Authors Posts by sindaco

sindaco

sindaco
387 POSTS 0 COMMENTS
Napoletano di nazionalità, fede sportiva e religiosa, scelte in cucina e soprattutto di nascita, si dedica volentieri alla filosofia spicciola e all'antropologia da bar. Vive come se fosse un personaggio minore di "Così parlò Bellavista"

0 3098
https://www.facebook.com/bancoalimentare/photos_stream

Che la pizza faccia gola a tutti non è una sorpresa. Non a caso è il cibo più famoso del mondo, non c’è età, nazionalità, etnia, religione, latitudine e provenienza geografica che tenga, i non amanti della pizza sono solo casi isolati.
Il capolavoro del genio napoletano ha conquistato il mondo con pochi semplici ingredienti e grazie alls maestria e alla professionalità dei pizzaioli napoletani custodi dell’antica tradizione pizzaria. Ma si sa, in Italia se qualcosa non fa si parla di Napoli, quando qualcosa funziona e piace si parla di “Eccellenza Italiana” e purtroppo l’Expo non ha fatto eccezione.

Si è celebrata in questi giorni all’Expo di Milano la realizzazione della pizza più lunga del mondo, con tanto di iscrizione del primato del Guiness e ovviamente, in una festa che dovrebbe celebrare la località e l’eccellenze dei prodotti, a chi è stata affidata la realizzazione? A uno dei pizzaioli storici? A una delle associazione che tutela e garantisce la qualità della pizza? Agli allievi di una scuola dei grandi maestri pizzaioli nostrani? Ovviamente NO!
Il premio con tanto di marchio Guinness Word Records – Record Holder campeggia con prepotenza sulla pagina web de La pizza + 1 una società Piacentina che produce pizze precotte, pizza da microonde e simili, dire che è offensivo per la nostra cultura è poco, ci vorrebbero almeno delle scuse ufficiali da parte degli organizzatori.

Se questo è il loro modo di “Nutrire il pianeta” di certo non è il nostro, noi continuiamo a nutrirci a modo nostro, con acqua, lievito, farina, sale e gli ingredienti locali alla base di quel semplice capolavoro che si chiama pizza.

Paolo “Sindaco” Russo

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 2390

0 897
Foto di Juan Fernández - https://www.flickr.com/photos/juanjaen

Se avesse senso fare una classifica degli sport più amati a Napoli probabilmente la pallanuoto sarebbe al secondo posto, se invece dovessimo parlare di risultati non ci sarebbero dubbi: la pallanuo è al primo posto.

Un po’ come la finale di champions di due anni fa che vedeva protagoniste due squadre della stessa città, così, per un giorno, sul tetto d’europa c’è stata Napoli. Lo storico Posillipo si è incontrato infatti in finale con l’acquachiara avendo poi la meglio per 11 a 10 contro i concittadini e portandosi a casa l’Eurocup.

 

Paolo “Sindaco” Russo

0 958
Foto di PAolo Russo

Da almeno 30 anni per ogni sindaco o aspirante, per ogni giunta comunale per chiunque abbia la nacessità di racimolare qualche voto Bagnoli è la terra del futuro, da almeno 30 anni è un quartiere da rivalutare, eppure sembra tutto fermo al giorno dopo la chiusura dell’Italsider.

Mille progetti e altrettante idee tutte mai realizzate o lasciate a metà. Ma almeno Bagnoli era un quartiere tranquillo, alle famiglie operaie con il tempo si erano aggiunte coppie giovani e nel quartiere si viveva sempre quell’atmosfera di “paese” cantata da Bennato.

Eppure stanotte sono stati esplosi colpi di pistola sul viale campi flegrei, le rapine e i furti sono in aumento e gli schiamazzi notturni all’ordine del giorno.

Mentre la classe politica continua a interrogarsi sul futuro di Bagnoli i cittadini si fanno domande sul presente e le risposte non sono del tutto rassicuranti.

 

Paolo “Sindaco” Russo

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 750
Foto di Paolo Russo - https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10152153022335963&set=a.99570900962.90281.716115962&type=3&theater

In una città come la nostra, dove un tuffo è sempre a distanza di minuti dovrebbe essere vietato andare a scuola, andare a lavoro in giornate come questa. O per lo meno bisognerebbe garantire a tutti una pausa tuffo: un’ora in cui il dipendente (o lo studente) viene accompagnato nel luogo balneabile più vicino, si fa un tuffo, una calatella, una mezza nuotata e poi torna alle sue mansioni rinfrescato e più produttivo di prima.

Chiediamolo a tutti i sindacati!

Paolo “Sindaco” Russo

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 2937

Questo è un sotto titolo

Frittata di Maccheroni

La regina dell’estate è senza dubbui lei: la frittata di maccheroni. C’è una spiaggia a Napoli dove dalle 12:00 alle 15:00 non è visibile almeno una fetta di frittata di pasta?
Direi di no!
Alta o bassa, rossa o bianca, Farcita o senza niente è impossibile immaginare un’estate senza frittata, o almeno io non ci riuscireri.

 

 

 

Paolo “Sindaco” Russo

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 3171

Sono uno dei must di Starita, anche da Vuolo a eccellenze campane fanno bellissima figura, in tutta Napoli tante pizzerie amano mettere in menù questi straccetti di pizza fritta, conditi con i pomodorini freschi all’insalata.

Mi hanno sempre dato l’idea di essere un’insalata di pizza, forse per mettermi a posto con la coscienza mangiando il fritto senza quel senso di colpa che dovrebbe colpirti quando esageri con le calorie… Ma io non ho mai avuto quel senso di colpa!

Paolo “Sindaco” Russo

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it