Tags Posts tagged with "educazione"

educazione

0 3502

L'amara verità

Avete visto il titolo e avete pensato: “Fammi vedere questo fesso dove vuole arrivare”. E allora ve lo spiego. Milano è più bella di Napoli e i milanesi sono meglio dei napoletani. E’ così e non può essere altrimenti. Me ne accorgo ogni volta che vado nel capoluogo lombardo. Ci sono ritornato per fare una bella intervista che qui su SoldatoInnamorato vi mostreremo tra qualche giorno. Certo, nella città meneghina non ci sta il Vesuvio e il lungomare (per giunta liberato), fa freddo già ora che noi andiamo ancora a mare e d’inverno ci si puzza del santissimo freddo. Per non parlare della nebbia eh! 

Ecco, spazzati via tutti i cliché, ora possiamo ragionare. Ah, non ho parlato di pizza, sfogliatelle, caffè e mozzarelle perché qualche fesso che importa o qualche “emigrato” lo si trova. 

A Milano sono civili. Te ne accorgi dalle scale mobili in metropolitana: chi vuole andare con le proprie gambe cammina a sinistra, chi si sfasterea si ferma a destra. Ora pensate a tutte le (rare) metropolitane perse a Napoli perché da capre ci si mette tutti fermi sia a destra che a sinistra.

Ah, a Milano le metropolitane passano come la leggenda di Mussolini sui treni in orario.

Puoi arrivare da un punto all’altro della città senza mai abbandonare la Milano tube. Sui marciapiedi difficilmente becchi qualcuno che si ferma come un coglione al centro impedendo agli altri di passare o due persone che si piantano a chiacchierare nel bel mezzo. Si chiamano MARCIA A PIEDI, quindi camminano. Se devono guardare una vetrina ci si fermano davanti lasciando passare chi deve proseguire la propria passeggiata. 

A Milano difficilmente si trovano quei puzzati di fame che incontriamo sulle nostre tangenziali che per non comprare una lampadina (che costa dai 3 ai 30 euro) marciano con gli abbaglianti appicciati. A Milano il rosso è rosso, il verde è verde. Chi viene da destra ha la precedenza. 

A Milano il Comune aiuta il cittadino in tutto: dalla scuola, agli asili nido, alla sanità. Se vai in ospedale dicendo che hai dolore ai reni non ti liquidano – senza fare nessun accertamento – dicendo che è un’infezione e ti prescrivono medicinali, a tentativo. Se a Milano hai i calcoli renali – come ho dovuto scoprire io attraverso esami privati perché all’ospedale San Paolo di Napoli al pronto soccorso teneno che fa e quindi al massimo ti palpeggiano la parte – ti fanno le ecografie e cercano di capire che tieni. Gratis. 

A Milano sanno vendersi pure quello che non tengono. La nostra via dei Mille è assai meglio della gettonatissima via Montenapoleone. Ma Milano è “la capitale della moda”, nonostante a Napoli ci sono tra i migliori stilisti del mondo: chiedere a Isaia, Kiton o a Marinella. 

Noi invece ci siamo assuefatti al cliché che loro devono avere l’organizzazione e noi poiché pensiamo di essere bravi, intelligenti, simpatici (e soprattutto furbi), dobbiamo campare con quello che il Padreterno ci ha dato. Uno stereotipo alimentato da film di merda come Benvenuti al Sud o Benvenuti al Nord con il sempre pessimo Alessandro Siani che personalmente mi fa artisticamente schifo proprio per quella maschera del napoletano co ‘o core bbuono. Che poi vi do una notizia: se viaggiate un poco troverete città che sono naturalmente altrettanto belle come Napoli. Faccio solo qualche esempio:  Lisbona, Rio de Janeiro e Istanbul. E popoli meravigliosi ovunque, basta saper cercare.

Insomma in virtù della bellezza noi dobbiamo sopportare l’inciviltà, la maleducazione, la disorganizzazione. E in fondo lo consideriamo il giusto prezzo per godere delle bellezze di Napoli. Magari beandoci delle storie di Bellavista che alla Rinascente “si praticano solo prezzi fissi” e che i vari Cazzaniga sono una maniata di imbecilli. I furbi siamo noi. 

Per anni mi sono beato pure io della bellezza della mia città. Considero valore (per dirla con il napoletano rinnegante Erri De Luca) fare come oggi che al 4 ottobre posso ancora farmi i bagni a mare. Anche questa è vivibilità, lo penso e continuo a pensarlo. Come penso pure che Napoli sia meglio di Roma in tutto e per tutto avendo abitato nella capitale per diversi anni. 

Ma proprio perché “la base” l’abbiamo, noi che ci crediamo così furbi, non sarebbe invece intelligente costruire tutto il resto? Basterebbe semplicemente avere rispetto degli altri ed educazione. Quella stessa educazione che i napo-milanesi sanno avere quando si trasferiscono al Nord: il napoletano – per usare un altro abituale cliché – che quando va a Milano non butta la carta a terra. Non la butta perché a Milano hanno creato un valore che è quello della civiltà, del rispetto, dell’educazione. Tutti valori che noi invece abbiamo buttato nel cesso perché si deve guidare con il faro scassato e restare fermi a sinistra sulle scale mobili. 

Forse se invece di perdere tempo sui social a bearci delle nostre bellezze, provassimo a renderle fruibili e magari crearne di altre, saremmo veramente un grande popolo. Una città bella, vivibile e, per giunta, senza nebbia. Perché non è vero – come è comodo credere – che la colpa è solo dei politici, della politica, dei mariuoli in Parlamento. Vuole farcelo credere pure il sindaco a cui piacciono i corni giganti su via Caracciolo e le lettere strappalacrime che valgono medaglie d’oro di banalità. La colpa è nostra che in fondo abbiamo una città abitata per gran parte da stupidi, incivili, miserabili e ignoranti. Che per giunta pensano pure di essere furbi. 

Milano è meglio di Napoli. E gli abitanti di Milano sono meglio di quelli di Partenope. Fatevene una ragione. Altrimenti proviamo a cambiare.

Valentino Di Giacomo

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER@SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

 

 

 

 

0 643

Da qualche anno a questa parte il Rugby si sta diffondendo sempre di più, crescono gli appassionati che seguono lo sport in tv ma sorattutto crescono i praticanti e sono sempre più giovani i ragazzi e i bambini che si avvicinano al mondo della palla ovale.

Abbiamo già parlato dell’importanza nella formazione di un ragazzo di uno sport come il rugby e sono sempre di più le attività tese a promuovere questa disciplina e sabato, al Parco Virgiliano l’Amatori Rugby Napoli ha organizzato un evento vuole, nelle sue intenzioni primarie, diffondere la passione, la cultura, il gioco del rugby ai bambini non praticanti, accompagnati dai genitori.

Sabato 2 aprile a partire dalle ore 1430 al campo del parco posillipino, si svolgerà la prima edizione napoletana della manifestazione Rugby Nei Parchi. I piccoli partecipanti dovranno essere accompagnati obbligatoriamente da un adulto, meglio se il proprio genitore o fratello maggiore, potranno registrarsi all’accoglienza (coperti da assicurazione durante l’evento).
Sarà l’occasione per apprendere i rudimenti della palla ovale da istruttori federali dell’Amatori Napoli Rugby. Durante le lezioni per neofiti, sullo stesso campo quindi di fianco, si svolgeranno delle partite tra squadre di under 6, under 8, under 10 e under 12 di altre società napoletane.

Alla fine dell’evento il tradizionale III Tempo offerto dalla organizzazione.

Per essere sempre aggiornati sull’evento c’è a disposizione il sito www.rugbyneiparchi.com, e il pagina facebook Rugby nei Parchi.

0 30725
Foto di Paolo Russo

Essere genitori è sicuramente la cosa più bella che possa capitare nella vita, c’è poco da fare da quando nasce il primo figlio la tua vita inizia ad avere un prima e un dopo, cambiano le prospettive, cambiano gli impegni, cambia tutto, non esiste più l’io esiste solo il noi.
Essere genitori è un impegno e una responsabilità che non conosce pause, ed esserlo a Napoli ti porta ad avere mille pensieri in più. Chiunque abbia dei figli qui si trova spesso a chiedersi se sia il posto migliore dove farli crescere.
Lo faccio anche io, spesso, e così mi trovo spesso a pensare a quanto di buono mi abbia insegnato questa città, di quale sia stata la fortuna di essere nato e cresciuto a Napoli, e soprattutto in una famiglia napoletana, perché per quanto complesso sia viverci mi piace pensare che sia una fortuna nascere nell’ultimo ostinato baluardo di SUD rimasto in Europa.

Ci sono cose che noi genitori Napoletani, di nascita o d’adozione, abbiamo il dovere di insegnare ai nostri figli, ma volendo anche nipoti, abbiamo la responsabilità di far crescere la nuova Napoli. Così ho provato a elencare 10 caratteristiche di quella napoletanità sana, schietta, genuina e troppo facilmente abbandonata da insegnare ai nostri figli affinchè ovunque li porterà la vita abbiano quel qualcosa in più che solo la nostra città può dare.

  1. Formule di cortesia: il napoletano ne è pieno, alcune sono bellissime. È importante conservarle tutte. È meraviglioso rispondere “Come se avessi accettato” a chi ti offre del cibo, perché dimostra che si sa che chi offre lo fa con gioia e non si vuole offendere chi fa un dono. L’educazione non è formalità, e usare le formule giuste aiuta a chiarire le cose e a creare serenità.
  2. Solidarietà: il concetto di “condominio solidale” che si sta diffondendo il tutta Europa in realtà a Napoli esiste da sempre. Porta aperte sul pianerottolo, vicini disposti a tenersi i bambini in caso di emergenza, il bror’ ‘e consuolo sempre pronto a scaldare la famiglia in caso di lutto… Noi napoletani la solidarietà l’abbiamo nel sangue, ogni mamma si sente un po’ mamma non solo dei suoi figli e sa che “Addo’ magnano duje ponno magna’ pure tre” e così via, la capacità d’accoglienza è un bene da custodire preziosamente, magari lasciando al bar un caffè sospeso.
  3. Disobbligarsi: sembrerebbe in netto contrasto con la solidarietà di cui sopra ma in realtà è un concetto molto nobile. A Napoli chi dona lo fa senza interesse, perché sa quanto può essere un aiuto, ma chi riceve conosce bene il valore di quello gli è stato donato e non dimentica il bene ricevuto per essere pronto a restituirlo non solo in caso di necessità. Il “disobbligarsi” crea una rete di persone legate dalla fiducia che rende la vita migliore. “Non ti dico grazie perché chi ringrazia esce d’obbligo” una delle formule di cortesia da non dimenticare.
  4. Conoscere le storie di Napoli: portiamo i bambini a Piazza del Plebiscito e vedere se a occhi chiusi riescono a passare fra i due cavalli, raccontiamogli perché il Castello dell’Ovo si chiama così. Dai coccodrilli alle sirene ce n’è per tutti i gusti e per divertire (o spaventare tutti i bambini). Raccontiamogli le storie della nostra famiglia, facciamoli sentire parte di qualcosa di bello, questo non significa boicottare tutto il resto e non fargli conoscere le favole più famose (che in alcuni casi come Cenerentola potremmo ricondurre a Giambattista Basile), ma solo introdurli in quel piccolo magico mondo che è Napoli.
  5. Insegnare le tradizioni: Inutile cercare di non far festeggiare Halloween ai nostri piccoli, ma possiamo fargli trovare il torrone dei morti, località e globalità possono convivere. Possiamo usare il Mammone come spauracchio e se non trovano qualcosa allora possiamo dare la colpa al Munaciello. Impastiamo insieme a loro la pizza, prepariamo il casatiello e la pastiera a Pasqua. Tenere vive le tradizioni significa tenere viva la cultura Napoletana, non è questione di essere provinciali ma di guardare il resto del mondo con i nostri occhi e non con quelli di tutti gli altri.
  6. Parlare agli anziani: la cultura popolare risiede nell’oralità e ogni persona di una certa età è sostanzialmente una biblioteca ambulante. Ci sono storie, leggende, canzoni e filastrocche che nessuno ha mai scritto o registrato. Avere qualcuno che ce le racconta è un privilegio, se i nostri bambini lo capiranno, oltre a regalare un momento di gioia a un anziano, conosceranno un mondo “vecchio” che per loro sarà un meraviglioso mondo nuovo.
  7. Distinguere il Napoletano dall’italiano ma parlare entrambi: ho avuto la fortuna di crescere in una famiglia dove non si parlava in dialetto, o si parlava italiano o si parlava napoletano, ho avuto la fortuna di poterli distinguere. I bambini devono avere gli strumenti per conoscere i nostri meravigliosi secoli di cultura, devono poter ridere già da piccoli con Totò, Pappagone per poter crescere con De Filippo, Troisi etc. se a questo aggiungiamo che i bambini bilingue imparano più in fretta tutto… avremo nuove generazioni di piccoli geni!
  8. Non rifiutare mai il cibo: per fortuna chi come me è nato lontano dalla guerra non ha mai conosciuto la vera fame, ma i nostri nonni e i nostri genitori si. Per questo ci hanno insegnato il rispetto per il cibo, ci hanno insegnato a “mangiare tutto” e soprattutto ci hanno insegnato che offrire il cibo è un atto d’amore e che accettare è un gesto di rispetto prima che di educazione. I nostri figli hanno la fortuna come noi di vivere in una società dove mangiare (almeno per la nostra parte di mondo) non è un problema, questo non deve farci dimenticare di insegnargli quanto sia importante e quanto possa essere veicolo d’amore oltre che di vita.
  9. L’arte dell’arrangiarsi: viene spesso intesa come una bonaria giustificazione a piccoli crimini ma l’arte di arrangiarsi è tutt’altro. L’arte di arrangiarsi è quella di inventarsi un lavoro dal nulla, è quella di fare di necessità virtù e cercare una soluzione immediata al problema, senza perdere tempo ad analizzarne le eventuali cause. L’arte dell’arrangiarsi è prendere di petto la vita, purtroppo i primi a fraintendere siamo stati proprio noi Napoletani, e direi che il momento di ridare il giusto significato a quest’espressione, più vicina a Miseria e Nobiltà che a Gomorra.
  10. Maradona: come sempre nei nostri decaloghi il 10 è Maradona, perché dobbiamo far conoscere ai nostri figli le persone che hanno fatto grande Napoli, Maradona nel bene e nel male, da Salvatore Di Giacomo a Pino Daniele, da Giambattista Basile a Luciano De Crescenzo, da Masaniello a chi fra i nostri figli farà qualcosa di grande per la nostra città.

Paolo “Sindaco” Russo

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it