Ok, abbiamo battuto la Juve. Ora però “andate piano”. I numeri dicono...

La stampa ci dà favoriti

Ok, abbiamo battuto la Juve. Ora però “andate piano”. I numeri dicono altro

0 876
"Andate piano"

I numeri sono numeri. Raccontano di un Napoli decimo in classifica che si appresta a giocare a San Siro un altro “scontro diretto” per cercare di affondare un’avversaria alla quale affibbiare la parola “fallimento”. Crisi al Milan, anziché a se stesso. I numeri azzurri dicono appunto 9 punti in sei partite, due gol fatti in media a partita, ma più di uno subito. Certo, c’è un trend positivo e un gioco che per più partite, persino contro il Carpi (a mio modesto avviso) sta trovando una continuità e una coerenza nell’atteggiamento.

Eppure nonostante i numeri, che a dirla tutta non sono così incoraggianti, in tv e sui giornali dopo la vittoria sulla Juve danno persino favoriti gli azzurri per vincere lo scudetto. L’altra sera guardavo Sportitalia e Fabrizio Biasin di Libero indicava senza dubbi il Napoli come favorita al titolo, Macalli (ex presidente della Lega Pro) ne vaticinava con certezza tale esito. Lo stesso Biasin però, quando si parlava della “sua” Inter che pure è in testa alla classifica, cercava di frenare gli entusiasmi sui nerazzurri dicendo che loro devono al massimo puntare alla zona Champions.

Insomma il giochino si è ben compreso: mettere pressione sul Napoli e cercare di alleviare la tensione alle milanesi e alle romane. Da questo punto di vista il nostro club ha pochi “favori” mediatici. I due maggiori centri di produzione del pensiero sportivo sono a Milano e a Roma, fanno gli interessi di queste squadre. A Napoli invece ci esaltiamo per una vittoria, di sicuro bellissima, ma contro una Juve orfana di Marchisio, Khedira, Lichtesteiner, Mandzukic e con “mezzo” Morata. Così come avvenne contro la Lazio alla quale mancava la spina dorsale della squadra.

Non sto cercando di sottovalutare i progressi, evidenti, fatti dal Napoli di Sarri. Né si vuole nascondere il potenziale che gli azzurri pure hanno. Eppure diamoci una calmata con gli entusiasmi. Questo campionato insegna che tutte le partite sono da conquistare con difficoltà, siamo solo alla sesta giornata, nel bene e nel male. Per dirla con Troisi in “Ricomincio da Tre”, nel viaggio con Mirabella: “Andate piano!“.

Valentino Di Giacomo

Twitter: @valdigiacomo

#ilCaffèMiRendeTifoso

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER @SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it