon oggi è stato in ombra, si è segnalato per un liscio in area e anche il suo consueto apporto tattico in fase di non possesso è stato inutile, vista l’inconsistenza del Verona. Hysaj ha regalato qualche indecisione ma anche lui non ha demeritato. Il peggiore di oggi è senza dubbio Mandorlini, non tanto per le sue posizioni “politiche” quanto per l’aver insultato il calcio nel peggiore dei modi e soprattutto per aver umiliato i suoi tifosi: la linea di difesa variabile da 4 a 6 giocatori coperta dalla linea di centrocampo composta da tutti gli altri, schierata a meno di 10 metri è roba che offenderebbe chiunque anche a livello parrocchiale.

BuoniReina è il secondo portiere meno battuto d’Europa e non è un caso, se non arrivano tiri in porta perchè muove i difensori usando l’antico Joystick delle urla parte del merito è suo, ma se quando arrivano i tiri non si fa trovare impreparato il merito è tutto suo. Hamsik ha fatto un partitone, anche se non trova il goal sta diventando l’opposto di quello che era, sempre nel vivo dell’azione oggi regala un assist e l’azione del due a zero parte da lui. Migliore in campo? Un goal e un assist, sei Napoletano di nascita in uno stadio che ti insulta dal primo minuto… Lorenzo oggi anche se sei apparso solo al momento del goal hai fatto quello che tutti i Napoletani come te avrebbero voluto fare!

Paolo Sindaco Russo

0 3683

Gli amanti della poesia napoletana, soprattutto de “L’inferno della poesia napoletana” staranno già pensando alle famose ‘Ddoje sore e alla loro abitudine di (cito testualmente) fare ‘nculo ‘pè restà zetelle.

Questa usanza sembra essere pratica comune fra le ragazze cattoliche degli states e così il duo Garfunkel & Oates ha deciso di realizzare una divertente canzone su questa abitudine. L’intento chiaramente parodistico non nasconde uno spunto di riflessione su come certi tabù influiscano sulle scelte più intime.

Per chi ha un minimo di dimestichezza con l’inglese non sarà un problema capire il testo!

Fuck Me in the Ass Cause i Love Jesus

All my life I’ve been good to what my mom and dad and God say I should
Go to church and bible school, to live by God’s rule
So whatever people tell me that the Bible tells me, I will do
Walk the halls of my school with my purity ring
Unlike those other girls, I’ve got my morals in check
It was easy to do till I got a boyfriend
And pardon my French, but he’s cute as heck
And I made a pact
To keep my hymen intact
And Jesus and I are tight
Never learned about the birds and bees
I was taught to keep an aspirin in between my knees
Because the Bible says premarital sex is wrong
But Jason says that guys can’t wait that long
And I don’t want to lose him
To someone who’ll do him
I need to figure something out
Well, there’s a loophole in the scripture that works really well
So I can get him off without going to hell
It’s my hail Mary full of grace
In Jesus’ name, we go to fifth base
Oh, thank you for making me holy
And thank you for giving me holes to choose from
And since I’m not a godless whore
He’ll have to come in the back door
Therefore
Fuck me in the ass because I love Jesus
The good lord would want it that way
It’s the sweet sensation of a throbbing rationalization
It’s just between you and me
Because everyone knows it’s the sex that God can’t see
It’s hard to be as pure as me
To resist the urge to lose my vaginal virginity
To wait until my marriage bed
To give my husband my unsullied maidenhead
So take your cock out
Shove it in my ass
Fuck me until you come
Oops!
I mean let’s join our souls
And unite our bodies
And fly with the wings of God
Whatever you do, don’t touch my clitoris
If you ring Satan’s doorbell, God can’t ignore this
And no prophylactics when you put it in
Because birth control’s for sluts, and it’s a sin
I’ve emptied my bowels
And laid out the towels
I’m ready for romance
I’m praying to the power that’s the highest
But of all of my holes, this one’s the driest
And we can’t procreate if we anally copulate
And God’s OK with sodomy, but only if you’re straight
And I’m staying pure no matter what
So I’m OK with everything but
Everything but
Everything butt
Fuck me in the ass because I love Jesus
The good lord would want it that way
Give me that sweet sensation of throbbing rationalization
It’s just between you and me
Because everyone knows it’s the sex that God can’t see
I do whatever the Bible tells me to
Except for the parts that I choose to ignore
Because they’re unrealistic and inconvenient
But the rest, I live by for sure
So let’s not talk about how the good book
Bans shellfish, polyester and divorce
And how it condones slavery and killing gays
Because those parts don’t count of course
Let’s cherry pick the part about losing my cherry
And ? for ambiguities and omissions
And circumvent any real sacrifice
And still feel pious in my arbitrary parroted positions
And don’t you dare question my convictions
And don’t look closely at the contradictions
Just focus on the sacrificial crucifixion
And have faith in its complete jurisdiction
It’s the only way to measure if you’re good or not
And when you’re in a debate, just say to have faith
Because when up against logic it’s the only card you’ve got
So close your eyes
Take a deep breath
And
Fuck me in the ass because I love Jesus
The good lord would want it that way
Give me that sweet sensation of irrational rationalization
It’s just between you and me
Because everyone knows it’s the sex that God can’t see
Yeah, my chastity belt has locks
So sometimes you need to think outside the box

0 4628

Pubblicità progresso

Attenti alla zoccola

Chella s’è tenuta ‘a mano ‘nculo!“. Da ragazzino bastava una frase così, perentoria, per dare un giudizio modello Cassazione che riusciva, per i secoli nei secoli a venire, nello stabilire che tale generosa piccerella fosse irrimediabilmente una zoccola. E chi diceva quella frase, solitamente, era riuscito magari a sfiorare le terga della ragazzina senza farsene accorgere con movimenti abili e vellutati tipo scassinatore di cassaforte. A volte la ragazza in questione manco se ne accorgeva. Ma da quel momento ormai il giudizio era già bello che formulato.

Mi tornano alla mente questi ricordi leggendo che oggi per migliaia di bambini e ragazzi napoletani è ricominciata la scuola. Sveglia, acquisto libri, cartelle, compiti, tarantelle con genitori e professori torneranno ad essere abitudine quotidiana da qui ai prossimi mesi. Ma, oltre alle routine, torneranno pure i compagni e le compagne di classe. Litigi, inciuci, amori incofessati e tutto quello che si vive a certe età.

Non so come funzioni ora, credo però che i ragazzini di oggi siano assai più smaliziati di quanto lo ero io fino a quasi 15 anni fa, quando anche io diedi finalmente addio alle aule di scuola per andare all’università.

Era tutto un superare limiti a quelle età: dal bacio a timbro, alla “sola in ganna”, alle mani piazzate con cautela e circospezione per non perdere i primi due vantaggi. Il codice determinava che alle prime battute, se tu cercavi di sfiorare certe parti, la ragazza doveva guardarti schifato e con aria arrabbiata nemmeno se gli avessi ucciso un parente. E però non bisognava lasciarsi intimidire. Si doveva insistere fino a quando la guagliona, avendo dimostrato la propria serietà, cedeva e lasciava passare senza troppe storie una mano in culo o sulla zizza. Questo era essere adolescenti al sud fino a qualche tempo fa.

Eppure oggi le cose non sono cambiate così tanto. Anche ad età maggiori. Una ragazza che ci si concede subito diventa anche nel 2015 irrimediabilmente una “zoccola”. Non so se esista ancora la regola della terza uscita… Ma io non ho mai capito il motivo per cui se una ragazza ha piacere di fare certe cose, come accade a noi uomini, debba essere considerata in maniera negativa.

Credo che gli uomini debbano cambiare completamente impostazione. E’ sbagliato ragionare così, oltre che antiquato. Ma, soprattutto, ed è quello che più mi interessa, se non cambia questo tipo di mentalità mi troverò sempre costretto a dover aspettare più appuntamenti per raggiungere “l’agognata”. Mettiamo nelle condizioni culturali le donne di darla a piacimento senza essere considerate zoccole. Si evitano spese di uscite inutili e si raggiunge prima l’obiettivo. Meditate gente, meditate! W le donne!

vDG

P.S. Il contenuto di questo articolo è riflessivamente ironico. 

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER @SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

 

0 3975

E' accaduto nel vesuviano

Aveva problemi con le dimensioni del suo pene e così per le vacanze è volato negli Stati Uniti, approfittando del viaggio per sottoporsi ad un intervento di ingrandimento del suo organo sessuale. Si tratta di un ragazzo di 29 anni residente in un paese del vesuviano dove in questi giorni non si parla d’altro. Per lui era diventata ormai un’angoscia sentirsi “menomato” da quel punto di vista ed è giunto alla drastica decisione.

Il giovane – secondo i suoi concittadini – è fidanzato ad una bella e procace ragazza. Se fosse stato per lei non ci sarebbe stato bisogno di alcun intervento, ma ormai il ragazzo aveva deciso. La coppia aveva da tempo pianificato un viaggio negli States, poi la scoperta su internet di un’innovativa tecnica di ingrandimento del pene che viene praticata in una clinica americana di una delle città che i giovani avevano pianificato di visitare. E’ un metodo sperimentale che consiste nell’iniettare del liquido all’interno del pene: una sorta di iniezione come avviene con il botulino per gli zigomi o per le labbra. Il risultato è lo stesso: si provoca artificialmente un gonfiore duraturo della parte senza però compromettere la normale elasticità dei tessuti interessati.

Adesso nel paesino del vesuviano non si parla che della storia della coppia andata in America e di questo ragazzo volato negli States per sottoporsi a questo originale intervento. Secondo quanto viene riferito l’operazione ha avuto purtroppo qualche complicazione. L’ingrandimento pare sia andato ben oltre i desiderata del ragazzo e della coppia. Non si sa se ciò sia accaduto per una reazione dell’organismo al liquido iniettato o perché vi sia stato un sovradossaggio da parte degli specialisti americani: le dimensioni del pene del ragazzo sono però diventate davvero esagerate. “Troppa grazia” si direbbe ora, citando un vecchio proverbio.

Qualche tempo dopo l’operazione pare che i due ragazzi si siano dati da fare per sfruttare sin da subito il risultato dell’intervento. Ma le dimensioni dell’organo del ragazzo erano così “importanti” che nel praticare sesso il pene è rimasto incastrato nella vagina della ragazza. A quel punto i due non hanno potuto far altro che allertare il personale dell’albergo dove la coppia alloggiava per la loro focosa vacanza americana ed è stata chiamata un’ambulanza. Solo grazie all’intervento dei medici è stato infatti possibile dilatare sufficientemente la vagina della ragazza per poter estrarre il pene.

Al ritorno in Italia la ragazza ha però raccontato tutto ad alcune amiche. La voce è corsa di casa in casa, di quartiere in quartiere. Per tale motivo il ragazzo, dopo la pubblica figuraccia, ha deciso di lasciare la sua fidanzata. Ormai per il ragazzo era diventato impossibile persino andare al bar a causa di continui commenti, allusioni e risatine. Ma per il giovane vesuviano non tutto è andato perduto. Sembra infatti che dopo l’accaduto abbia la fila fuori casa ed è tempestato di messaggi sul cellulare da ragazze che vorrebbero testare, attraverso di lui, i prodigi della scienza medica. Insomma… Un pettegolezzo di dimensioni imbarazzanti…

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 4800

In Italia, secondo quanto emerge dalle inchieste, sembra che per salvarsi bisogna comprarsi le partite, come pare aver fatto Pulvirenti con il suo Catania. Non accade lo stesso nella ben più civile Inghilterra dove il Leicester, squadra in cui milita anche l’ex nerazzurro Cambiasso,  è riuscita a salvarsi sul campo grazie a i suoi 41 punti in classifica.

Ottenuta la salvezza i ragazzi del Leicester sono volati in Thailandia per festeggiare l’agognata promozione in una tournée in Asia. Ma alcuni dei calciatori, poco più che ventenni in uno dei maggiori paradisi sessuali del mondo, non sono andati solo per giocare a calcio.

Tre ragazzi della squadra albionica hanno così pensato di organizzare un’orgia molto molto hot. Ma, anche loro, pervasi da quella che potremmo definire la “sindrome” di Tiziana Cantone hanno mal pensato di pubblicare su internet il filmato dell’orgia. Un’orgia in cui i ragazzi esprimevano anche alcune offese razziali nei confronti delle disponibilissime ragazze.

QUI IL VIDEO (SI SCONSIGLIA LA VISIONE AI MINORI DI ANNI 18)

In seguito alla diffusione della notizia (e soprattutto delle immagini) il Leicester ha reso noti i propri provvedimenti ufficiali, i tre calciatori protagonisti: Pearson, Hopper e Smith sono stati licenziati in tronco. “La decisione arriva al termine della conclusione di un’indagine interna e di un procedimento disciplinare – precisa il Leicester in un comunicato ufficiale – a seguito di eventi che hanno avuto luogo durante la tournée di fine stagione in Thailandia.

Da questi fatti – a nostro avviso – emergono due domande fondamentali: che bisogno c’è di pubblicare su internet questi video da parte dei protagonisti?

Ma, soprattutto, ci piacerebbe sapere in che modo hanno svolto le indagini i dirigenti del Leicester…