Buoni & Cattivi – Napoli Legia Varsavia e le scuse dei bambini

Buoni & Cattivi – Napoli Legia Varsavia e le scuse dei bambini

0 972
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Quando da bambini veniva un amichetto a giocare a casa tua o viceversa c’era sempre il momento dedicato ai videogiochi, possibilmente di calcio. Soccer (pronunciato rigorosamente come si scrive), Goal, Sensible Soccer, Kick Off… la lista era lunghissima e non esistevano trick, numeri, finte, giocate etc. i comandi erano 2: passaggio e tiro, e la somiglianza con il calcio è la stessa che può esserci fra Marco Marfè e Justin Bieber ma noi ci divertivamo molto e lo trovavamo anche molto realistico.

Di solito perdeva l’ospite e la giustificazione era sempre la stessa: “Tu ce lo puoi avere sempre!” era una scusa odiosa, magari stavamo un giorno e si a l’altro pure a casa del nostro amico a giocare, magari avevamo un versione leggermente diversa sulla nostra console, magari il nostro amico ci giocava solo quando stava con noi… Però la scusa era quella, pur di non ammettere che si era più scarsi, pur di non ammettere che non sapevamo giocare. E se pure avevamo lo stesso identico gioco a casa allora si passava ai classici “Tieni mazzo“, “Col tuo Joystick non mi trovo” etc. ma guai ad ammettere una sconfitta.

Il Napoli ha fatto quello che non è mai riuscito a nessuna italiana: vincere tutte le partite del girone di Europa League, ha fatto la miglior qualificazione agli ottavi della storia di questa competizione e il commento unanime è “però è un girone facile“, “avete giocato contro i morti” etc.

Non so perchè ma questi commenti mi ricordano quelli di noi bambini davanti a un videogioco, non voler ammettere la superiore dell’avversario è una cosa piuttosto infantile, ma (s)contenti voi contenti tutti.

Sulla partita poco di dire, sul prepartita ci sarebbe tanto da dire e per noi già lo ha fatto Valentino Di Giacomo ed è inutile aggiungere altro.

Cattivi – I pessimi con l’atteggiamento infantile li abbiamo già citati, i tifosi polacchi pure… Chi Rimane? Lo stadio vuoto, sarò ripetitivo ma proprio non riesco a capacitarmene, ma in fondo peggio per chi non c’era, in Curva ci si è divertiti tantissimo.

Buoni – una parola per Sarri va spesa, esordire così in Europa non è da tutti e lui ha saputo gestire bene l’organico, motivarli e dare spazio a tutti, veramente bravissimo. Mertens ha fatto un partitone e due goal splendidi, probabilmente è stato il migliore in campo, ma personalmente darei la palma a Chalobah, il ragazzo trova il goal al suo esordio al San Paolo (e che goal!) e gioca un’ottima prova.

Paolo Sindaco Russo