I musulmani e i veneti: il razzismo visto dal camion

I musulmani e i veneti: il razzismo visto dal camion

0 994
Foto di Peppe Iovino

Facendo il camionista ho la fortuna di conoscere sempre persone nuove, in questi anni ho girato mezza Europa, oggi anche se non vado più all’estero, grazie al mio mestiere continuo a collaborare con tanta gente proveniente da continenti diversi.
Giovedì fui mandato dalla mia azienda in provincia di Verona a fare un insolito viaggio, dovevo andare a caricare circa 200 pecore, nel macello in questione lavorano tanti stranieri, per la maggior parte nord africani di fede mussulmana.
Nei loro confronti e della loro religione, gli altri colleghi del macello, fanno sempre battutine poco felici, certe volte risultano anche offensive.

Giovedì però il clima sembrava diverso, un ricco signore mussulmano aveva comprato migliaia di capi di bestiame da macellare per la Festa del sacrificio (Id al-adha)
Nel macello c’era aria di festa, insolitamente mi hanno offerto da mangiare e da bere, i lavoratori Veneti e Mussulmani sembravano un unica famiglia, mi chiesi da cosa era dovuta tutta questa giovialità, lo scopri subito: Il ricco signore mussulmano con la sua commessa aveva assicurato un grosso introito economico.

Nel luogo di scarico c’erano centinaia di persone in attesa di ricevere il proprio agnello, dalle macchine si capiva che erano tutte persone benestanti, e nonostante fossero stranieri i Veneti li trattavano con rispetto.
Il giorno dopo lessi la notizia delle 700 vittime del pellegrinaggio alla mecca, e delle frasi razziste che provenivano da più parti, ero incredulo: come si può gioire e sparlare di un fatto così grave, da cosa nasce un astio del genere?
Pensando alla giornata di lavoro spensierata, mi sono fatto delle domande e mi sono dato delle risposte: “ Alla Marzullo maniera”

La questione della religione non è altro che il solito problema tra ricchi e poveri: Le persone si scandalizzano dei barconi, poi sognano che la propria squadra del cuore venga comprata dagli sceicchi arabi.
Leggendo le cronache ho scoperto che la disgrazia del santuario era dovuto al non rispetto delle norme di sicurezza, tutto questo perché delle persone ricche per poter accedere senza fare le code, riesce a far bloccare dei percorsi creando il caos, al quale abbiamo assistito tramite i telegiornali.

Sono arrivato alla conclusione che forse tra la nostra cultura cristiana e quella mussulmana, non c’è un problema di religione ma, piuttosto è la solita guerra tra ricchi e poveri, molti vedendo i barconi hanno paura di queste persone, perché pensano che possono rubargli il lavoro i diritti e tutto il resto.
Però nessuno alza il dito se delle società straniere grazie a delle Joint venture, affossano il commercio Italiano, nessuno si ribella se il mercato globale ci toglie diritti.
Forse dovremmo cominciare ad essere più solidali con i nostri simili e non farci ingannare da chi davvero in questi anni è riuscito a farci regredire.

Marco Manna