I 10 motivi per cui Concetta Mobili è meglio di Ikea

I 10 motivi per cui Concetta Mobili è meglio di Ikea

0 13349
Concetta Mobili

Prima o poi ci passano tutti: non c’è età, religione, ceto sociale, titolo di studio, etnia o fede sportiva che tenga… Se devi arredare casa, ma anche se non devi, almeno una volta nella vita ti troverai a scoprire come si vive in 22 metri quadri, a rubare matitine e a chiederti se lo sgabello Krǘtto stia bene vicino alla consolle di fine 700 ereditata dalla bisnonna.
Un tempo era diverso, un tempo c’era lei, la regina del mobile, a presentarti i suoi mobili in televisione, e non su un freddo catalogo o su un sito internet senza sentimenti, lei Concetta Mobili, la mamma di tutte le spose della Campania e dintorni ti mostrava tutti gli arredi disponibili e invitava grandi cantanti durante la trasmissione.
Io, vittima di una moglie Ikea dipendente, ho voluto elencare i 10 motivi per cui era meglio quando c’era Concetta Mobili e non gli svedesi fanatici della brucola.

1) Il Vigile Luminoso uscita Caserta Nord C’è stato un tempo in cui se se sentivi TomTom cercavi di ricordarti il personaggio di quale cartone animato fosse e con “Navigatore” si intendeva il tipo  seduto nei rally vicino al pilota e che non si è mai capito a che serve, la gente guidava seguendo i segnali stradali e chiedendo informazioni. Concetta si inventò una cosa geniale: un enorme Vigile Luminoso all’uscita  Caserta Nord ti indicava la retta via. Ikea ha degli orrendi cartelli giallo su nero. Non ha un vigile luminoso, andava bene anche se svedese.

2) Teatrino di Concetta – Oltre ad avere ospiti di tutto rispetto come Pino Mauro e Mario Merola, negli ultimi anni la compianta regina del mobile aveva organizzato un vero e proprio teatro all’interno del Negozio dove poter vedere i grandi maestri della sceneggiata. Da Ikea avete mai visto uno spettacolo di Pino Mauro? Io non ho mai visto neanche gli Abba o gli Ace of Base.

3) Occasioni vere – Siete mai stati nell’angolo delle occasioni di Ikea? Mobili con pezzi mancanti, sedie scassate, materassi macchiati, lumi scassati… In poche parole fetenzie a prezzi elevati. Sarà che la roba buona viene venduta subito ma alle volte si trova qualcosa in condizioni migliori più facilmente scavando nella monnezza che in quell’angolo. Da concetta mobili l’occasione c’era sempre perchè “Care mamme e care spose il prezzo lo fate voi

4) Arabola vs Betulla L’odore del truciolato di betulla ha sostituito anche “l’odore delle case dei vecchi”. Fino all’era del pre-Ikea la betulla era come il Sushi o il Ginseng, adesso probabilmente è più presente di pioppo, pino o abete nelle nostre case. Ovviamente in truciolato impastato con non si sa bene cosa. Invece i mobili di Concetta, oltre ad essere costruiti con il legno delle migliori scelte, potevano essere in Arabola (o Arabla, o arab’la). Nessuno sa bene cosa sia l’arabola ma nelle trasmissioni di Concetta veniva nominata spesso, e visto che nessuno sa cosa sia sicuramente stiamo parlando di un materiale esclusivo e raro.

5) Trasporto – quando vai da Ikea nonostante ti venga offerto il servizio di trasporto e montaggio tu, uomo del sud tutto orgoglio e testosterone, non puoi fare figure di merda con tutta la famiglia: anche se hai una smart devi infilarci dentro i due letti matrimoniali a baldacchino, le marmellate di frutta rossa non ben precisata, il pacco da 50 candele che non servono manco al campo santo, due bustoni di cazzate inutili, una sedia a dondolo che “costa solo 50 euro è carina”, tutta le famiglia e le patatine alla cipolla da mangiare mentre guidi. “Tiro avanti il sediolini, e tolgo il ripiano del portabagagli, po’ e criatur se metton’ ngopp e scatoleNel parcheggio di Ikea è sempre bello vedere padri di famiglia che guardano la macchina con cofano e sportelli aperti cercando di capire come fare… E non parliamo del montaggio. Da Concetta il problema non si poneva, trasporto e montaggio a carico suo e passava la paura.

6) Regali di matrimonio – Prova ad andare da Ikea e dire “Ciao, se mi sposo mi date la limousine e la macchina scappottabile che mi porta in chiesa, Mario Merola che canta l’Ave Maria al matrimonio e il servizio fotografico di Fotocine Belvedere in omaggio?” Credo che nella migliore delle ipotesi la risposta sia una telefonata alla Neuro. Da Concetta Mobili la risposta era “SI” e magari ci aggiungeva anche qualche altra cosa.

7) Ti offriva un cafè – Da Ikea puoi comprare di tutto, dal salmone alle marmellate, dalla colazione inglese alla cena macrobiotica, passando per la merenda bio e il pranzo mediterraneo. Puoi comprare Salmone o salame di alce, marmellate esotiche e biscotti allo zenzero… ma non puoi comprare la socialità di 4 chiacchiere sorseggiando un buon caffè. Concetta invece in televisione non cercava di vendere i mobili, ma ti invitava da lei a prendere un caffè, perchè un caffè non è (solo) un energy drink, ma una scusa per stare insieme.

8) Rate senza busta paga –Con la busta paga o senza busta paga, il prezzo lo fate voi, ce mettim’ d’accordo perchè le mie spose anna ascì cuntent’ Invece il freddo cuore degli svedesi non si piega neanche davanti a una giovane sposa che vuole coronare il suo sogno d’amore, busta paga, controlli e documenti per la finanziaria sono necessari e il prezzo è solo quello indicato.

9) Dritto alla meta – Se devi comprare che ne so, un divano, da Ikea devi comunque fare tutto il persorco espositivo del primo piano: divani, poltrone, divani letto, salotto, ufficio, camera da letto, cucina e infine camarette. Il risultato è che tua moglie che aveva giurato di non perdere tempo riempie il bustone giallo di cose inutili e tuo figlio si sente autorizzato a fare altrettanto. Il piano terra poi è ancora peggio. Quando va bene spendi il doppio del previsto, hai buttato mezza giornata e hai raddoppiato la quantità di cianfrusaglie inutili in casa. Da Concetta no, guardavi quello che volevi e prendevi quello che serviva, al massimo Concetta bella ti regalava qualcosa.

10) Maradona – per noi soldati innamorati il 10 è e sarà sempre Lui. Diego una volta ha indossato la maglietta della Svezia, ma siamo sicuri chre fra i due mobilifici sceglierebbe Concetta, e se un giorno avrò l’onore di intervistarlo, probabilmente glielo chiederò, e sono certo che mi risponderà mostrandomi il suo splendido soggiorno in Arabola.

Paolo Sindaco Russo

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it