Le voci del Rione Sanità

E poi silenzio...

Le voci del Rione Sanità

0 912
Rione Sanità

Ma Totò addò sta cchiù.

Hann’ accis’ a Gennaro.

Fujite.

Gennaro è cammurrist’.

Gennaro nunn’ è cammurrist’.

Ma tu a qual’ sistema appartiene?

Che haje avè, ‘o fumm o l’evera?

Uh Maronna mia.

Uh Gesù Gesù.

Fa ampress’ piglia ‘o mezz’.

Chiammate ‘e guardie.

Chiammate ‘a mamma.

Scusate ma ch’è succiesso?

Ma che sò sti rummore?

Io nunn aggio visto niente.

Me sò miso paura e nun so asciuto.

Gennaro è uno ‘e nuje.

Nun se campa cchiù dint’ ‘a stu Rione.

Ma ‘e guardie pò so arrivate?

E c’ha fatt’ ‘a mamma?

E ‘o pate c’ha itt?

Era nu bbuon guaglione.

Gennaro iev dint’ ‘a chiesa.

Ccà ‘o Stato nun ce sta.

Avite capito chi è stato?

Mò se ne veneno ‘e giurnaliste e ‘o vonno sapè a nuje…

Pigliammoce nu cafè.

Vuje pure site ‘e ccà?

O Pataterno s’è scurdate ‘e nuje.

A Napule nun se pò campà.

Ma che allucca a ffa?

Io ‘o sapevo ‘e vista.

Io cunuscevo ‘a famiglia’.

Te parlo però leva sta telecamera annanz.

Ce puteva sta pure mio figlio.

Tène raggione ‘o prevete.

Vulimme giustizia.

Gennaro era innocente.

Gennaro? Chello ca è stato è stato ormai nun ce sta cchiù.

Nun ce ‘a faccio a parlà me vene a chiagnere, scusate.

vDG

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it