Oroscopo Scientifico – Le maree e i buoni propositi di settembre

Oroscopo Scientifico – Le maree e i buoni propositi di settembre

0 773
Foto di Gianfranco Irlanda

30 Agosto 2015 Ultima domenica e ultimo giorno di mare di Agosto. Almeno per me. Sulla spiaggia di Capaccio ho assistito ad un fenomeno a cui non ricordavo di aver mai assistito in quel luogo. Eppure, è davvero possibile che l’anno scorso non sia capitato? No, non dovrebbe. Dunque, per evitare di avere farmi le stesse domande anche l’anno prossimo, ho deciso di appuntarmelo e farne un articolo. Il fenomeno di cui sto parlando è quello delle maree. Verso ora di pranzo, l’acqua ha iniziato piano piano a ritirarsi e a formare delle secche dove noi adulti, tornati bambini, ci siamo tutti spaparanzati e, mentre l’acqua lambiva i nostri corpi e il vento li accarezzava, non ci siamo accorti delle ustioni di secondo grado che ci stava provocando l’esposizione al Sole. Meraviglioso. Soprattutto urlare la sera, a casa, dal dolore. Ma a cosa è dovuto il fenomeno delle maree? Principalmente e semplicemente, al fatto che la Terra è dotata di un satellite: la Luna. Anche se di dimensioni più ridotte ripetta alla Terra, la Luna esercita comunque una sua forza di attrazione gravitazionale, che influisce sulle maree. Come tutte le “cose fisiche” non è proprio così semplice, perche’ c’è anche un altro fattore che influenza le maree ed è la forza centrifuga dovuta alla rotazione del sistema Terra-Luna intorno al proprio centro di massa. Ma, facciamo così, visto che stiamo ancora riprendendoci dalle vacanze (e dalla scottatura, usate la protezione!!!) e tutta sta voglia di spiegare cosa vuol dire quello che ho appena scritto non la ho (lo so che cosa vuol dire, non ci provate ad insinuare che non voglio dirvelo perché non lo so… eh!), se volete altre spiegazioni andate su Wikipedia. Sono proprio bravi, ci sono anche i disegnini. Buahauhauhauahauhauh! Sulla spiaggia dove mi trovavo io, l’effetto è stato apprezzabile ed è durato per circa tre ore ma ci sono zone della Terra diventate famose proprio per l’eccezionale ampiezza delle maree e per la loro rapidità nel crescere, come Mont Saint-Michel, in Francia.

30 Agosto 2015 Mancano ancora due giorni al primo settembre e già non faccio altro che leggere di promesse e buoni propositi. Ne ho fatto una lista in ordine di frequenza, fermandomi alle prime cinque. Allora, il primo settembre: 1) mi metterò a dieta (ehm… tasto dolente); 2) inizierò a fare sport (ehm… tasto dolentissimo. Per sensibilità verso questi primi due punti mi riservo il diritto di non dirne nulla di male, visto che sono l’autrice di quest’articolo); 3) leggerò di più (qui non ho quasi nulla da eccepire. Spero mettano seriamente in conto anche di capire ciò che leggeranno e che le letture non contemplino giornaletti o siti gossippari altrimenti ci ritroveremo allarmisti e complottisti in ogni dove); 4) diventerò più buono, tollerante e via con tutte le virtù teologali e cardinali. (Ma io mi chiedo… perchè? Un altro frustrato sulla faccia della Terra con cui avere a che fare? Sfogate, per cortesia!) 5) Troverò l’amore. (Ecco. Questa è quella che mi ha sempre incuriosito di più. Troverò l’amore… e dove, di grazia? E, soprattutto, se era così semplice perche’ non ci hai pensato prima?) Ora, leggete la prima parte di quest’articolo. Non vi sembra che ci sia una chiara corrispondenza tra l’innalzarsi e l’abbassarsi dei mari e l’innalzarsi e l’abbassarsi della sopportazione di noi stessi e quindi necessità o meno di fare buoni propositi? A Settembre io ho visto bassa marea dalle nostre parti, quindi tanti buoni propositi. Ma, vi assicuro, che nelle stelle non c’e’ scritto da nessuna parte che dobbiamo anche realizzarli. Me ne sono assicurata!

Clementina Sasso

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

SIMILAR ARTICLES