Authors Posts by Giovanni Savino

Giovanni Savino

Giovanni Savino
56 POSTS 0 COMMENTS
Trentenne emigrato a Mosca, tifoso del Napoli, storico per passione e per scelta, coltivo giovani menti (tiè tiè), ogni tanto scrivo (azz) e m'intalleo. La cazzimma come ideale da raggiungere, il chivemmuorto come pratica quotidiana.

0 811
Foto di Ria Novosti

Da Mosca il nostro inviato innamorato:

Una notizia qui in Russia rompe la placidità di una mattinata timidamente soleggiata: Silvio Berlusconi vuole diventare ministro dell’Economia della Federazione Russa. Il fatto è riportato da «La Stampa», e le agenzie russe subito hanno battuto la notizia, anche perché non esiste un ministero dell’Economia, ma ci sono i dicasteri delle Finanze e dello Sviluppo economico. Quando aggio visto ‘a nutizia apparire sugli schermi, ho avuto un momento d’ilarità, cioè me so schiattato ‘e risate, e aggio accumenciato a cantà “Meno male che Silvio c’è”, e poi mi sono immaginato come sarebbe un ministero russo sotto la guida di Berlusconi, provando a non lacrimare per il pariamiento.

Innanzitutto, la selezione del personale: un casting dove si selezioneranno fanciulle under-30, la conoscenza della lingua italiana costituisce titolo preferenziale, ma soprattutto il come sarà svolta la prova orale. Insomma, si prevedono code di femmene per la via Il’inka, che conduce verso la piazza Rossa, e i cronisti de “Il Fatto Quotidiano” che provano a entrare rint’o ministero. Registratori pe’ tutte parte, guagliuncelle plastificate che vendono esclusive, polemiche… uà, ‘o burdell! La scelta, vista la composizione multietnica del paese, sarà molto variegata, e riuscirà sicuramente a soddisfare chillu viecchio “sciupafemmine” (diciamo così) dell’ex premier.

Poi il dress-code: qui il problema però sarà come coniugare le esigenze del Cavaliere con il rigido inverno russo, a meno di non correre il rischio di congelamenti, cosce come mulignane viola et similia. Ma anche qui, non sarà difficile trovare una soluzione, già posso immaginare un servizio limousine, dove, incuranti dei -30 gradi all’esterno, le nuove impiegate del ministero berlusconiano si recheranno al lavoro in vestitini giro-vulva e autoreggenti, il tutto degno di Malizia di Samperi.

            Ma quali saranno le misure che potrebbe attuare Berlusconi per far ripartire l’economia russa? Di certo, sarà difficile capire come organizzare le “cene eleganti” in tempo di sanzioni sui prodotti alimentari europei, ma pure là, no problem, ce penza iss a parlà cu Putìn, e così torneranno ‘o parmiggiano e ‘a muzzarella nei supermercati di Mosca. Silvio putesse organizzare un bisiniss legato alle materie prime, cioè petrolio e donne: calendari della RosNeft e della Gazprom con femminoni spugliati su oleodotti e gasdotti mmiezz ‘a steppa; concerti di Mariano Apicella al teatro del Cremlino dove un fascio di luce si proietta a centro sala e esce lui, il Cavalier-minìstr (bello ‘stu fatto del russo, che tutte le finali sono ‘nu poco comme ‘o napulitano), cantando My Way; concorsi di bellezza in Crimea, organizzati assieme alla costruzione del ponte dello stretto di Kerch, tanto ve lo ricordate no che ha costruito chillo ‘ncoppo ‘o Stretto ‘e Messina?

            Non so voi, ma io ci spero, e mo’ ce manne pur ‘o curriculum: già ho tradotto “Meno male che Silvio c’è”. Però voi non gli dite, che dal 1990, per via della monetina di Alemao e dello scudetto, l’aggia accumenciato a schifà: errori d’infanzia.

Giovanni Savino

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 865
https://www.flickr.com/photos/bass_nroll/

In un tempo che è sempre più una scala di grigi con piogge, temperature attorno ai 13 gradi e jastemme varie ed eventuali (commenti dall’Italia: eh, nuje ce stamme squaglianne cu stu calore. Risposta mia: e quindi? Avessa sta con la sinusite, né?), ci sono delle soddisfazioni che vengono proprio da Napoli, e si avverano qui nella capitale russa.

I due schermidori partenopei Diego Occhiuzzi e Luca Curatoli hanno contribuito alla vittoria nella finale di Sciabola maschile a squadre ai Mondiali di scherma di Mosca, battendo la selezione russa con un perentorio 45-36, e dando un po’ di luce a queste giornate spesso scurite dai nuvoloni carichi di pioggia. Ad Occhiuzzi, classe 1981, veterano della scherma, mancava una vittoria iridata, dopo una collezione di successi olimpici ed europei; il giovane Curatoli conquista all’esordio tra i senior l’oro.

Come il nostro buon Paolo Sindaco Russo, anche chi scrive si ritiene di nazionalità napoletana, ma c’è un elemento da ricordare quando si parla di sport e Mezzogiorno: le difficoltà quotidiane di chi vuole emergere in una situazione dove mancano strutture sportive, con realtà associative che resistono giorno dopo giorno e tirano avanti, crescendo talenti. In Russia non è così: se in epoca sovietica lo sport era visto come un elemento della grandezza e di dimostrazione della superiorità del socialismo (come poi sia andata a finire, è n’atu fatto), ora comunque c’è un certo investimento, e si tutelano gli atleti agli inizi, proprio nel momento più delicato. C’è anche una gran quantità d’impianti sportivi, quando spesso dalle nostre parti bisogna arrangiarsi con tanta fantasia e fatica. In questi giorni anche un altro sport, l’atletica, ci ha portato la soddisfazione di vedere un figlio della nostra terra, questa volta in veste di tecnico, protagonista: parlo di Tonino Andreozzi, che in passato ha portato le ragazze dell’Atletica Aversa ai massimi livelli nazionali e europei, ed ora si occupa delle nazionali giovanili. Vedere la “capa ianca” di Tonino gettarsi in un abbraccio ai suoi “azzurrini” ai Mondiali allievi di Calì in Colombia è un’emozione, soprattutto perché ad Aversa, nonostante si faccia atletica dal 1969, non è mai stata costruita una pista.

Quindi è ‘na soddisfazione vedere a dduje guagliune napulitane ‘ncoppo ‘o podio del complesso Olimpico costruito per i giochi di Mosca 1980, certo, forse la scherma non è tanto popolare come lo sport, ma poco importa: sono sempre quelle piccole gioie che rischiarano una giornata.

E mo’ vediamo di sacrificare qualcuno a Demetra e Persefone: jesce sole!

 

Giovanni Savino

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 912
Foto di Michela Castiglione https://www.flickr.com/photos/micheycast/

Una delle tendenze in crescita di questa non-estate moscovita è il ricorso al ritocchino con il botox da parte delle ventenni. Una vera piaga sociale. Esci un giorno con una ragazza, e dopo qualche tempo te la ritrovi con i labbroni, come se avesse fatto faccia e fronte con una delle pesantissime porte di legno della metropolitana, e la prima reazione è quella di dire «ma forse pigliamme ‘na pezza co ‘o ghiaccio?».

            Questa ennesima tappa dell’evoluzione della vanitas vanitatum al femminile è frutto di due fattori: il costo di un’unità di botox oscilla tra i 350 e i 900 rubli, pressappoco 5-15 euro, prezzo molto competitivo in un paese dove centri estetici e saloni di bellezza stanno dovunque, pure 5-6 per strada. Ma il fattore più importante, secondo il vostro affezionato, è in una certa forma mentis dove ‘a femmena già dopo i 25 n’appoco è considerata ‘na bizzoca vecchia e acida, cosa appena appena scalfita dai processi d’urbanizzazione e industrializzazione del Novecento. Una volta andai ad assistere alla discussione di dottorato di una mia amica, venticinquenne appunto, e lì, dopo una ottima prova, iniziarono a dirle: “Katja, comme si bella, comme si brava, ma mo’ tieni un’età, t’avisse spusà”, insomma una specie di “Sposa ragazzina” del Gigi dei migliori tempi. Una corsa contro il tempo, che però è bizzarra e stupida, perché pericolosa: cosa comportano le iniezioni di botox sul lungo termine è materia discussione, di certo ce se fa ‘o sang amaro pe’ se vuttà ‘sta munnezza rint’e labbra (e coccuruna pure ‘nfronte: ascette con una che pareva teneva ‘o cuofano della Ford Ka al posto della fronte, tanto che era bombato dalle iniezioni). Uno potrebbe citare la famosa massima di Anna Magnani sulle rughe, ma quali sfaccimma di rughe adda’ tenè ‘na femmena sotto ‘e quarant’anne? Ma stamme pazzianne?

            Quindi il ritocchino serve per “conservarsi” meglio, in un’età dove generalmente si è al massimo del proprio fulgore: quindi si vedono ragazze di ogni tipo, da giornaliste a sciampiste, da medici a pedicuriste, tutte quante cu ‘stu musso a braciola erotico e sensuale comme a ‘na gomma vulcanizzata. Oltre al borshch, ovvero la tipica zuppa a base di rape, e che nun c’adda fa mal ‘a capa, la donna modello russa pare ca’ mo’ debba essere tutta a base di Saratoga il-silicone-sigillante: ma facitece ‘o piacere! Una forma di abbrutimento e di conformazione a schemi molto di “genere”, e di “consumo”.

            Nella Gatta Cenerentola di Roberto De Simone c’è la canzone delle sei sorelle, e la prima sorella è elogiata per la bella bocca, e “vucchea accà, vucchea allà, cu chella vocca te vo’ vucchià”: qua invece possiamo correggerla con “gummea accà, gummea allà, cu chella gomma te vo’ gummià”.

Giovanni Savino

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 2188

Vivere e lavorare in Russia (sorte toccata in dono al vostro affezionato autore) vuol dire dover rispondere a una serie di domande, alle volte interessanti, alle volte intriganti, e a ‘nu sacc ‘e strunzate. Dal classico “uà, beato a te, stai fresco” (quest’anno sì, ma ignorando che generalmente ‘a staggione a Mosca e persino in Siberia è abbastanza calda, con punte di + 33), al sempreverde “ma quindi là si mena la mazza alla grande?” (no, mo’ dieci anni qua pazziavo ‘o sceriffo, oppure al cosacco).
Come già Stefano Benni aveva scritto ormai quasi quarant’anni fa (e c’era ancora la Cortina di ferro!), ogni anno, secondo le chiacchiere da bar, dovrebbero esserci un milione e mezzo di bambini nati dalle avventure erotiche degli italici maschioni in trasferta. Ma, in verità vi dico, le attese di quelli che vengono qua modello Enzo di “Un sacco bello”, a cui mancano solo le cazette e le penne bic per fare colpo, spesso vengono disattese.
Le ragioni di queste illusioni sono molteplici: la proiezione orientalista di un Est lussurioso e pieno di donne in attesa del bell’italiano; l’aver letto da qualche parte ca ce stanno ‘nu cuofano e femmene in Russia (pare però che le statistiche segnalino un riequilibrio tra i generi, dopo i danni causati da guerre e sconvolgimenti di ogni tipo); una certa rattimma da quattro soldi, dove si pensa “uà ma io sono fresco malamente, po’ song italiano” (con una certa difficoltà ad esprimersi persino nei dialetti e nelle lingue della penisola); ma soprattutto perché sono dei grandi tamarri.
Qui mi si può obiettare: ma ‘e tamarre stanno dovunque. Vero, tant’è che con gli amici qua uno dei divertimenti sono lo scambiarsi informazioni sul look e le gesta dei locali trappani, i gopniki. Però, perché una dovrebbe aprire le gambe a ‘nu tamarro uscito da un video di Lian di fine anni Novanta? E generalmente l’obiezione è: “acchiappi tu (cu ‘sta panza, cosa sottintesa, of course), nun pozz acchiappà io?”.
Alla fine, alcuni tratti son sempre comuni, e dipende dal target: se uno sa parlare, si sa porre, ce la fa dovunque ad ottenere l’ambito premio; invece se sì ‘nu tamarro buono guaglione, puoi finire nella situazione di “Ti ho conosciuto in un clubs” degli Squallor, con la differenza che chesta te fa vennere pure ‘nu rene; oppure si arriva al fatidico giudizio “azz, ma ccà nun se chiava”.
Dicevo poi dell’abbigliamento, uscito pari pari dai peggiori anni Novanta, con capello ‘nzevato di gel, camicia improbabile, catenina della prima comunione, occhialone modello Festivalbar a piazza del Plebiscito, insomma, l’uomo ideale descritto da Angela Fiore & Raffaella in una epica hit napulegna, “Ci piace macho”. Poi qualcuno di questi si stabilisce qua e prova ad apparare ‘a matina ca’ ‘a sera in mestieri improbabili, però con grande presunzione.
Insomma, ‘o lat-r-in lover spesso se ne torna cu ‘nu sacco ‘e ‘na sporta ‘e chiacchiere, ad aumentare la leggenda di una sorta di Sodoma-grad da queste parti, per nascondere che, a finale, è stato lui (in senso figurato) a fare la fine degli abitanti di quella città.

Giovanni Savino

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

0 1052
Foto di PAolo Russo

Quando si vive da tanti anni all’estero si sviluppa un certo bilinguismo, cioè ca nun saje manco tu comme è a dicere ‘na cosa. Una volta, tornato a casa per qualche giorno, chiesi a mammà: «mà, dammi ‘nu polotentse», usando la parola russa atta a descrivere l’asciugamano. Nel caso specifico poi è un trilinguismo, perché sono un sostenitore del «think Neapolitan» (tenevo pure una maglietta fresca assai, col San Marzano ‘mazzecato, dono di Officina Flegrea) e quindi non lo saprei dire in italiano, pienz’ tu in russo.

Tale problema diventa terribile quando si tratta di spiegare agli interlocutori alcune espressioni che sono forze motrici della napoletanità, intendo una serie di maleparole: se mammt’ è ben traducibile in lingua russa, come si tradurrà chitemmuorto? Impresa ardua, perché nei chivemmuorti c’è tutta l’identità e la storia di un popolo, potremmo scomodare anche i Lari e i Penati d’età romana per spiegare l’importanza di oltraggiare la memoria degli avi del proprio interlocutore (cioè ‘e meglio muorte ‘e chitemmuorto). Poi ci sono quelle espressioni più pop, prese dai classici della canzone satirica come gli Squallor, con alcune perle come cerca un nido per vivere questa rondine in ‘E a murì, Carmè o anche tu tieni ‘mmiezze ‘e cosce ‘na Ferrari e non ci vai, ma qui già è più semplice.

Quel che colpisce è l’immediatezza e la lapidarietà dell’espressione napoletana, senza appello. L’altro giorno, per ragioni organizzative (lavoriamo assieme ad amiche e amici a un festival di cultura italiana qua, che sta andando pure bene ma è tutta n’ata storia), sorge un problema dovuto alla musciaria (lentezza, per voi non partenopei) di una impiegata. Dopo varie insistenze durate tre giorni, nessuna delle cose che le avevamo chieste (tempo da impiegare: minuti 5) era stata eseguita. Parlando con Maria su Facebook, lei, con il suo aplomb partenopeo, mi commenta la situazione con un secco ma pare ‘a sora da ‘a fessa!. Come spiegare a un russo tutte le sfumature insite in tale affermazione? In che modo raccontare il giudizio inappellabile di tale espressione?

C’è da dire che ci abbiamo provato, con Jane Bobkova, seguitissima napoletana di Mosca, a spiegare alcune espressioni nostrane nella lingua di Pushkin e Majakovskij, e qui trovate il video, ormai di qualche tempo fa: http://www.youtube.com/watch?v=q6krds608QU

Forse è proprio vero: tradurre è un po’ tradire, le emozioni non han bisogno di parole, e un chivemmuorto è per sempre.

0 1184
@Gianfranco Irlanda

Mattinata grigia, per il calendario è il 7 luglio, ma a Mosca sembra inizio aprile: ‘nu cielo scuro, che ti viene voglia di non alzarti, manco si vengono a scetarti con il caffè due bionde in tutù. Però si deve andare a lavoro, che quella la fatica s’era buona la facevano i preti, e vabbuò. Piove, tira vento, +15, il tragitto fino alla metropolitana è un rosario di chivemmuort in varie sfumature.
Mi siedo in treno, mi connetto sul fantastico Wi-fi che ti inonda di pubblicità ad capocchiam, e apro il Corriere della Sera: e mi esce questo meraviglioso articolo, “Per la prima volta più emigrati che immigrati: e Londra diventa la tredicesima città italiana». Prima reazione: «azz, e dove stavate?». Seconda reazione: «che dice il governo/l’opinione pubblica/la mitica società civile?». In verità, è già dal 2013 che si è fatta la scoperta dell’acqua calda, cioè che migliaia di italiani vanno a cercare come sopravvivere dovunque: a Londra o a Berlino non è difficile sentire accenti di varie parti della penisola e nella sola Mosca si stimano tre-quattromila italiani, un’enormità in un paese dove c’è il visto. Però i dati continuano a essere poco scientifici: si usa l’AIRE, cioè l’anagrafe degli italiani all’estero, e, per dirvene una, il vostro non è iscritto all’AIRE, nonostante stia da anni in riva alla Moscova a intossicarmi le staggioni (per voi non partenopei: le estati). Come me, molti: perché alla fine in alcuni paesi è abbastanza complesso prendere la residenza, mentre all’interno della UE molti non ci pensano nemmeno. Quindi: ma come sfaccimma le fate le statistiche? Andare in giro, fare inchiesta, no eh?
Che dice il governo? Vabbuò, vedi a Matteuccio e pensi a Robertino di Ricomincio da tre, con la differenza che quest’ultimo stev chiuso dint’a casa, Renzi invece ci governa. E a governarci non è solo lui, ma questi elementi di cui ora parleremo. Vi cito direttamente cosa ha detto a ottobre il dott. Mario Giro, già del Pdl, poi con Monti, e sottosegretario agli Esteri. Secondo questo brillante esponente del governo italiano: «Quella degli italiani che si trasferiscono all’estero non è una fuga come chi scappa da guerre e persecuzioni religiose, percorre deserti e mare e arriva a Lampedusa, ma è una scelta» perché poi«gli italiani che migrano all’estero non rischiano la vita, come non l’hanno rischiata i nostri nonni». Per il sottosegretario, bisogna «tenere anche presente che oggi, rispetto al passato, migrare significa spostarsi per mantenere un contatto costante con la famiglia grazie a skype e la possibilità di tornare. Non si parte più definitivamente». Mo’ giustamente, no, via Skype puoi abbracciare i tuoi genitori, ti puoi bere una birra con i tuoi amici, passare una serata romantica (cioè chiavà) con la tua ragazza/il tuo ragazzo (ah no, quello il dott. Giro è della Comunità di Sant’Egidio, prevetarielli vari). Poi lo viene a raccontare a noi: mia sorella lavora a Londra, e il nome del mio trisnonno è nei registri di Ellis Island. Né, duttò, ma che cinema vi siete visto?
La cosa peggiore è come tutto viene sempre raccontato in modo superficiale, senza attenzione, e senza reazione della società civile, questa sconosciuta: secondo i dati della fondazione Migrantes, sono 4.637.000 gli italiani residenti all’estero. Nessuno che ha parenti? O il fatto è che i parenti invece stanno alluccando «hanno stato i zincariiiii» e mettono i like a Salvini?
Voi alluccate, indignatevi, dite che la colpa è dei neri (che, cosa non sorprendente, come evidenzia il rapporto, appena entrano in Italia se ne vanno fujenno, visto che nun ce sta fatica), mentre continuano a dire «shish» e che noi vi siamo vicini via Skype. Anzi, le mie jastemme si sentono pure senza wi-fi.

Giovanni Savino

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it