ESCLUSIVA. Mentana: “Ce l’avevo con Auriemma, non con i napoletani”

ESCLUSIVA. Mentana: “Ce l’avevo con Auriemma, non con i napoletani”

0 5034
14/02/2014, Milano, trasmissione televisiva Le invasioni barbariche. Nella foto Enrico Mentana

«Mi riferivo a Raffaele Auriemma, non a tutti i napoletani e trovo assurdo che si sia scatenata tutta questa polemica sui social network». Lo dice in esclusiva a SoldatoInnamorato.it  Enrico Mentana, direttore del Tg La 7, ospite lo scorso lunedì nel programma di Pierluigi Pardo, Tiki Taka, in onda su Italia 1.

Pulcinella“. E’ questa la parolina di Enrico Mentana rivolta l’altra sera al giornalista-tifoso Raffaele Auriemma e che ha sollevato la solita bufera sui social network. Una consuetudine ormai insopportabile. Del resto – come abbiamo scritto anche altre volte – col vittimismo dei napoletani ci campano famiglie intere, siti web, riviste, sgallettati, personaggetti, selvagge Lucarelli, massimi Giletti e affini. Se una sottospecie di vip ha un problema di popolarità basta che parli male di Napoli e torna in un batter d’occhio alla ribalta nazionale. Mediaticamente funziona quasi di più parlare male di Napoli che per una zizzacchiona uscirle a colpi di hashtag e ammiccamenti equivoci…

Per certo non era alla ricerca, né aveva bisogno di effimera pubblicità, Enrico Mentana, tra i più noti e capaci giornalisti italiani. «Devo cercare di essere sempre equilibrato occupandomi di giornalismo politico – dice  al telefono – almeno sul calcio credo di potermi concedere la libertà e il divertimento di essere apertamente tifoso per una squadra».

Però, direttore, riferendoti ad Auriemma, lo hai appellato con Pulcinella. Non è un’offesa, però è una tipica maschera napoletana spesso usata in senso dispregiativo per descrivere i napoletani come un popolo poco serio. 

«Non so chi sia Auriemma, non lo conoscevo e non lo conosco – precisa – nei talk sportivi ognuno recita una parte: chi fa il tifoso del Milan, chi dell’Inter, chi del Napoli…  Dicevo soltanto di voler affrontare l’argomento con obiettività e senza partigianerie. Il Pulcinella significava questo: è come se il fiorentino fosse rappresentato da Stenterello, Meneghino rappresentasse il milanese e Pantalone il veneziano».

Quindi è stato frainteso?  

«Non dico di essere stato frainteso, perché se è così ho le mie colpe, ma che da una semplice frase debba nascere tutto questo caos certamente lo trovo eccessivo».

Auriemma durante il programma ha detto che non finisce qui

«Ripeto, non conosco questo signore, né lo conoscevo prima. Non so cosa voglia dire, ma faccia come crede. Mi sorprende di più che alcuni napoletani possano risentirsi per una mia parola. Anziché irretirsi perché una città bella e importante come Napoli potrebbe essere rappresentata assai meglio…»

Pentito?

«Ma no! Semmai deluso. Trovo incredibile che per una parola possa scatenarsi tutto questo. E pensare che un anno e mezzo fa diventai il paladino dei napoletani perché difesi Napoli per delle affermazioni del ministro Alfano. E’ una distorsione che a volte generano i social network, ma trovo assurdo che proprio io possa passare per anti-napoletano».

Lasciamo stare questa storia che, anche secondo il sottoscritto, lascia il tempo che trova. Ma alla fine il Napoli ha meritato di vincere?

«Il Napoli è una grande squadra, ha un fenomeno davanti come Higuain e tra l’altro Lunedì mancavano anche Mertens e Gabbiadini. Orsato è un grande arbitro, ha preso una decisione legittima sull’espulsione di Nagatomo. Ci sta che l’Inter possa aver perso, ma ci sta anche dire che abbia giocato una buona partita. Certo, forse dovremmo imparare a vivere almeno il calcio in maniera sì appassionata, ma anche con un po’ più di leggerezza».

Un messaggio, per concludere, ai napoletani?

«Ribadisco solo che se io do del “fesso” a qualcuno, magari napoletano, l’ho detto alla persona. Poi che la persona sia napoletana, milanese, francese o siciliana è del tutto secondario. Non capisco perché i napoletani possano essersi sentiti offesi».

Valentino Di Giacomo

Twitter: @valdigiacomo

#ilCaffèMiRendeTifoso

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER @SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it