Jesce sole! La scherma partenopea rischiara Mosca

Jesce sole! La scherma partenopea rischiara Mosca

0 865
https://www.flickr.com/photos/bass_nroll/

In un tempo che è sempre più una scala di grigi con piogge, temperature attorno ai 13 gradi e jastemme varie ed eventuali (commenti dall’Italia: eh, nuje ce stamme squaglianne cu stu calore. Risposta mia: e quindi? Avessa sta con la sinusite, né?), ci sono delle soddisfazioni che vengono proprio da Napoli, e si avverano qui nella capitale russa.

I due schermidori partenopei Diego Occhiuzzi e Luca Curatoli hanno contribuito alla vittoria nella finale di Sciabola maschile a squadre ai Mondiali di scherma di Mosca, battendo la selezione russa con un perentorio 45-36, e dando un po’ di luce a queste giornate spesso scurite dai nuvoloni carichi di pioggia. Ad Occhiuzzi, classe 1981, veterano della scherma, mancava una vittoria iridata, dopo una collezione di successi olimpici ed europei; il giovane Curatoli conquista all’esordio tra i senior l’oro.

Come il nostro buon Paolo Sindaco Russo, anche chi scrive si ritiene di nazionalità napoletana, ma c’è un elemento da ricordare quando si parla di sport e Mezzogiorno: le difficoltà quotidiane di chi vuole emergere in una situazione dove mancano strutture sportive, con realtà associative che resistono giorno dopo giorno e tirano avanti, crescendo talenti. In Russia non è così: se in epoca sovietica lo sport era visto come un elemento della grandezza e di dimostrazione della superiorità del socialismo (come poi sia andata a finire, è n’atu fatto), ora comunque c’è un certo investimento, e si tutelano gli atleti agli inizi, proprio nel momento più delicato. C’è anche una gran quantità d’impianti sportivi, quando spesso dalle nostre parti bisogna arrangiarsi con tanta fantasia e fatica. In questi giorni anche un altro sport, l’atletica, ci ha portato la soddisfazione di vedere un figlio della nostra terra, questa volta in veste di tecnico, protagonista: parlo di Tonino Andreozzi, che in passato ha portato le ragazze dell’Atletica Aversa ai massimi livelli nazionali e europei, ed ora si occupa delle nazionali giovanili. Vedere la “capa ianca” di Tonino gettarsi in un abbraccio ai suoi “azzurrini” ai Mondiali allievi di Calì in Colombia è un’emozione, soprattutto perché ad Aversa, nonostante si faccia atletica dal 1969, non è mai stata costruita una pista.

Quindi è ‘na soddisfazione vedere a dduje guagliune napulitane ‘ncoppo ‘o podio del complesso Olimpico costruito per i giochi di Mosca 1980, certo, forse la scherma non è tanto popolare come lo sport, ma poco importa: sono sempre quelle piccole gioie che rischiarano una giornata.

E mo’ vediamo di sacrificare qualcuno a Demetra e Persefone: jesce sole!

 

Giovanni Savino

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it