Tags Posts tagged with "san paolo"

san paolo

0 1218

Daspo per il tifoso che minacciò il giornalista

Il Mattino oggi dà notizia che per l’ex capo ultrà della curva B, Alberto Mattera, è stato disposto il Daspo: per lui cinque anni di divieto di accesso agli impianti sportivi. Non solo, ma va avanti l’inchiesta della Digos guidata dal dirigente Francesco Licheri, per le minacce al giornalista Carlo Alvino perpetrate lo scorso 6 maggio davanti allo stadio San Paolo. 

Spiace dover rilevare i comportamenti scorretti di un collega, ma il suo modo di fare è stato quantomeno discutibile. Ovviamente siamo a disposizione per ogni chiarimento. Ma nel silenzio più assoluto di troppi media è necessario darne notizia.

L’ACCADUTO. Cosa accadde quel 6 maggio prima di Napoli-Torino? La notizia ebbe rilievo nazionale (se ne occuparono dal Corriere della Sera in giù) ed è possibile ricostruirla tramite un video che dà conto prima delle minacce e poi della “macchietta” riparatoria. (POTETE RIVEDERE TUTTO L’ACCADUTO CLICCANDO QUI). Mentre Alvino è in diretta con un tifoso che parla di “spregio delle regole”, arrivano dei personaggi che gli dicono “Nunn abbusc pecché nunn abbusc” – intimandogli però di terminare la diretta televisiva nel suo consueto appuntamento su Tv Luna. Dopo pochi minuti la trasmissione riprende con un Alvino abbracciato (stretto in una morsa?) tra i due ultrà i quali inscenano una “macchietta” dicendo che si era trattato solo di uno scherzo. Alvino si mostra pure sorridente e fa battute. Erano i giorni in cui il giornalista iniziava a fare da pupillo della comunicazione del Calcio Napoli ottenendo notizie e interviste dalla società azzurra, consuetudine ancora in corso, proseguita poi lo scorso maggio con l’intervista di Alvino a De Laurentiis registrata negli uffici della Filmauro dopo l’ingaggio di Carlo Ancelotti sulla panchina del Napoli. 

articolo alvinoLA PROCURA. Nonostante il teatrale video riparatorio, gli uomini delle forze dell’ordine vogliono vederci chiaro. La Procura di Napoli apre un procedimento a carico degli ultrà che avevano minacciato Alvino. Scrive la Procura: “IL SECONDO FILMATO OFFRE IN MODO EVIDENTE UNA MACCHIETTISTICA RAPPRESENTAZIONE DELLA VIOLENZA ANCHE E SOPRATTUTTO ALLA LUCE DELLA STESSA DISPONIBILITA’ DELLA PERSONA OFFESA O DEL TIMORE REVERENZIALE MANIFESTATO DA ALVINO VERSO QUELLA FRANGIA DEL TIFO ORGANIZZATO”. L’iniziativa della Procura partenopea si è conclusa intanto con la decisione di spiccare un Daspo ai danni del capo-ultrà che aveva minacciato Alvino. Aggiungo che io stesso ho avvistato Mattera nei pressi del San Paolo, all’esterno della curva B, in occasione della prima partita stagionale giocata a Fuorigrotta dal Napoli contro il Milan. Alla prossima immaginiamo che il capo-ultrà non potrà accedere all’impianto.

daspo a tifoso

L’OPPORTUNITA’. Perché la ricostruzione della vicenda? Qualcuno potrà pensare che il sottoscritto sia animato da sentimenti ostili nei confronti di Carlo Alvino, ma non è così. Appena venne diffuso il video delle minacce subite dal giornalista di Tv Luna, immediatamente, per quello che può servire, scrissi un inequivocabile tweet: “Solidarietà massima al collega Carlo Alvino. Questa gente di merda è il male della nostra terra e dei nostri stadi. Spero intervengano presto le forze le dell’ordine per assicurare alla giustizia chi vuole chiudere microfoni e telecamere con le minacce. #Legalità in campo e fuori”. E’ evidente che non c’è alcun motivo personale per rimarcare questa vicenda, solo il rispetto della legge e, magari, dei doveri professionali a cui è tenuto un giornalista. Se un collega viene minacciato io sto con lui, siamo all’ABC. Le autorità hanno fatto il loro dovere, Alvino invece – che non risulta abbia denunciato le minacce subite – ha invece inscenato una “macchietta”, come scrive la Procura, temendo ritorsioni.

tweet alvinoLA DEONTOLOGIA. Tutto questo è avvenuto nel silenzio più totale dei media, degli organi di categoria del giornalismo, ma soprattutto con la totale disponibilità del Calcio Napoli a concedere interviste esclusive ad un giornalista che per la Procura di Napoli inscena “macchiette” con chi lo minaccia. Un comportamento grave da parte del giornalista, ma pure della SSC Napoli e del suo presidente che ha praticamente promosso Alvino ad house organ della propria comunicazione concedendo esclusive ed interviste. Tutto questo in un’estate in cui lo stesso De Laurentiis ha tuonato contro la stampa in quella pessima rubrica denominata “Vero o falso”. Non solo, ma lo stesso Alvino si è spesso messo sul piedistallo volendo impartire lezioni ai colleghi sportivi su deontologia e professionalità. Le comiche! Una società che poi – per altri versi – ha avuto l’enorme merito (a differenza di altri club che trattavano con personaggi vicini alla ‘ndrangheta) di aver reciso ogni rapporto con le frange estreme del tifo anch’esse troppo spesso collegate alla malavita organizzata.

IL CASO CHIARIELLO. Nel frattempo, una decina di giorni fa, De Laurentiis ha avuto pure l’ardire di minacciare azioni legali contro Umberto Chiariello, un professionista esemplare che da oltre 20 anni conduce una godibile trasmissione su Canale 21. Un professionista, Chiariello (CHE NON CONOSCO PERSONALMENTE), il quale da buon giornalista critica la società quando c’è da criticarla e la loda quando c’è da lodarla (spesso attirandosi insulti e minacce di chi lo accusa di “papponismo” – proprio come spesso accade pure a noi). La libertà di Chiariello lo aveva spinto persino a scrivere una lettera al presidente in cui spiegava le sue ragioni per l’acquisto-sogno di Cavani. Circostanza che deve aver dato fastidio. Una innocente lettera da tifoso, scritta da un uomo esemplare, dà fastidio. Non dà fastidio alla società invece che il giornalista-pupillo insceni macchiette con personaggi discutibili e non denunci – come sarebbe tenuto a fare – le minacce subite.  Una società che – ripetiamo – ha sempre invece tenuto la barra dritta sul rispetto della legalità.

Per professione non mi occupo di sport che resta una passione a cui dedico i miei tempi da tifoso anche su questo blog. Per professione scrivo di migranti, terrorismo, politica estera soprattutto e, spesso, confrontandomi con le autorità che presiedono l’ordine pubblico. Autorità di cui ho stima e fiducia potendo osservare quotidianamente la dedizione e i sacrifici che mettono per tenere al sicuro i cittadini.  Ho avuto anch’io la mia quota d’attenzione proprio su questioni sportive per un infelice post su Facebook – come ne posso scrivere tanti e ne può scrivere chiunque – pubblicato sulla mia bacheca privata e non nell’esercizio della mia professione. Nonostante le cattiverie subite, me le sono fatte scivolare addosso, sicuro della mia nettezza morale e professionale. Perché il giornalista si fa, non si è, e la professione la si esercita nei luoghi predisposti. Ma lasciamo stare.

Ora, in un momento in cui il malcontento verso De Laurentiis è forte, ma sempre per questioni futili come i prezzi dei biglietti, ci chiediamo come mai si generano decine di polemiche per ragioni inutili e non per argomenti più seri. Le discussioni si generano contro una società che non è mai stata grande come adesso (fatta eccezione per 4/5 anni maradoniani), che con questa gestione ha ottenuto risultati eccellenti fino a portare sulla propria panchina uno degli allenatori più titolati della storia. Si fanno critiche con una sproporzione enorme tra la realtà dei risultati e le piccole pecche che possono essere avvenute nel corso di questi anni. Pecche che vanno rilevate, ma forse con livori più soffusi rispetto a questa percezione di odio verso De Laurentiis che si avverte in città.

Poi, invece, nessuno fa notare che la società concede ampi spazi ed opportunità ad un giornalista che non avrebbe avuto il coraggio di denunciare delle violenze e che, anzi, si presta persino a inscenare macchiette insieme a loro. I video sono inequivocabili, potete giudicare autonomamente. Non solo, ma il signore in questione spesso dà pure lezioni di comportamento e professionalità. E vabbè, per dirla con il nuovo vate della stampa napoletana: è fesseria ‘e café! “Steveme pazzianno”. 

Valentino Di Giacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER @SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 7688

La mia educazione sentimentale

Ho 35 anni, ho fatto in tempo ad avere Lui come idolo, i caroselli con via Caracciolo tutta azzurra e 127 scoperchiate, le lacrime del San Paolo, io sul tetto di un’Alfa Sud con i miei fratelli e gli scudetti dipinti sulle guance. Poi? Poi dopo la DEPRESSIONE per Lui, è iniziato il Napoli dei Blanc, dei Thern, dei Careca a svernare, dei Dumbo Buso: non eravamo più l’armata invincibile. Senza che ce ne accorgessimo ci ritrovammo, in ordine sparso, con Freddy Rincon e ogni estate Ferlaino a cercare fidejussioni per iscrivere la squadra al campionato. Le tre firme con tre squadre diverse di Vlaovic, i prestiti-bidone da Parma e Inter. Poi Colonnese e Milanese ai nerazzurri, Crippa e Zola al Parma, Ciro Ferrara alla Juve. Il gruppo Setten, i Moxedano, l’orrenda maglia Record Cucine. Si finì con l’ultimo scugnizzo: Fabio Cannavaro al Parma e, pochi anni dopo, l’abbraccio tra Fabio e Pino Taglialatela mentre venivamo condannati alla B con i sediolini del San Paolo in fiamme. 

Lascerò stare gli anni di Ulivieri e di Colomba, di De Canio e Franco Scoglio, intervallati dall’illusione Novellino/Shwoch, le lacrime di Stellone dopo il gol alla Juve e Saber che sembrava Cafu. Corbelli e quel povero cristo di Totò Naldi, l’unico che abbia messo soldi di casca propria nella società. Inutilmente. Le illusioni finirono presto. Fallimento. Mentre quei quattro pecoroni tra ultras e giornalisti si appecoronavano al signor Gaucci sotto la sigla “Orgoglio Partenopeo”, la mossa definitiva per lo scacco matto di Luciano Moggi che voleva utilizzare il Napoli come succursale di qualche altro intrallazzo. Arrivò la procura di Napoli, Aurelio e – guarda caso – l’anno successivo, da quella storia napoletana, nacque Calciopoli. 

Io senza fatica ricordo le domeniche a guardare Montezine e Dionigi, Sogliano e Pasino, Perovic e Zanini. Quante ne sono state di domeniche così, con la poca voglia di andare allo stadio e guardare la tv con mortificazione. In serie A un anno si simpatizzava per il Parma, un altro per la Roma di Capello, un altro per la Lazio di Mancini. Non era roba nostra, guardavamo gli altri giocare a pallone, quello serio, noi alla finestra con l’impossibilità di essere presenti. Solo spettatori delle gioie degli altri.

Non sto qui a fare la retorica del “Non c’erano i palloni”, non mi è mai piaciuta. Ma è in forza di quelle domeniche di merda, anni e anni di umiliazioni, che io non posso non essere grato al presidente De Laurentiis. Magari posso capire che chi è stato tifoso prima di me e ha visto Sivori, Clerici, Savoldi o Krol possa avere altri pensieri. Io non ho visto a Zurlini e nemmeno a Panzanato. Ho visto solo Diego, Careca e Alemao. Poi il nulla, anzi, lo schifo. E io non mi posso permettere di schifare una stagione dove si è stati vicinissimi a realizzare il sogno, al di là delle motivazioni che ce lo hanno impedito. Non mi posso permettere di schifare l’Intertoto, l’approdo all’Europa League, la corsa di Christian Maggio a Manchester che la dà a Cavani e noi segniamo all’Etihad e ci portiamo pure a casa il punto all’esordio in Champions. Non mi posso permettere di schifare a Contini che la dà di testa a Giovinco a Torino e poi facciamo il miracolo con Marek e Jesus Datolo. 

Di De Laurentiis mi piace quasi nulla, è antipatico e sembra faccia di tutto per farsi schifare. Però perdonatemi se schifo di più a voi tifosi che pretendete dal calcio come se fosse il governo che non abbassa le tasse e non dà lavoro. Schifo a voi che vi arrogate il diritto a parlare per nome di una piazza variegata e ogni estate affiggete in città quei manifesti del caxxo. E non ne beccate una! Puntualmente smentiti dal Napoli che compie una grande stagione. Come quando arrivò Sarri e dicevate “Ma che amma fa cu chist ca se penz e sta all’Empoli?” o ancora quando vi stracciavate i capelli per il sonante pacco rifilato alla Juve per 90 milioni. Schifo più a voi, non me ne vogliate. Perché negate la realtà. Schifo a voi che allo stadio cantate “Noi vogliamo vincere” come se fosse dovuto, come se fosse “Vulimme ‘o posto”, “E criature hanna magnà”. Mi istigate a rispondergli come avrebbe fatto Eduardo in uno di quegli aneddoti tramandati a voce quando quell’attore gli dice: “Maestro, pure io aggia campà”. E gelido Eduardo con il suo: “E pecché?”.  

E se non potete comprendermi sulla forza dei fatti, comprendetemi per la mia situazione sentimentale con il Calcio Napoli: dopo tante sofferenze, io ho vissuto solo gioie. E le sofferenze di oggi sono emozioni, non mortificazioni. Mi sentivo mortificato quando dovevo cantare un coro al Pampa Sosa (Che Dio l’abbia in gloria), non adesso perché non ho vinto ‘o scudetto. 

Ecco perché difenderò sempre il Presidente, anche quando sbaglia come ora che, quasi alla Renzi, acclama un nuovo referendum su di sé buttando un poco di merda in faccia a Sarri. Peccati veniali rispetto a tutto lo schifo che ho subito. Me lo tengo stretto. E ora chiamatemi perdente. Preferisco essere un “perdente di successo” che un perdente con le pezze al culo ad elemosinare calciatori a Parma, Inter e Juve. E se mi rispondete che tra i due estremi c’è la via di mezzo, vi rispondo che la “via di mezzo” non è nella mia, nella nostra, nella vostra disponibilità. Quando arriva lo sceicco ne parliamo. Non lo decido io, non lo decidete voi, non lo decidiamo noi. Fino a prova contraria il Napoli è una società privata, non è un partito, non è un governo contro cui si possa protestare. 

Con tanto affetto, da queste mie emozioni, vi dedico il mio enorme Vaffanculo! Io amo questa maglia, ora più che mai! E ringrazio Aurelio di avermi dato nuovamente la carta d’identità e cittadinanza nel calcio che conta. Se a voi tutto questo vi fa schifo non avete sofferto “la fame”. Io si. E me la ricordo come fosse oggi. 

Valentino Di Giacomo  

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 1435

Il fenomeno

Marek Hamsik è arrivato 10 anni fa a Castelvolturno tra i fischi delle solite capre che ormai da anni, prima che inizi la stagione, contestano il mercato del Napoli. Nonostante le figure di merda a ripetizione, anno dopo anno, questa gente continua ogni volta ad esporre striscioni in città e a contestare a prescindere, come fosse uno sport. Stupido.

10 anni fa il Napoli presentava Marek Hamsik, un 19enne proveniente dal Brescia, segni particolari: Cresta. Con lui c’era un tipo “curioso” (nel senso napoletano del termine) proveniente dall’Argentina, si chiamava Ezequiel Lavezzi, ribattezzato Pocho, segni particolari: Pino la Lavatrice. Intanto all’esterno di Castelvolturno 4 gatti, o meglio dire 4 capre, continuavano a protestare e a farsi inquadrare dalle telecamere. L’unico momento, quello sì per loro, in cui possono giustificare la loro inutile esistenza.

10 anni fa, un 16 settembre di sole intenso allo stadio San Paolo, Marek segnò il suo primo gol con la maglia azzurra. Contro la Sampdoria, un gol MERAVIGLIOSO. Di gol così ne arriveranno oltre 100, fino ormai a sfiorare il record di gol di Sua Maestà Diego Armando Maradona. 10 anni senza mai una parola fuori posto, 10 anni di attaccamento alla maglia, 10 anni senza mai fare una dichiarazione ruffiana tipo qualche capo-popolo che giochicchia sui social a decantare la bellezza della città o il calore del pubblico. Ed è la cosa più bella. Un anti-divo che per far capire a tutti la sua stura indossa da 10 anni sulle spalle la maglia numero 17. A Napoli. Capitale di fatture e fattucchiere, di mammoni e munacielli. Quel 17 che per decenni, al pari della 10, non veniva assegnato. Ma Marek è più forte pure delle scaramanzie, del folklore che troppo spesso ammazza la bellissima quotidianità della nostra terra dove non si mangiano spaghetti e sfogliatelle tutti i giorni. Troisi ci mise una vita per farlo capire al di là del Garigliano.

Si può intervistare Marek Hamsik per ore, lui potrebbe chiacchierare all’infinito senza mai dare lo spunto per un titolo roboante. Anche nella sua ultima intervista, non ha detto di essere rimasto a Napoli perché qua sta la pizza buona, la mozzarella da favola, il caffè del magazziniere Starace o il pubblico più bello del mondo. “Non mi sentivo pronto per andare in un altro club”. Lo ha detto con la tranquillità, la serenità di chi è leader di se stesso e che non vuole esserlo di nessun altro, se non attraverso l’esempio. Senza strizzare l’occhio alla stupidità oleografica di cui chi è corto di altri argomenti si alimenta. Senza fare chiacchiere. Lui giudica e si fa giudicare dai fatti.

Io che quasi amo questo ragazzo slovacco come uno dei miei idoli di bambino mi sono dispiaciuto un po’ per lui. Lo avrei visto benissimo in Premier a consacrare la propria carriera da fuoriclasse. E’ come quando si ama assai una donna, davvero, e allora per la sua felicità saresti capace pure a rinunciarci. Avrei avuto piacere per lui se fosse andato via perché in un altro campionato, in un altro club, forse avrebbe avuto le attenzioni che avrebbe meritato. Oggi è il numero 1 a Napoli, altrove sarebbe stato tra i numeri 1 del mondo con una linea di giocattoli e gadgets a lui ispirati. Le parrucche con la cresta per bambini.

L’uomo Hamsik è come il calciatore Hamsik: intelligenza allo stato calcistico. Solo chi capisce poco di calcio può affermare che “Marek sparisce dalle partite”. Può dirlo solo chi Hamsik lo ha visto solo in tv. Vedere una partita allo stadio del Signor Cresta è come leggere un antico trattato di strategia militare. Gioca per gli altri, occupa lo spazio per favorire il compagno, mai solo se stesso. Anche a costo di farsi dire dalle capre che non capiscono nulla di pallone che “sparisce dalle partite”.

La tecnica calcistica di Marek è inferiore solo alla sua intelligenza tattica. E le due cose insieme fanno di lui un campione assoluto. Uno di quei calciatori di altri tempi che non si vedono più. Un calciatore da anni ’80/’90. In un’Italia che convoca i Montolivo, esalta i Marchisio, santifica i Verratti. 30 anni fa sarebbero stati giocatori oltremodo normali. Ieri, dietro i più grandi campioni della storia di questo sport, avevamo i Riijkaard, gli Ancelotti, i Donadoni e non li santificavamo. Oggi la gente si spella le mani per un Pogba qualsiasi. Si privilegia l’eccentricità alla sostanza. In questo e per questo, Marek, pur nella sua bellezza, si celebra nel suo essere un anti-divo. Marek, come alcuni dei calciatori ricordati prima, forse lo apprezzeremo tra qualche anno quando avrà appeso le scarpette al chiodo.

E noi, “Gente di Marek”, piangeremo assai nel ricordarlo nella sua eccezionale semplicità. Noi che lo sappiamo che Marek può sbagliare qualche partita, come capita a tutti. Perché noi, in fondo, a Marek non è che lo amiamo, ma forse lo amiamo come vuole lui: lo stimiamo tantissimo. Come in un film di Fantozzi dove la realtà supera qualsiasi slancio emotivo. E Napoli e la realtà – come ben sappiamo – non sempre vanno di pari passo. Per noi, presi da infarcire di iperboli il nostro quotidiano, l’eccezionale normalità di Marek ce lo rende un alieno. Un alieno in casa nostra che forse ci sta pure raccontando, dando quattro mirabili calci ad un pallone, come la nostra città stia cambiando. Una maggioranza silenziosa di napoletani che chiede meno pizza, ma più cresta e che non espone striscioni per affermare un’esistenza inutile.    

Valentino Di Giacomo 

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 1143

Le parole del presidente

Non si può non parlare di Real Madrid solo per il campo, lo abbiamo già fatto, ma ci sembrava impossibile non dedicare anche uno spazio alle parole che ieri De Laurentiis ha detto nel post-gara (Qui il video). Anche qui, come per la gara, c’è chi la vedrà in un modo e chi in un altro. Io ci ho visto tutto il meglio e tutto il peggio che sa regalare questo imprenditore che non abbiamo ancora capito se quando dice certe cose lo fa perché “ci è” o “ci fa”. Nel dubbio, dobbiamo prendere con le molle tutto quanto.

1)Il peggio è sicuramente quel provincialismo ostentato che non fa onore al presidente, al suo club e alla nostra città. Ma si può andare in tv dopo Napoli-Real Madrid (NAPOLI-REAL MADRID) e parlare degli spagnoli che hanno goduto del catering messo a disposizione dal Calcio Napoli? Immagino la scena e mi torna alla mente il film di Totò quando parla “dei famosi antipastini di mia moglie“, immagino gli spagnoli che mangiano con le posate legate con una catena al tavolo. Frase certamente detta per mettersi all’altezza del Comune che FINALMENTE ha ristrutturato i cessi nella tribuna stampa. Ma ha senso dirlo in tv? E’ stata la cosa peggiore dell’intera intervista.

2) C’è invece del bene e del male nelle parole contro i “giornali del nord”. De Laurentiis non ha fatto altro che raccontare un’evidenza: ci sono grandi poteri in Italia che non vedono di buon occhio l’ascesa del Napoli. Il presidente ha denunciato solo un’ovvietà. Un’ovvietà che però a questo punto nasconde una debolezza: certifica che il Napoli non conta nulla nei palazzi del potere e l’unico modo che ha per contare è portare dalla propria parte i propri “consumatori”, i “clienti”. Una specie di ritorsione (vedere il discorso sulle vendite in Campania della Gazzetta) nei confronti di questi poteri. Se da un lato piacciono le parole alla “Masaniello” di De Laurentiis, dall’altro certificano l’impotenza all’interno del sistema del presidente. Un dirigente di un’altra squadra quelle uscite in pubblico non le fa, resta in silenzio e poi, con accurate tecniche di moral suasion, prova a portare dalla propria parte i personaggi che contano all’interno dei “Palazzi”. Ma assistiamo, ancora una volta, ad una totale assenza di diplomazia.

3) De Laurentiis ha fatto bene nel continuare a recitare “la parte” del Napoli vittima di tutto e tutti. Lo aveva fatto contro la Rai per il caso telecronaca, lo aveva fatto contro gli arbitri dopo l’assurda direzione di Valeri in Coppa Italia contro la Juve e ha fatto bene ormai a tenere questa posizione. Se deve essere guerra, che guerra sia. L’importante ora è che si continui. Non sappiamo se sarà una buona strategia, ma sarebbe ancor peggio se (come purtroppo spesso è accaduto) mollasse la presa. In comunicazione anche difendere ostinatamente una posizione (giusta o sbagliata che sia) è sempre fruttuoso nel lungo periodo. Magari fidelizzi al tuo pensiero solo un piccolo gruppo di persone, ma la tua posizione da “probabile” diventa una “verità”. Quindi ora il presidente non ci deluda e continui tutte le volte che può nel recitare la parte di Masaniello. Qualora non lo facesse sarebbe un autogol gravissimo dal punto di vista comunicativo ancor peggio di alcune delle sue uscite infelici.

4)Proprio ieri non c’entrava una mazza il discorso del “Lavali col fuoco”. Se il presidente aveva qualcosa da dire doveva farlo sabato scorso contro la Roma quando quel coro schifoso è stato cantato più volte. De Laurentiis era allo stadio, dopo la gara avrebbe dovuto scendere negli spogliatoi e aprire il caso. Perché nella comunicazione i tempi sono più importanti dei contenuti. E l’autogol delle parole dopo la gara di Madrid sono frutto proprio dell’errato tempismo.

5)Capitolo Malfitano. Non so se il giornalista della Gazzetta sia juventino o meno. Ad ogni modo un giornalista fa il giornalista e non si è più bravi o più credibili se si tifa per una squadra o per un’altra. Se De Laurentiis vuole attaccare la Gazzetta e Malfitano non usi questi trucchetti, tanto più che l’auto del collega è stata bersagliata nei giorni scorsi da ignoti teppisti (la solidarietà umana e personale non viene meno neppure da noi). Detto questo, si può fare di Malfitano un martire, ma non certamente un santo (come pure qualche collega ha cercato di fare). Se De Laurentiis vuole criticare Malfitano lo faccia per come il giornalista svolge il proprio lavoro, non perché questi tifa per la Juve o per il Napoli. Del resto non ci vuole tanto per fare le pulci a Malfitano. Uno che lo scorso anno dopo 3 giornate criticava gli acquisti di Hysaj, Allan e Valdifiori e, SOPRATTUTTO, diceva che con Sarri il Napoli non sarebbe andato da nessuna parte. Beh, i fatti lo hanno sonoramente smentito. Malfitano è colui che dopo Juve-Napoli di Coppa Italia, tanto per muovere una critica come fa la gente che parla per far prendere aria alla bocca, scrisse che Sarri avrebbe dovuto impiegare Allan. E Allan era infortunato. Commenti che uno si aspetterebbe di ascoltare al Bar dello Sport il lunedì mattina sorseggiando un cappucciono. Altro che Gazzetta dello Sport. Insomma, di episodi particolari per criticare Malfitano ce ne sarebbero a volontà. Ma usare l’arma del tifo non è un comportamento da grande società. Anzi, è un comportamento che non ha senso se non quello di fomentare odio verso un personaggio attraverso trucchetti indegni.

6)Ecco, la sensazione finale è che il presidente di una grande società non vada in tv a fare certe dichiarazioni. C’è un provincialismo, una pressapochezza che non depongono a favore del presidente. Eppure il club ha i conti in ordine e la squadra è formata da grandissimi giocatori che da 7 anni giocano stabilmente in Europa. Sono i ragazzi che hanno messo paura al Real Madrid. Ma tutto questo non fa una grande società. Soprattutto nell’era della comunicazione. In sintesi: bene Aurelio, ma male Aurelio. Forse sarebbe il caso di assumere uno speaker in questi casi come funziona per le alte cariche politiche. Ieri il presidente ci ha ricordato che di margini per crescere ne abbiamo ancora. Assai più che in campo perché becchiamo due gol su calcio d’angolo.

Valentino Di Giacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

 

0 1025

Un punto di partenza, non di arrivo

Fatemi un piacere: se volete fare i “pezzenti sagliuti” che volete criticare il Napoli perché non ha battuto ‘o Real Madrid non leggete questo articolo, chiudete e passate appresso. Troverete certamente altri commentatori che saranno maggiormente inclini a coltivare la vostra eterna insoddisfazione per qualsiasi cosa. Detto questo, passiamo appresso con chi ci sta. Con quelli che ancora sognano un mondo d’amore per dirla con Bellavista.

Abbiamo visto per oltre un tempo il Real Madrid buttare la palla sugli spalti come se fosse una squadra di B che viene a chiudersi a difendere il risultato. A un certo punto abbiamo assistito persino al cambio di Cristiano Ronaldo, messo da Zidane al centro dell’attacco al posto di Benzema per cercare di sfruttare in velocità qualche contropiede, come fanno i mister dei ragazzini categoria Esordienti quando mettono davanti il bimbo più grande per mettere in difficoltà gli avversari più piccoli fisicamente. Ho visto Modric, MODRIC, balbettare in mezzo al campo. Ho visto Hamsik dare lezioni applicate di tecnica calcistica.

Ora dobbiamo metterci d’accordo se considerare tutto questo un’effimera soddisfazione oppure esaltare quanto abbiamo visto fare dal Napoli per più di 50 minuti. Sono prospettive. E, devo ammetterlo, in me oggi prevale ancora il lato emozionale. Io il Napoli non l’ho mai visto giocare così come ieri sera, in realtà sono 30 anni che non vedevo una squadra italiana giocare a quei ritmi in Europa. Uomo su uomo a tutto campo, difesa sulla linea mediana, raddoppi sistematici e pressing asfissiante. Il tutto condito da un fraseggio in fase di possesso più efficace di quello delle “Football legend” del Real. Ho visto un gol da PlayStation. Ho visto un palo di Mertens. Ho capito sin da subito che se sbagliavamo un passaggio quelli andavano subito in porta perché abbiamo giocato un calcio che non esiste. Che non abbiamo MAI visto. Il tutto amplificato dalle sensazioni dello stadio, dove la partita puoi vederla davvero per i suoi aspetti tattici e vivere pure tutte le emozioni che ieri sera ha regalato il San Paolo.

Siamo stati bravissimi o dei polli? Oggi se lo chiedono tutti. Dico solo che quella di ieri potrà davvero essere considerata una grandissima serata se sarà vissuta da tutti come un punto di partenza e non di arrivo. De Laurentiis parla tanto di “cazzimma” e forse ieri proprio quella è mancata. Non per l’ardore che tutti hanno messo in campo (ieri i ragazzi andavano a 1000 all’ora), ma per il modo con cui sono stati presi i gol. Ora però non facciamoci tutti “maestri” che sparano sentenze su come ci si difende sui calci d’angolo. Chi segue un po’ di calcio dovrebbe sapere che il signor Sergio Ramos ha segnato così qualche altro gol “abbastanza importante”, tanto per usare un eufemismo. Non facciamo gli spocchiosi, come se noi fossimo gli inventori del calcio, attribuendo al Napoli dei poteri che in 90 anni di storia non ha mai avuto.

Ieri mi sono preso persino la briga di “discutere” allo stadio quando un signore davanti a me, dopo aver visto TUTTO QUESTO ( che mi pare tanta roba), diceva la solita frase “Non vinceremo mai”. Poi, tipico anche in questo di un certo sentimento che vive in città, aggiungeva: “Eh perché se ci fosse stato Higuain”. A quel punto non ce l’ho fatta più e gli ho fatto notare che senza i 90 milioni del trentenne argentino oggi non assisteremmo alle prodezze di Rog, Zielinski, Milik, Diawara. E lui, ostinato: “Non me ne fotte di questi qua, voglio Higuain e vincere le partite”. E qui dovremmo ricordare di quando il Napoli con il signor Gonzalo perse una semifinale con il Dnipro, non proprio il Real Madrid. Al di là di ogni merito, a me fa impazzire l’evidenza che in una città in cui non funziona quasi nulla, ci si metta a criticare l’unica che funziona veramente ed è proprio il Calcio Napoli. Su questo ha ragione De Laurentiis.

Godiamoci ciò che abbiamo visto. Il Napoli ha onorato la Champions vincendo il proprio girone, ma ha preso la squadra più forte. Non per questo ci siamo arresi, anzi, per usare la felice espressione di Sarri nella conferenza pre-partita “gli abbiamo fatto girare i coglioni”. Sarà stata davvero una grande serata se l’utilizzeremo per crescere ancora. Ha ragione Sarri quando parla di crescita da 9 a 10.

Un ultima considerazione va per i tifosi. Erano quasi tutti “occasionali” eppure hanno trasformato il San Paolo nell’inferno in terra. Per me è stata una delle più belle serate mai vissute a Fuorigrotta. La metto alla pari con quei 2 minuti in cui risuonò Napul’è contro la Juve dopo la morte di Pino Daniele. Sembrava essere in un film. Sono quei momenti in cui il popolo napoletano, e accade rarissimamente, realmente riesce ad unirsi nella sua anarchica maniera. Anche lì perdemmo 3-1. Ma se si è uomini d’amore il risultato non conta. Se si è uomini d’amore è meglio stare con una bellissima donna almeno per un’ora che non aver vissuto quel piacere. Una delle più belle serate mai vissute. Una delle più belle serate mai vissute. Me lo ripeto a mente come un mantra e sorrido felice. Ma deve essere un punto di partenza, non di arrivo. Forza Napoli, siamo bellissimi.

P.S. Un appunto “simpatico” alla Curva B (ieri eccezionale): contro il Dnipro la coreografia diceva “Magnammancill” e finì come finì, ieri con il Real la coreografia era “Affondiamoli”. Vi invito a riflettere per le prossime volte sull’opportunità di usare queste espressioni in futuro. Diciamo che non portano proprio bene… 

Valentino Di Giacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

 

0 238

Il Napoli porta a casa tre punti nel turno infrasettimanale con una partita poco brillante, convincente solo a tratti, con qualche svarione difensivo e (prevedibilmente) meccanismi tutti da trovare nel reparto offensivo con un pur brillantissimo Mertens che non può fare da 9 per ovvi motivi.

Sarri ha continuato sulla strada del turnover, con Maggio e Chiriches in difesa, Zielinski al posto di Hamsik e il “tridente piccolo” davanti. L’Empoli dall’altra parte veniva da un inizio di stagione difficilissimo con appena 2 gol segnati in nove giornate, entrambi peraltro di difensori centrali. Viene da dire che sarebbe stato difficile prendere gol anche contro un avversario del genere; eppure il Napoli c’è andato vicino, in particolare con la doppia occasione di Dimarco al 69′ sulla quale Reina è fondamentale. Nell’altra area Skorupski compie almeno 3 interventi decisivi su Callejon, Mertens e Jorginho limitando il passivo; il gol di Mertens su assist di Callejon dimostra una buona intesa tra i due e il raddoppio di Vlad Chiriches da un lato corona una discreta prestazione del rumeno, dall’altro conferma l’efficacia dello stesso schema su calcio d’angolo che aveva mandato in gol Maksimovic settimana scorsa.

Insomma, ancora una prestazione opaca del Napoli, che comunque porta a casa i tre punti; non è poco perchè le dirette concorrenti Juventus e Roma vincono (anche se i giallorossi hanno sofferto contro il Sassuolo), e soprattutto perchè il Napoli questa partita qualche settimana fa l’avrebbe pareggiata: basti pensare al confronto con il Besiktas, perso giocando oggettivamente meglio di stasera. Per battere la Juventus, però, servirà ben altro: c’è da sperare che questi pochi giorni bastino a registrare la difesa e soprattutto a costruire un’intesa e dei meccanismi tra Callejon, Mertens e Insigne, che continuano a cercarsi per combinare da vicino senza riuscire quasi mai davvero a fare paura.

Un’ultima osservazione: lo stadio semivuoto. Qualcuno domani parlerà di disaffezione dei tifosi nei confronti della squadra, ma ha senso mettere in mezzo i sentimenti quando la tariffa per le curve in un turno infrasettimanale contro una squadra di bassa classifica è di 25 euro?

Roberto Palmieri

0 1557

La politica presidenziale

Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Sui media si sta iniziando molto a parlare della scarna presenza dei tifosi del Napoli al San Paolo. Ieri, contro il Chievo, gli spettatori erano appena 20mila. Un dato che, personalmente, non mi dispiace tantissimo perché pone fine a tutti quei servizi televisivi folkloristici che mandano in onda non appena gli azzurri vincono un po’ di partite di fila o sono alla testa della classifica. Li conosciamo a memoria quei “reportage”, ne hanno fatti a migliaia ma in fondo è sempre lo stesso: la statuina del calciatore sul presepe di San Gregorio Armeno, il tifoso “esperto” con la pizza tra le mani, le immagini dal lungomare dove si cerca di raccontare una città immobile perché il Napoli ha vinto e quindi a nessuno interessa di lavorare, fare la spesa, portare a scuola i bambini. Perché a Napoli le vittorie DEVONO per forza essere celebrate così. Con i 20mila di ieri scompare finalmente la leggenda del pubblico che campa di pane e Napoli, ma più spesso “solo di Napoli”, come con il veleno di Miseria e Nobiltà.

In realtà il tifo partenopeo non si è disamorato, segue semplicemente le evoluzioni del “calcio moderno” che non sono sconosciute in altre città d’Italia. E poi si aggiunge la scelta scellerata della società sul prezzo dei biglietti. Ieri un tagliando in curva costava la bellezza di 25 euro. Era Napoli-Chievo, tutt’altro che una partita di cartello. Se un genitore avesse voluto portare moglie e due bimbi nell’inospitalissima curva del San Paolo avrebbe dovuto spendere, per Napoli-Chievo (lo ricordiamo), ben 100 euro. Evidentemente quell’ipotetico papà non campa di “solo Napoli”, ma con quei 100 euro ci fa la spesa per una settimana.

Ieri anche un mio amico ed io eravamo invogliati ad andare allo stadio. Noi, malati del Napoli e dello stadio. Eppure due conti ce li siamo fatti: siamo entrambi appassionati di Brasile e cucina brasiliana e, riflettendoci un po’, abbiamo deciso di andare a vedere Napoli-Chievo in una churrascheria carioca. Il menù (tutto a volontà) costa 35 euro. Si mangia fajolada, riso e poi una serie interminabile di portate di squisita carne finché il tuo stomaco non scoppia. Insomma, con 10 euro in più abbiamo visto la partita e abbiamo mangiato come due maiali il cibo che ci appassiona. Il costo aggiuntivo delle birre? Le avremmo comprate anche allo stadio nel pre-partita al Gazebo. Certo, alla fine abbiamo pagato qualcosina in più perché proprio non potevamo esimerci dal festeggiare e digerire con cachaca e caipirinha.

Insomma anche i tifosi più malati due conti in tasca se li fanno. Siamo due che abbiamo già comprato il biglietto per Lisbona per andare a vedere la partita con il Benfica e che per ammirare l’esordio del Napoli in campionato contro il Milan abbiamo speso la poco modica cifra di 40 euro per la curva B.

Ora si può raccontare di un pubblico disamorato. O, più semplicemente, dare ragione a quei tifosi che chiamano “bagarino” il presidente. Perché 25 euro per una partita contro il Chievo, in uno stadio dove per primo lui dice di non volerci mettere più piede tanto che l’impianto è fatiscente, è una cifra enorme. 15 euro sarebbe stato un prezzo corretto, 20 euro sarebbe stato un po’ caro, ma almeno nell’immaginazione sarebbe andata via solo una banconota azzurra, quella da 20 appunto. 25 euro no. 25 euro sono troppi troppi troppi.

Qui abbiamo sempre difeso il presidente dalle accuse di “papponismo” che ci sembrano oltremodo lunari. Non è neppure questo il caso, il costo dei biglietti allo stadio, per la scarsa incidenza sui bilanci, non è certamente una scelta economica. E’ una scelta politica: un po’ per dare il segnale a De Magistris che il club può fare persino a meno dello stadio, un po’ per dare uno schiaffetto ai tifosi che in questi anni hanno contestato la società il più delle volte immeritatamente e stupidamente. E’ una scelta politica che non sappiamo quali frutti porterà a De Laurentiis. Intanto, da qui, gli diciamo che è davvero un prezzo da bagarini quello fissato contro il Chievo. Non vogliamo fare il pubblico che balla la tarantella e suona il mandolino, ma una partita allo stadio vorremmo godercela senza dover spendere un occhio della fronte.

Ieri il pappone l’ho fatto io. Che mangiata! Alla faccia dei 25 euro!

Valentino Di Giacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

 

0 1467

In attesa di O surdat nnammurat

Quando il San Paolo è una bolgia

La curva B. Per me la notizia di ieri non è la vittoria contro il Milan, la doppietta di Milik, l’ottima prova di Zielinski. La curva B, piano piano, sta ritornando una signora curva. Dopo molti anni ho finalmente rivisto il vero tifo al San Paolo e sono ritornato a casa con una gioia nel cuore immensa, assai di più che per la vittoria. Tutt’altra storia rispetto allo scorso anno quando alla prima di campionato in casa il tifo partenopeo offrì una delle peggiori pagine della nostra storia. Anche lo scorso anno il Napoli vinceva 2-0 contro la Sampdoria e poi si fece raggiungere sul 2-2. Ma in quell’occasione il pubblico napoletano non trovò di meglio da fare che inveire contro De Laurentiis e ricoprire di fischi la squadra. Ieri no, ieri quando il Milan ha pareggiato il tifo in curva B è stato più forte che mai. Ieri la curva B è ritornata ad essere il 12esimo uomo in campo. Sarò un romantico di questo sport, ma io sono fermamente convinto che il pubblico incida tantissimo sui risultati. E anche ieri mi è sembrato così.

Non è la curva B degli anni d’oro, il tifo è spesso disorganizzato, alcuni cori sono nenie che probabilmente annoierebbero persino i viaggiatori nei pullman per i pellegrinaggi a Lourdes, ma i segnali sono incoraggianti. Resiste ancora qualche coro per i diffidati, contro  le tessere e tutte quelle cagate che a chi va allo stadio solo per tifare per la squadra non interessano minimamente, figurarsi ai calciatori che sono in campo. Resiste pure “Un giorno all’improvviso”, noi chiaramente preferiremmo ‘O surdat ‘nnammurat e non è un caso che il nostro sito si chiami proprio così. Però i segnali sono molto molto incoraggianti. Finalmente ho rivisto soffrire il pubblico insieme alla squadra, quella sinergia di intenti che crea alchimie inspiegabili. Il Milan ha segnato il secondo gol e i tifosi hanno cantato ancora più forte. Finalmente.

I cori contro De Laurentiis? A fine partita, dopo il 90esimo, scelta saggia. Pure dei bomboni sono stati lanciati a fine partita (queste magari andrebbero evitate). Per i 90 minuti si pensa al Napoli, dopo si può fare ciò che si vuole. Sarebbe bello se i curvaioli facessero i cori contro la tessera o in favore dei diffidati al di fuori del tempo di gioco. Ma, ripeto, sono piccolezze rispetto ai segnali incoraggianti che finalmente mostra quella che è stata per anni la curva più bella d’Italia.

In curva A, invece, non si è praticamente tifato. La parte centrale del settore è stata lasciata transennata e deserta, al centro uno striscione più che eloquente diretto a De Laurentiis “40 Euro“, il costo del biglietto di curva per la partita di ieri. Anche questo ci sta, 40 euro per una curva del San Paolo è uno sproposito per qualsiasi partita. Ora però, da tifosi, dobbiamo augurarci che anche la curva A, dopo le “dimissioni” dei gruppi organizzati, possa di nuovo ritornare ai fasti di un tempo.

Sono stato spesso critico con i tifosi del Napoli, sono anni che il tifo al San Paolo mi piaceva sempre meno. Un tifo esigente, a volte muto, altre contestatario inutilmente. Ieri finalmente ho rivisto che anche Napoli può avere un bel clima allo stadio. C’erano anche tanti tanti bambini. E’ stato bello, bellissimo. Ragazzi, continuate così. Il vero tifoso si vede quando la squadra è in difficoltà, quando segna e vince sono bravi tutti. L’antico adagio partenopeo, in fondo, recita proprio così: “Quann’ ‘o mare è calmo ogni strunz è marenaro”. Forza Napoli!

Valentino Di Giacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DISOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 883
Fonte: twitter.com/sscnapoli

Il tifoso napoletano d’estate ha grande passione: lamentarsi. Smaltiti gli entusiasmi o le delusioni per i risultati di coppe e campionati noi Napoletani passiamo l’estate a lamentarci di tutto, di qualsiasi cosa. Ci si lamenta delle cessioni, ci si lamenta di chi rimane, ci si lamenta del presidente, ci si lamenta degli acquisti prima ancora che arrivano, se il giocatore comprato è forte ci si lamenta del prezzo o del contratto, ci si lamenta delle amichevoli, dei prezzi dei biglietti o degli abbonamenti, ci si lamenta della nuova maglia, della seconda maglia e pure della terza maglia, ci si lamenta dello stadio, ci si lamenta dei biglietti regalati, dei palloni, del centro di allenamento, ci si lamenta dei giornalisti e degli opinionisti che a loro volta si lamentano, i papponisti si lamentano dei presidenzialisti, gli abbonati si lamentano degli occasionali, gli occasionali si lamentano degli ultrà, gli ultrà si lamentano un po’ contro tutto.

Quest’anno solo di una cosa non ci si è lamentati, o almeno ci si è lamentati meno del solito: l’allenatore. Si, perchè il buon Sarri ha convinto proprio tutti lo scorso anno raggiungendo un secondo posto su cui solo l’estate scorsa nessuno avrebbe mai scommesso. Il mercato ha deluso tanti, non tanto per gli acquisti che sono stati fatti con intelligenza e che offrono buone alternative al mister, quanro per l’addio, o tradimento, di Higuain.

Quando perdi un campione del suo livello tutto diventa un’incognita, il miglior capocannoniere della storia della serie A non si sostiuisce facilmente e ADL e Giuntoli hanno fatto la scelta, mediaticamente suicida, di non comprare nessun “grande nome” che potesse far sognare i tifosi. Così, fra mille incertezze la palla passa a Sarri, che con il solito entusiasmo ha lavorato con la squadra ottenendo risultati straordinari, per quello che valgono, in precampionato.

Siamo più forti o più scarsi dell’anno scorso? Difficile dirlo, se guardiamo l’undici titolare per dieci inducesimi è rimasto immutato, la squadra conosce i meccanismi a memoria e si muove come un orologio, la panchina al netto degli infortuni si è rinforzata e c’è sicuramente qualche alternativa tattica in più… Ma manca il fuoriclasse, abbiamo tanti talenti, molti campioni ma il fuoriclasse non c’è… o forse si rivelerà durante il campionato.

Non resta che aspettare un paio di giorni per fugure i primi dubbi, anche se oramai sappiamo che non bastano neanche 10 giornate per avere un’idea precisa sul campionato.

Noi come sempre siamo pronti a seguire la squadra, sostenere chiunque indossi la maglia e soffrire e divertirci insieme.. in fondo il bello del calcio è proprio questo.

Paolo Sindaco Russo

0 955
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Era il primo novembre del 2015, si giocava Napoli – Roma. Il Napoli di Benitez aveva balbettato ad inizio campionato, ecco arrivare i giallorossi per recuperare il cammino. Gli azzurri giocano un primo tempo da accademia, passano in vantaggio con un gol di Higuain in mezza rovesciata al volo. Saranno le prove generali per quel suo ultimo gol in maglia azzurra contro il Frosinone. Ma noi allora non lo sapevamo.

Il Napoli soffre, ma il Pipita gioca una partita di sacrificio per aiutare i compagni a rintuzzare gli attacchi romanisti. A guardare c’è il solito San Paolo degli ultimi anni: un pubblico diventato nel tempo, per varie ragioni, più silente ed esigente rispetto a tutta la sua storia. Con le curve che cantano cori un po’ autorefenziali, un po’ “incantabili” che non riescono a trascinare l’intero stadio alla “guerra sportiva”. Io quel primo novembre sono in tribuna con il mio amico Luigi. Le curve negli ultimi anni le evito sempre di più perché mi fa un po’ rabbia e un po’ tristezza assistere a quello che sono diventate: un gruppetto di 100/200 persone che canta i propri motivetti un po’ sciocchi e tutto il resto che guarda la partita tra urla, imprecazioni, i soliti “esperti” di tattica che suggeriscono sostituzioni, disposizioni tattiche ecc.

Sotto la nostra tribuna ci sono i soliti ragazzini delle scuole che il Napoli invita tutte le domeniche ad assistere alla partita. Higuain prende la palla e i bambini iniziano ad incitarlo: “HIGUAIN – HIGUAIN – HIGUAIN”. Non so se quella sia stata la prima volta di quel coro, ma dovrebbe essere proprio quel Napoli – Roma ad aver dato inizio a quella cantilena che sarebbe durata ancora per quasi 2 anni. Il Napoli tiene l’1-0, soffre, il pubblico lo capisce. HIGUAIN – HIGUAIN – HIGUAIN. Riprendono a cantare i bambini e poi comincia la tribuna, prima il lato inferiore, poi la Nisida e la Posillipo, poi i Distinti. A poco più di 10 minuti dalla fine della partita, Gonzalo prende la palla e serve con il contagiri un pallone per l’inserimento di Callejon che segna il 2-0. HIGUAIN – HIGUAIN – HIGUAIN, stavolta è quasi tutto lo stadio a cantare per lui. Credo sia la prima volta che un coro nasca dalla tribuna e poi si propaga allo stadio intero. Un coro di bambini, un coro bambinesco, ma efficace. E soprattutto un coro utile perché Gonzalo sente finalmente di essere un idolo di questa città. Basti pensare che se Lavezzi ha avuto quel “BLASFEMO” coro “Olè olè olè olè Pocho Pocho” sul motivetto che cantavamo per Diego, Edinson Cavani l’extraterrestre al San Paolo non ha mai avuto un proprio coro.

E’ la nuova politica del tifo “organizzato” (sarebbe meglio definirlo disorganizzato) di non cantare più cori per i calciatori, perché esiste “Solo la maglia”. Una convinzione che ora, dopo la partenza del vigliacco, si rafforzerà ancora di più. E invece no! Non deve essere così!

Lo sappiamo tutti che la maggior parte dei calciatori sono “mercenari”. Eppure resto convinto che questi vadano incitati anche singolarmente. Loro sfruttano la nostra maglia per accrescere il proprio prestigio? Ecco, noi sfruttiamo loro per farli rendere al massimo con la nostra maglia. E’ un discorso di convenienze, come quei vecchi matrimoni di un tempo. Un calciatore che riceve un coro è stimolato mille volte di più e rende assai di più. Basta tornare indietro a quando “l’odiato” Palummella faceva cantare sul motivo di Ricky Martin “Gol gol gol, alè alè alè, Scwoch Scwoch Scwoch alè alè alè”. E ricordiamo tutti cosa abbia fatto Stefan in maglia azzurra, oppure Roberto Stellone alè ooo, Roberto Stellone alè ooo.

E poi c’è anche un altro motivo per cui bisogna incitare i singoli calciatori. Per i bambini che trasformano i ragazzi in maglia azzurra in propri eroi e hanno una voglia matta di manifestare quel loro amore. Proprio come accadde quel primo novembre del 2015.

E così mi torna alla mente il bimbo che ero, quando in un cortile da solo con il pallone creavo azioni e nella mia mente inscenavo una telecronaca con i miei eroi: “Alemao imposta, la gira a destra per Crippa, di nuovo al centro per Maradona. Maradona, Maradona, dribbling, la mette al centro, Carecaaaaaaaaaa gooooooool”. Erano i miei Batman, i miei Superman, i miei Spiderman. Ecco, non credo che tutti debbano avere un coro. Ma un ragazzo che da 10 anni veste la nostra maglia, il nostro capitano ormai mezzo napoletano e mezzo slovacco, un coro lo meriterebbe. Un po’ per lui, un po’ per noi e tantissimo per quei bimbi che vedono Marek come un idolo assoluto. E soprattutto un po’ per quel bimbo che ci vive dentro e che ci fa ancora impazzire il cuore quando vediamo un pallone rotolare su un campo verde e una maglia azzurra come il cielo che corre insieme a tutte le nostre emozioni.

Valentino Di Giacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DISOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it