Tags Posts tagged with "soldatoinnamorato"

soldatoinnamorato

0 129

IMG-20181027-WA0087_resizedOggi pomeriggio alle ore 15.35 si è disputata la quarta giornata del campionato di Prima Categoria girone A allo stadio Gianrusso di Quarto tra Napoli Nord-Lokomotiv Flegrea. Nella squadra di casa ex di turno Davide Ambra che ha militato per tre stagioni nella Lokomotiv Flegrea dal 2013 al 2016 Nel pre partita scambio di abbracci con il capitano Sorrentino insieme a Cioce unici giocatori rimasti dalla stagione 2013-2014 quando ci fu l’esordio in Terza Categoria della squadra flegrea. Imitando Cavani e Hamsik nella sfida di mercoledì sera Psg-Napoli. Nella Lokomotiv Flegrea tre assenze per infortunio. Guida  a causa di una caviglia gonfia, Carrella per un ematoma alla gamba e Nicolella appena operato al menisco del ginocchio destro.Ecco le formazioni. Napoli Nord: 3-5-2: Sena, Ambra, Corrado, Cinquegrano A, Di Fraia, Mennella, Sinigaglia, Rossi, Navarra, Marotta, Liccardi. pan, Campagna,china: Marotta, Liccardi, Tricnone, Imparato, Costagliola, Campagna,Cinquegrano A, Passariello, Finale, Taliero. All. Fiorito. Dirigente accompagnatore Sinigalia. C, assistente arbitro Spina. Lokomotiv Flegrea: Pugliese, Sorrentino,  Marotta, Borges, Magurno, Laudiero, Guitto, De Tommaso, Costantino, Di Mattia, Monda. Panchina: Buonocore, Polizzy,Nocerino, Gaudino, Cioce,  Grazioso,  Minopoli,Della Monaco, Foglia. All Cuomo. Guardalinee Morè, allenatore in seconda Sansone. Nei primi minuti pericolosa  Napoli Nord con Pugliese che è costretto a parare la conclusione di Sinigaglia. Al 20′ Di mattia porta in vantaggio la Lokomotiv Flegrea dal dischetto battendo Sena per un fallo di mano di un avversario. Alla mezz’ora del primo tempo Costantino effettua un pressing alto, riconquista palla e si invola verso Sena battendolo con un destro in uscita per lo 0-2. al 37′ Pugliese devia una bella punizione di Senigaglia. Al 40′ ammonito Sorrentino per un fallo al limite dell’area di rigore. Verso la fine del primo tempo splendida rete di Di Mattia che salta un avversario e batte Sena con un cucchiaio e si va al riposo sul risultato di 0-3.

Nella ripresa due cambi nei padroni di casa. Esce Corrado entra Passariello, esce Mennella entra Talierio. Nel corso del secondo tempo Pugliese è costretto ad un altro intervento respingendo la conclusione di  Rossi. Al 70′ la Lokomotiv Flegrea cala il Poker con una punizione di Costantino, verso la fine del match De Tommaso scavalca Sena per il definitivo 0-5 che portano la Lokomtov Flegrea in testa alla classifica a quota 10 punti e con questo successo vincono il primo match in trasferta. Ecco gli altri cambi di Napoli Nord: Esce Liccardi per Imparato, Di Fraia esce per Costagliola, esce Navarra per Finale. Per gli ospiti: Esce Laudiero per Gaudino, Magurno per Nocerino, Di Mattia per Foglia,   Costantino per Della Monaco e Monda per Grazioso.

Claudio Gervasio

0 510

36427885_10157536728766040_3929674413305233408_n

Ieri pomeriggio a partire dalle ore 15.00 il Quartograd squadra di calcio popolare napoletana per festeggiare il suo sesto anno d’attività allo stadio Gianrusso di Quarto ha organizzato un torneo di calcio invitando altre realtà di calcio popolare come la Lokomotiv Flegrea, la Stella Rossa, Kora Neapolis, Real Partenope e Fasano calcio squadra pugliese neopromossa in D che è giunta a Quarto con la Juniores. La Lokomotiv Flegrea ha vinto il suo quarto di finale contro la Real Partenope a tavolino a causa della mancata presentazione della squadra. La Stella Rossa ha battuto Le vecchie glorie del Quarto Grad, Cava United ha vinto contro il Quartograd e nell’altro Quarto di Finale Kora Neapolis ha sfiorato l’impresa perdendo solo ai rigori contro il Fasano dopo l’1-1 iniziale. La Lokomotiv Flegrea in semifinale ha battuto la Stella Rossa 2-0 grazie alle reti messe a segno da Di Mattia e da Fiore vincendo il terzo Derby stagionale dopo averli vinti già due nel campionato di Seconda Categoria. Nell’altra semifinale invece ha prevalso cava United che ha battuto 3-0 il Fasano Calcio. In finale la Lokomotiv Flegrea ha battuto 1-0 Cava United in una finale equilibrata grazie ad un rigore calciato da De Tommaso. Per la Lokomotiv Flegrea un bel viatico in vista del Campionato di Prima categoria. E’ stato un bel sabato pomeriggio dove si sono incontrate varie realtà di Calcio Popolare che condividono gli stessi ideali di fare calcio basati sull’antirazzismo e antifascismo contro lo sperpero di milioni al quale siamo abituati nel calcio moderno. 
36500713_10157536728931040_2476385934220722176_n

Claudio Gervasio

0 208

20180517_210151_resizedStasera al Palabarbuto di Napoli alle ore 21.00 davanti a circa 1.000 tifosi con 10 provenienti dall’Abruzzo si è giocato lo spareggio per non retrocedere in B1 tra Cuore Napoli Basket-Roseto. Ecco il Roster di Napoli: Thomas, Turner, Mascolo, Mastroianni, Ronconi, Caruso, Vangelov, Puoti, Zolo, Gallo, Crescenzi. All. Bartocci. Roseto: Odige, Marulli, Casagrande, Carlino, Lupsor, Contento, Infante, Di Bonaventura, Zampini,   All. Di Paolantonio. Inizio con il doppio canestro sotto le plance di Odige e tripla di Turner per il 5-4, poi Caruso sotto canestro a 7.50 dal termine per il 7-4 Napoli. Ancora il lungo avversario accorcia per il 7-6. A 2.00 dal termine del primo quarto Thomas Turner a suon di bombe portano Napoli al più 11(27-16). Vantaggio amplificato  dagli antisportivi e falli tecnici chiamati a RosetoInfante interrompe il digiuno dei canestri per gli abruzzesi determinando il 27-18. In seguito ancora Turner per il 29-20. Verso fine primo quarto Mastroianni finalizza un bel contropiede per il 31-20. Nell’azione seguente Carlino realizza il tiro aggiuntivo per il definitivo 31-23.

Il secondo quarto inizia con la bomba di Turner per il 34-23, Odige replica sotto le plance per il 34-26. Ancora Turner da due per il 36-26 a 8.11 dal primo intervallo.Poi a 6.05 dal termine  grazie al solito  Odige Roseto recupera e si avvicina (41-37) costringendo coach Bartocci a chiamare time out. A metà tempo bel canestro in allontanamento di Di Bonaventura per il 41-39. In seguito Di Bonaventura impatta nuovamente per il 43-43 a 4.07 dalla fine del primo tempo. Carlino dopo il canestro di MascoloCarlinoInfante da sotto canestro a 1.00 dal termine del secondo quarto portano in vantaggio Roseto sul 49-51. A 21 secondi dal termine viene chiamato un fallo antisportivo da terra a Caruso per fallo su Marulli. Il primo tempo si chiude sul 49-52.

Il secondo tempo si apre con il canestro da due di Odige, replica Thomas da tre per il 52-54. Di Bonavnetura a 8.36 dal termine per il nuovo più quattro(52-56).  Un canestro da due di  Mascolo e di Vangelov  con il tiro aggiuntivo a 3.06 dall’ultimo intervallo portano Napoli al nuovo vantaggio 67-66, Marulli da due 67-68, Vangelov dalla lunetta 1/2 impatta, alla fine il quarto si chiude con una bella schiacciata di Caruso per il 70-68.

L’ultimo quarto inizia con due parziali. Napoli  si porta subito sul più 6(74-68) costringendo Di Paolantonio a chiamare time out  grazie ai doppi canestri da due di Ronconi, risponde Roseto con Carlino Di Bonaventura 74-72. Costringendo questa volta Bartocci a chiamare il time out. Poi è bravo Turner a subire fallo sul tiro da tre e a siglare il tiro aggiuntivo per il 78-72. Odige riporta in carreggiata Roseto 78-76, poi Caruso sotto canestro per l’80-76. Il lungo degli abruzzesi a 3.36 per il nuovo sorpasso 80-81. Turner a suon di triple una da casa sua fa accendere tutto il palazzetto dello sport di Fuorigrotta per il più 6(87-81) a 1.36 dalla fine delle ostilità. carlino non ci sta e replica dall’arco per  l’87-84. Nell’azione successiva su un rimbalzo offensivo viene fischiato un fallo antisportivo dubbio a Ronconi. Di Paolantonio fa entrare sul parquet dalla panchina il tiratore Contento. Sulla rimessa seguente Carlino è ancora mortifero dall’arco per il nuovo sorpasso ospite 87-88. Caruso da due per l’89-88, Odige non ci sta e dalla’arco punisce Napoli 89-91. Poi i padroni di casa sbagliano un attacco e commettono fallo. carlino è preciso dalla lunetta 89-93. Bartocci chiama un time out, ma incredibilmente dopo Thomas avverte la tensione e commette infrazione di cinque secondi sulla rimessa laterale. Carlino segna un libero e la partita termina 89-94 decretando la salvezza di Roseto e la retrocessione di Napoli. A fine partita grande festa sul parquet per gli abruzzesi che festeggiano spruzzando l’acqua rischiando di farsi male sul parquet, andando a ringraziare pure i 10 tifosi sotto il settore ospiti, applaudita pure Napoli nonostante la retrocessione in B1 dai ragazzi della Curva Est che con il loro tifo hanno cercato di dare una grossa mano ai ragazzi trasformandosi nel sesto uomo sul parquet. D registrare una piccola protesta di Napoli verso gli arbitri per la decisione arbitrale che praticamente ha cambiato la partita. Retrocessione questa figlia di decisioni di mercato sbagliate ad inizio anno e di una spaventosa carenza a rimbalzo nel pitturato. Due i top scorer del match Turner con 34 punti e Odige con 40

20180517_210149_resized

Claudio Gervasio

0 188

20171223_202912_resizedOggi pomeriggio alle ore 18.00 al Palatiziano di Roma si è dipsutata la ventiduesima giornata del cmapionato di Basket Lega 2 Ovest tra Virtus-RomaCuore Napoli Basket. Proteste tre i tifoi azzurri per il divieto di trasferta ai residenti in Campania imposto dalla questura caoitoina, provvediemnto molto probabilemnte preso dall’infulenza della vcieda Ciro Esposito nel calcio. Ecco il quintetto scelto da Coach Bartocci: Turner,Thomas, Mascolo, caruso, Ronconi. Il primo quarto è terminato 34-17, il secondo quarto 50-33 con il quale finisce il primo tempo.

Nel terzo quarto tentativo di rimonta da parte di Napoli che termine il quarto in svantaggio 67-52, prima di soccombere 93-68. Con questa ennesima sconfitta Napoli dice praticamente addio alla flebile speranza di salvezza, perché i capitolini riescono a ribaltare pure la differenza canestri.

Claudio Gervasio

0 398

20180121_172925_resized

Oggi pomeriggio alle ore 17.30 alla Palestra Rosso Maniero di Fuorigrotta si è giocata la dodicesima giornata del campionato di Promozione tra Lokomotiv Flegrea-Fortitudo Sant’Antimo. Roster padroni di casa: Cipollaro, Di Francia, Guadagnino, Conte, Imparato, Di Fusco, Ariante, Del Gais. All Coach Maddaluno. Roster Sant’Antimo: Puca, Cerbone, Lettiero, Di Sarno, Ciccarelli, Rocco, Bianco, Ciccarelli, Di Sarno. All coach Ponticiello. A 8.36 dal primo intervallo Sant’Antimo grazie a Ciccarelli firma il parziale di 0-4. A 7.29 dalla fine del primo quarto Di Fusco da sotto per il primo canestro Lokomotiv 2-4. Nella parte centrale del quarto Puca con tre tiri liberi porta a più 6 il vantaggio(2-8),  ma Ariante subito dopo mette a referto la prima tripla 5-8. Del Gais pareggia a 2.51 dal perimetro 10-10. Canestro di Di Fusco sotto le plance per il primo vantaggio dei padroni di casa 12-10. Il primo quarto termine 20-16 grazie alla bomba di Conte e al canestro da due del solito Puca. Il secondo quarto si apre con una grande penetrazione di Ariante per il 22-16, risponde Cesaro da due 22-18. A 6.24 dall’intervallo lungo Imparato realizza una tripla per il 25-18. In seguito bomba di Conte e contropiede di Imparato per il massimo vantaggio Lokomotiv (30-18). Nella parte centrale del quarto splendido taglio di Di Francia che sfrutta al meglio l’assist di Imparato per il 35-23 senza però riuscire a finalizzare il tiro libero. A 1.03 dalla fine del primo tempo Di Sarno interrompe il digiuno die canestri dei suoi per il 39-23. Alla fine il primo tempo si concude 41-25 grazie al contropiede di Cipollaro. In questo primo tempo i padroni di casa hanno mostrato un’ottima circolazione di palla, buona difesa e dominato in contropiede.

Il secondo tempo si apre con un fallo antisportivo chiamato a Conte e il canestro da due realizzato da Puca per il 41-27. A 7.27 dal penultimo intervallo Ariante segna in contropiede per il 43-27, tripla di Puca in seguito per il 13 845-30). a 1.34 dalla fine del terzo quarto Ariante con un libero 49-34. Nell’ultimo minuto gli ospiti realizzano un parziale di 0-4 per il 49-38. L’ultimo quarto si apre con il canestro da due di Del Gais 51-38. I canestri da due di Paone e di Cerbone determinano il 54-40 a metà tempo. In seguito Di Fusco sigla due tiri liberi per il 65-50, Puca da perimetro per il -10(63-53). Di FranciaDel Gais e il canestro da sotto di Lettiero che non finalizza il tiro supplementare portano il punteggio sul 68-55. L’ultimo ad arrendersi per Sant’Antimo e Puca domina ancora dall’arco dei tre punti per il definitivo 70-60, Ariante negli ultimi secondi tenta l’ ultimo canestro ma senza fortuna. La chiave per il successo della Lokomotiv Flegrea è stata la buona difesa e il gioco scorrevole per tutti e quaranta i minuti. Ottima pure la gestione del match, anche se nel secondo tempo Sant’Antimo ha vinto i parziali. Da notare pure 4 giocatori a referto in doppia cifra. Con questo successo la Lokomotiv Flegrea si porta in zona Play Off a quota 18.Prossimo impegno domenica 28 gennaio alle ore 18.00 contro il fanalòino di coda Virtus Sinuessa Mondragone.

Ecco i parziali: 20-16; 21-9; 8-13; 21-22

 

LOKOMOTIV FLEGREA

: Ariante 18, Del Gais 12, Imparato 10, Conte 10, Di Fusco 9, Cipollaro 5, Di Francia 4, Paone 2,Guadagnino 2

All.re: Maddaluno.

FORTITUDO S.ANTIMO

: Puca 28, Di Sarno 10, Lettiero 6, Cesaro 4, Ciccarelli 4,Cerbone 4, Rocco 2, Bianco 2, Mancinelli

All.re: Ponticiello.

1o arbitro: Scotto Lavina di Bacoli (NA)
2o arbitro: Imperato Salvatore di Quarto (Na)

 

Claudio Gervasio

0 222

20171216_143114_resized_1

Oggi pomeriggio si è disputata la  tredicesima giornata  del campionato A1 di Pallanuoto. Clamorosa sconfitta della Canottieri Napoli che alla Scandone è stata sconfitta con un punteggio calcistico 1-2 da Ortigia. Marcatori: Velotto, Jelaca M, CasasolaG. Ecco i parziali: (1-0), (0-0), (0-0), (0-2). Il Posillipo invece nel medesimo impianto di Viale Giochi del Mediterraneo ha battuto  con il punteggio di 7-4 Catania. Partita decisa solo nell’ultimo quarto dai napoletani. Protagonisti principali Saccoia con 4 reti e La Rosa con due. Ecco i parziali: (3-1), (0-1), (1-2),(3-0). Sonora sconfitta invece per l’ Acquachiara che ha perso 17-0 a Brescia. Marcatore principale N. Presciutti con 5 reti. Ecco i parziali: (4-0), (6-0), (3-0), (4-0). Alla luce di questi risultati canottieri Napoli sesta a quota 22 punti, Posillipo a centro classifica a quota 15 punti e Acquachiara fanalino di coda a quota 0. Prossimo turno fra due settimane quando inizierà il girone di ritorno.

Claudio Gervasio

0 245

20171216_143114_resized_1

Ieri sera si è disputata la decima di Pallanuoto. Il Posillipo ha lottato in Liguria, ma ha perso 9-5 contro la Pro Recco. Decisivo il primo tempo terminato 7-2. Ecco i parziali:(3-1), (4-1), (1-1), (1-2). Sonora sconfitta in casa per l’ Acquachiara contro Ortigia con il punteggio di 3-17. Un po’ di spettacolo c’è stato solo nell’ultimo quarto. Ecco i parziali: (0-5), (1-3), (0-5), (2-4). Sconfitta invece pure nella piscina del Foro Italico la Canottieri Napoli per 13-11. Decisivo il K.o per gli uomini di Paolo Zizza il disastroso secondo tempo dei napoletani che hanno sprecato il vantaggio di 6-9. Ecco i parziali: (4-4), (2-5), (3-1), (4-1). Alla luce di questi risultati in classifica generale Canottieri Napoli Posillipo a centro classifica a quota 16 e 8 punti, Acquachiara ancora ultima a quota 0. Il prossimo turno alla Befana dopo la sosta natalizia con Posillipo -lazio Nuoto sabato 6 gennaio alle ore 16.00 e il Derby di Pallanuto Canottieri Napoli-Acquachiara alle ore 18.00 sempre alla Scandone.

Claudio Gervasio

0 726

20171217_104158_resized

Stasera alle ore 19.40 al Green Sport di Agnano ex Scarfoglio si è giocata la nona giornata valevole per il Campionato di Seconda categoria Girone A tra Lokomotiv Flegrea-Campania Fuorigrotta. Per i padroni di casa: (4-3-1-2)Pugliese-G.Sorrentino-Cimmino- Borges- Bonanno-Carella-Martusciello-Grazioso-Nicolella-De Tomamso-Di Mattia: Panchina Bastelli-Palombo Magurno- Franco -Cioce-Minopoli-Scherma. All Pizzo. Per il Campania Fuorigrotta: (3-5-2)Nani-Imbimbo-Condemi-Addezio-Scogliamillo- La Fragola- Porcino-Liccardi- Del Pozzo-Castellano-Prudela. Panchina: Sorbillo-Autea- Perfetto-Cinquegrano- Scognamillo -Lombardi. All Pone. Dopo due minuti di gioco viene atterrato NicolellaDi mattia realizza il rigore dell’1-0. Sette minuti più tardi Castelllano pareggia i conti dopo una respinta difettosa di Pugliese. Dopo numerose occasioni per De Tommaso respinte dal portiere Nani, verso la fine del primo tempo la Lokomotiv Flegrea cala il tris con De Tommaso splendido pallonetto al portiere  e la doppietta di Di Mattia che legittimano la superiorità dei verde nero sul rettangolo verde di gioco. Nella ripresa la Lokomotiv Flegrea colpisce un palo con Grazioso e in seguito cala il poker con De Tommaso. Per il Campania Fuorigrotta entra Autea esce Addezio. Al sessantesimo minuto Di Mattia firma la sua personale doppietta dopo una papera del portiere. A questo punto inizia la girandola dei cambi per la Lokomotiv Flegrea. Entrano Bastelli, Magurno e Franco per Carella, Cimmino e Bonanno. Al sessantaduesimo minuto segna Grazioso che chiude momentaneamente il set siglando il 6-1 dopo un batti e ribatti in area di rigore. A metà tempo penultimo cambio per i verde nero. Esce Nicolella ed entra il nuovo acquisto Scherma. Al settantatreesimo  minuto De Tommaso sigla la sua personale tripletta per il 7-1 dei padroni di casa. Nei minuti finali Sorbillo sigla il 7-2 accorciando le distanze per il Campania FuorigrottaMinopoli entrato nel finale al posto di Martusciello segna il primo gol della stagione per il definitivo 8-2. Positivo l’ esordio in campo a centrocampo del nuovo acquisto Carella che ha mostrato un’ottima tecnica. Con questa vittoria la Lokomotiv Flegrea mantiene il primato in classifica generale a quota 25 punti con un più cinque su Villa Di Briano. Piccolo record per la squadra flegrea, ha fatto meglio pure di tutti i club professionistici mantenendo l’imbattibilità stagionale. Prossimo impegno dopo la pausa natalizia contro il Sacro Cuore cancello Arnone. A fine gara ecco le dichiarazioni di Mister Pizzo: “Sono soddisfatto di questa vittoria, complimenti pure il Campania che con qualche innesto si è mostrata una buona strada, noi dovremo continuare su questa strada”.

Sconfitta invece a Mondragone per la Lokomotiv Flegrea basket con il punteggio di 70-60. Prossimo impegno dopo la sosta contro il Virtus Benevento in casa.

Claudio Gervasio

0 432

Anche a Napoli piove

Quando, due anni, fa Paolo Sindaco ed io decidemmo di far nascere questo sito web pensavamo di dover dare voce alla nostra passione comune per la città e quella matta e cromosomica per la squadra azzurra. Non potremmo non essere innamorati di Napoli con i nostri cognomi: un Russo (come l’indimenticato poeta Ferdinando) e un Di Giacomo (di cui mi onoro di portare una ‘ntecchia del suo sangue nelle vene). 

Pensammo di unire questo progetto in un nome: Soldato Innamorato. Quella canzone che da sempre ha unito i tifosi azzurri nei momenti più belli e degna principessa della Canzone napoletana. Perché ci faceva male vedere che allo stadio, invece di utilizzare i cori della nostra meravigliosa Tradizione, si cantavano canzoncine copiate da altri stadi e altre culture. Perché lo Sport, quello vero, è anche identità.  Anzi, il carrozzone del campionato di calcio ci ha proprio insegnato le varie identità regionalistiche su cui si basa la nostra Italia di feudi e coorti. Unire attraverso le differenze, lo sport o fa questo o non è: ci capitava anche in strada quando si giocava tutti insieme, dal figlio del professore o dell’avvocato al figlio del commerciante o dell’impiegato. 

Il problema è che, in questi anni, più nello Stadio San Paolo perdevamo identità e più, al di fuori del catino di Fuorigrotta, si è costruita una narrazione farlocca di una Napoli che non esiste. Una Napoli in cui si discute e ci si bea del pianoforte di piazza Garibaldi (che ora non c’è più), del Corno sul lungomare (che non si farà) e della solita solfa di pizza-spaghetti-mandolino-sfogliatella-mozzarella-vesuvio-pulcinella. 

Una narrazione che il sindaco De Magistris ha cavalcato. Era stato scelto come ex magistrato per ripristinare delle regole, ma su questo fronte ha fatto poco. Vale per tutti l’esempio del numero verde contro i parcheggiatori abusivi al quale prima non rispondeva nessuno e poi, nonostante fosse una bellissima idea, il progetto è stato accantonato. Sono andati avanti invece altri piani, quelli più semplici. Lo sportello per denunciare la discriminazione contro i napoletani, i riconoscimenti pleonastici a Maradona o quelli onorari alla veneta che aveva scritto la letterina banale piena di cliché sulla nostra città. Una sindrome da accerchiamento che non ha ragion d’essere. Iniziative che delimitano Napoli in uno steccato provinciale, se non macchiettistico. 

Paolo ed io non siamo cambiati in questi due anni. Ma ci siamo accorti che la narrazione del borbonismo, dello stereotipo, del cartolinesco, si è inflazionata. Assai.

Ci piacciono ancora la pizza, la sfogliatella o la mozzarella. Ma tutto questo non basta, non ci può bastare. E’ un racconto fasullo se insieme alla vivibilità gastronomica e paesaggistica del nostro meraviglioso territorio, non ci si abbina insieme dei servizi pubblici efficienti. Siamo nella città dove la funicolare in notturna non sappiamo ancora quale sia, dove l’Anm riduce le corse, dove ogni giorno per recarsi ad un appuntamento in metropolitana prendendo la Linea 2 bisogna anticiparsi di molto perché gli orari non sono affidabili e le corse piuttosto rare. 

Non è un ragionamento politico per andare contro ai De Magistris o ai De Luca di turno, sono spunti per cercare di far comprendere che questa narrazione del “Comm è bell Napule”  serve spesso per coprire le inefficienze di chi ci governa. E dai quali non si pretende il tutto e subito o traguardi irraggiungibili, ma dei cambiamenti costanti, pure se lenti. E’ bello il lungomare “liberato”, ma non può essere questo l’unico vanto di un’amministrazione e dei suoi cittadini. E’ bella la Linea 1 della Metro, ma per essere realmente efficiente ha bisogno pure di autobus e altre linee in ferro che siano realmente fruibili. Non vogliamo assolutamente “buttarla in politica”, facciamo nomi e cognomi per non restare in una vaghezza che vanificherebbe il nostro discorso. Potremmo parlare di Iervolino e Bassolino, di Renzi, Berlusconi o Grillo non cambierebbe la sostanza. L’importante è il concetto. 

Da mesi invece notiamo che a Napoli ci si adagia su quello che c’era già 2mila anni fa. ‘O sole e ‘o mare. Nessuna iniziativa viene avanzata per migliorare un po’ tutti insieme, in una città che invece diventa sempre più gretta e incivile. Perché la concezione di tutti noi, troppo spesso, è che tutto ciò che è pubblico non è nostro. Siamo capaci di arredarci case come reggie, ma poi non sappiamo rispettare gli spazi pubblici. E qui non c’entra nulla l’amministrazione, siamo noi. 

E allora, con il passar del tempo, SoldatoInnamorato è diventato un piccolo avamposto per cercare di parlare di Napoli in un modo in cui pochi altri parlano. Possiamo farlo perché non cerchiamo il click facile, non ci interessa. Per noi è un hobby e una passione, non ci guadagniamo nulla. Potremmo certamente impiegare questo tempo per fare uno dei tanti siti che venerano le bellezze di Napoli, del “si è fatto prima a Napoli” o del bidè che a Torino non c’era. Ma a che servirebbe? 

Altrettanto potremmo scrivere di com’è forte il Napoli e creare dei casi di denuncia costante su come invece De Laurentiis (che in città è considerato un “Pappone”) non mantenga gli impegni. Ma significherebbe avere gli occhi foderati di prosciutto non riconoscendo a questo imprenditore di aver fatto dei miracoli in dieci anni. Soprattutto, se rapportati i risultati attuali ai 90 anni pregressi che raccontano ben poche vittorie e praticamente solo quando c’era Lui.

Non siamo cambiati noi. E’ cambiato, molto, il sentire comune e la narrazione della nostra città. Come ad esempio la storiella del napoletano “appestato” che in Italia odiano. Ma quando? Ma dove? Forse in qualche coro indecente negli stadi, ma non è la realtà di tutti i giorni. E’ come manipolare a piacimento le notizie sui migranti che stuprano o rubano. Sono casi che esistono? Certo? Ma da qui a dire che “tutti i migranti stuprano” ce ne passa. O come “tutti i musulmani sono fondamentalisti”. 

Si creano emergenze ad arte. E noi non vogliamo ragionare nella logica delle emergenze, vogliamo ragionare di ciò che vediamo. Ora non vediamo altro che il folklore abbandonare gli stadi e riempire la città. Quando dovrebbe essere l’esatto opposto. Ciò che è serio lo si tratta come un gioco e ciò che è un gioco lo si tratta come fosse una cosa serissima. Allo stadio tutti vestiti di nero, fuori tutti vestiti d’azzurro. Perché? 

SoldatoInnamorato oggi ragiona su queste cose qui. Vogliamo essere contro-narrazione, minoranza, quelli del meno siamo meglio stiamo. Magari siamo dei visionari, ma crediamo che da cose piccole come questo spazio possano nascere altre idee e altri modi di pensare e di ripensare noi stessi. Tra identità e modernità una via bisogna trovarla. Fuori e dentro un campo di calcio. Anche a Napoli, ogni tanto, piove.

Valentino Di Giacomo

Paolo “Sindaco” Russo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

 

0 263
Foto di Claudio Gervasio

 

 

Foto di Claudio Gervasio
Ieri pomeriggio al Palabarbuto di Napoli è iniziato il campionato di A2 Basket tra Cuore Napoli Basket-Euro Basket Roma. Nel girone Ovest  ci sono squadre dal passato glorioso come Virtus RomaMensana SienaReggio Calabria e ci sarà pure il derby con Scafati. Il primo quarto si chiude 24-29 per gli ospiti grazie soprattutto a Deloach. Il secondo quarto i capitolini realizzano un parziale di 0-10 portandosi avanti di 12 punti (27-39). A tre minuti dall’intervallo lungo Napoli prova a tornare in carreggiata con il -8 firmato MascoloVangelov(35-43). Euro Basket sotto canestro sfrutta la sua fisicità andando all’intervallo lungo con il punteggio di 35-51. Nei due restanti tempi gli uomini di Bonora controllano il match senza problemi espugnando il Palabrbuto 68-90. Una sconfitta annunciata per gli uomini di Coach Ponticiello, visti i problemi di infortunio avuti nel pre campionato che hanno fatto annullare pure vari amichevoli. Napoli ieri ha giocato senza Caruso, Sorrentino e Mastroianni. Sul parquet in precaria condizioni fisiche Maggio, Vucic, Nikolic e Fioravanti.  Il tabellino Napoli: Malfettone ne, Carter 18, Maggio 13, Nilokic 17Fioravanti, Lepre nee, Mascolo 5, Vangelov 4,Ronconi 6, Gallo ne, Vucic 5, Maggio 13, Bordi. Eurobasket Roma: Deloach 29,Sims 23, Poletti 18, Casale 7,Fanti 2, Frassineti 2, Piazza 3, Cecchetti 2, Bonessio 1, Brkic, Galli ne, Santucci ne.                    Claudio Gervasio