Il significato di Lota, Chiavica, Mappina e Juventus

Il significato di Lota, Chiavica, Mappina e Juventus

0 13092
etimologia

Oggi soldatoinnamorato.it vi propone un breve approfondimento linguistico-culturale. E’ importante infatti conoscere l’origine di alcune parole che usiamo tutti i giorni. Tutte queste parole che derivano dal Latino hanno una perfetta corrispondenza con un’altra: siete in grado di dirci quale? Cominciamo…

Con il termine Lota in genere si indica la melma, il fango. Si usa spesso anche per indicare una persona il cui comportamento e’ discutibile a tal punto da considerarlo una “lota”, cioe’ un qualcosa di schifoso, di melmoso come lo sono gli antipatici e gli insopportabili. L’origine e’ latina. Infatti con “lutum” si indicava la stessa cosa. Il plurale di “lota” e’ la “lotamma” o “lutamma”, direttamente dal latino “luta” a sua volta plurale di “lutum”.

Con il termine Chiavica si intende il luogo lurido in cui convergono le acque piovane presenti nelle strade. Luogo onnipresente di ogni schifezza che si trascina con i torrenti d’acqua che si vengono a creare durante una pioggia (Chiavica maesta). Luogo frequentato da ogni sorta di animale putrido la cui regina ‘A zoccola (il topo da fogna), regna incontrastata! Data la caratteristica ed il significato del termine, si puo’ anche usare per offendere la persona mirata dai nostri insulti: Si proprio na’ chiavica e’ un’offesa molto grave. L’origine e’, molto probabilmente, derivata dal latino clovaca cloaca con cui si indicavano le stesse cose che si indicano nel napoletano.

Altro termine offensivo, tanto più se rivolto ad una donna, è Loffa. Indica, anche il caratteristico rumore di un peto. Da questo esempio e’ anche da ritrovarsi l’origine. Infatti l’etimologia e’ del tipo onomatopeico (cioe’ il suono imita cio’ che e’ in origine). Il termine e’ da ritrovarsi anche nell’idioma italiano: infatti si dice loffia.

Chiachiéllo: molto piu’ offensivo di Farenièllo e ‘Nacchennella, il “Chiachiello” oltre ad avere tutte le caratteristiche negative dei primi due, manca di serieta’ ed e’ di scarsissima intelligenza. E’, dei tre, il personaggio piu’ insopportabile, piu’ antipatico e piu’ imbecille. Sulle origini si sono fatte piu’ ipotesi: 1) dal greco Blakikos (indolente,codardo); 2) Qualqhier (tipo qualunque); 3) origine onomatopeica da Clacc- come in Chiafeo (stupido,sciocco) derivato dall’incrocio di Clacc- con Babbeo. A voi la scelta. Resta comunque il fatto che oggi, purtroppo, i chiachielli ne sono parecchi.

Mappìna: ha due applicazioni. Con una si intende un cencio qualsiasi, uno strofinaccio, un pezzo di stoffa con cui le casalinghe levano via la polvere dai mobili. Altro significato assume se viene rivolto ad una donna: un’offesa, indicandola come persona poco seria e molto volgare. Si suppone che l’origine sia proprio quella a cui state pensando: l’italiano mappa ed il suo sostantivo mappile con cui si indicano piccole aree di territorio su di un foglio di carta. La si puo’ anche dirigere verso un uomo definendolo persona di poco conto (“si proprio na mappina”, “si na mappina ‘e salumiere”), quest’ultima rende molto bene l’idea, metaforicamente, che il su indicato vale quanto uno straccio di salumiere che si usa per pulire il banco dalle briciole di pane, di provoloni e varie minutaglie alimentari che la rendono di cattivo odore.

Zòza: e’ la feccia, il fango, i rimasugli, il materiale di scarto. Deriva dall’italiano zozza che indica una particolare bibita ottenuta mescolando vari tipi di liquori.

Mariuolo: Si tratta di una voce napoletana che da secoli si è guadagnata una risonanza nazionale. Il mariolo (o mariuolo) è il furfante, il truffatore, il ladro – oppure, con toni più scherzosi, il birbante e il monello. L’etimologia di questa parola è incerta, anche se in molti la collegano al nome di Maria: potrebbe derivare da espressioni come “far le Marie”, cioè fingere devozione e semplicità, e di non sapere qualcosa; secondo alcuni (fra cui Dario Fo), invece, il mariolo era il ragazzo che, nelle rappresentazioni sacre, interpretava la Vergine, e che per estensione a carnevale si vestiva da donna – coi connotati quindi dell’inganno giocoso portato avanti dal giovanotto furbo.

Juventus: derivato dalla parola latina iuventūs, gioventù.

Il nostro viaggio linguistico termina qui. Se avete la risposta al nostro quesito commentate qui in basso o sulla nostra pagina Facebook o sull’account Twitter @SurdatNammurat.

Twitter: @valdigiacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER @SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it