Birra, questa sconosciuta – Scoprire la birra e dove berla

Birra, questa sconosciuta – Scoprire la birra e dove berla

0 1407

Ormai sempre più spesso sentiamo parlare di birra artigianale, di birra cruda, di birra alle castagne, di birre “speciali”, ci basta entrare in un pub ed il cameriere di turno è subito pronto a proporci la novità del mese o la birra a rotazione, parlandoci di una specialità belga o di una birra a “tripla” fermentazione, o di una squisita birra “doppio malto” proveniente da chissà dove.

È il trend del momento, schiere di appassionati sono pronti a perdere il sonno recensendo le birre appena uscite, interrogandosi, durante estenuanti maratone alcoliche, sui malti e luppoli utilizzati.

In realtà (e ci scommetto una Peroni!) il consumatore medio a stento conosce gli ingredienti utilizzati nel processo produttivo della birra e, ancora più con difficoltà, riesce a districarsi tra i cento e passa stili birrai, anzi neanche conosce la loro esistenza!

Eh sì mio caro lettore, esistono tanti stili di birra, e la “doppio malto” non è tra quelli, così come la “birra rossa” o la “birra chiara”.

In realtà vi siete mai chiesti cos’è la birra? Come si fa? Quali sono gli ingredienti cardine?

Scommetto di no, e a giusta ragione: il nostro è un Paese a vocazione quasi prettamente vinicola, conosciamo, almeno per sentito dire, la differenza tra una Falanghina e il vitigno Coda di Volpe, tra un Cabernet e un Sauvignon, ma non quella tra una Stout e una Porter, tra una Bitter e una American Pale Ale.

Cominciamo allora a definire cos’è, per Legge, la birra: secondo l’articolo 1 (Così sostituito da D.P.R. 30.6.98 n. 272) la birra è sostanzialmente acqua, malto d’orzo (o altri cereali) luppolo e lievito.

Nell’articolo 2 vengono poi elencati i vari tipi di denominazione: “Birra leggera” o “Birra Light” con grado Plato non inferiore a 5 (volume alcolometrico 3,5%), Birra Speciale se il grado Plato è superiore a 12,5 e Birra Doppio malto se superiore a 14,5.

Sfatiamo un mito: la birra doppio malto non esiste, è stato il legislatore italiano ad imporre questa suddivisione in varie categorie (analcolica, light, normale, speciale, doppio malto) in base alla tassazione gravante sulla quantità di zuccheri (grado Plato) contenuti nel mosto di birra. Non c’è una stretta relazione diretta tra tale quantità e la gradazione alcolica, nè ovviamente rispetto allo stile: possiamo avere una “doppio malto” di 4.5 gradi alc. di colore ambrato ed un’altra di 7 gradi alc. di colore oro paglierino!

La birra doppio malto non è necessariamente da “incapamento”, nonostante, nell’accezione comune, sia vista in tal modo.

Così come possiamo avere “birre rosse” amare o acidule, o “birre chiare” dolci, molto o poco alcoliche: il colore di una birra non può definire il suo gusto!

A tal proposito prendo in prestito un’espressione di Lorenzo Dabove, in arte Kuaska, grande degustatore di birre a livello internazionale :“non esiste la birra, ma le birre”.

Così come in pizzeria non si chiede “una pizza”, lo stesso approccio è valido (o dovrebbe esserlo) per le birre: ogni birra ha il suo stile di riferimento, ed ogni stile ha la sua storia, il suo Paese d’origine, il suo colore, il suo grado di amaro, la sua schiuma, i suoi ingredienti caratterizzanti, i suoi abbinamenti più o meno specifici.. insomma un mondo tutto da scoprire!

Esistono birre da bere in giornate torride e afose come queste che stiamo vivendo, birre da meditazione da bere nella fredde serate invernali, magari di fronte ad un camino, birre da bere dinanzi a un tramonto, e così via: ogni birra ha una sua peculiarità e un suo modo di porsi, di entrare in sinergia con noi!

Come si incomincia questo percorso di conoscenza? Beh, c’è solo un modo: bere! Da soli, in compagnia di amici, al mare, a un concerto, in montagna, in piscina; l’importante è incuriosirsi ed essere pronti a iniziare un’esperienza sensoriale che vi allontanerà una volta per tutte dalle birre “ignoranti”

Dove iniziare questo percorso? Il locale della settimana è il “Jimmy’z” a Via Napoli, andando da Bagnoli verso Pozzuoli, lo incontrerete tra il Mood e la Veronica. In questo carinissimo lounge bar potrete far conoscenza con il super professionale Peppe Fiorillo, barman per vocazione che ha saputo unire la sua passione per distillati e super alcolici con quella delle birre artigianali, selezionando appositamente un bel numero di referenze e organizzando serate con abbinamento birra/cibo, spaziando dalla cucina napoletana, a quella giapponese fino ad arrivare al cioccolato.

Se volete gustare una buona birra (o anche un buon cocktail, siamo democratici a riguardo!!!) non c’è altro da fare che andare a trovarlo, magari il primo agosto in occasione della festa di chiusura estiva!

Tanto divertimento e tanta qualità assicurata.

Mi raccomando, non bevete e guidate, piuttosto bevete e fate l’amore!

Chiara Bolognino

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it