E’ un Napoli da San Valentino

E’ un Napoli da San Valentino

0 585

E’ partita la giostra del calciomercato. Un tagadà, montagne russe. E stavolta, a differenza degli altri anni, quando avremo nostre notizie vi daremo aggiornamenti. Tante le voci che si susseguono sul mercato del Napoli. Teoricamente agli azzurri basterebbe acquistare un terzino destro e, teoricamente, sarebbe al completo in ogni sua casella. Almeno a livello numerico. Ma il sempre più probabile arrivo di CR7 a Torino sta per aprire il giro di valzer con il Real che dovrà garantire un acquisto galactico alla sua torcida.

E il Napoli? Ecco quanto sta avvenendo. Tra voci di arrivi eccellenti e, perchè no, anche possibili partenze.

Sembra arrivare da Parigi il crack, è nato il 14 febbraio. Il giorno di San Valentino, il giorno di chi ama e di chi si innamora. Ma non stiamo (ancora) parlando di Edinson Cavani, l’amore mai sopito dei Napoletani, ma di Angel Di Maria. E’ lui l’uomo del giorno stando alle notizie che ci arrivano. Contatti già caldi da settimane, l’argentino aveva già dato il suo assenso al trasferimento al mister Re Carlo, suo mentore ai tempi del Real. Duttilità tattica (con Ancelotti ha giocato anche interno di centrocampo), tecnica sopraffina, sarebbe lui il mancino di cui il mister ha bisogno. Ufficialità che potrebbe addirittura arrivare nei prossimi giorni.

Finisce qui il mercato del Napoli? Stando alle conferme ufficiali sembrerebbe di si, ma a noi risultano essere delle dolci bugie bianche. In realtà il mercato degli azzurri è ancora tutto da scrivere e si prospettano 30 giorni di passione. 30 giorni in cui il Napoli potrà essere plasmato e cambiato per consegnarlo completo a Carlo Ancelotti. Tante trattative in essere, si gioca su più fronti con un occhio rivolto con particolare attenzione a Londra, sponda Chelsea. De Laurentiis sta ragionando su una mossa mai vista nel calciomercato: scambiare un allenatore con una calciatore, condizionando anche il mercato della squadra londinese.

Andiamo per ordine, ma prima di iniziare ricordiamo un passaggio fondamentale: la SSCNapoli quest’anno può aumentare leggermente il tetto ingaggi ma senza strafare. Cosa vuol dire? Vuol dire che, per acquisti eccellenti saranno necessarie uscite di prima linea, più o meno dolorose.

 

Ponti? Via.

Portieri: ufficiali Meret e Karnezis, ma c’è un elemento sfuggito ai più: la modalità di trasferimento. Il Napoli ha acquistato i due in prestito con obbligo di riscatto nella stagione 2019/20. Il motivo è facilmente intuibile, c’è bisogno di mantenere liquidità in cassa per utilizzarla per qualche altro colpo, in altre zone di campo. Per il terzo portiere si sta cercando di accontentare Ancelotti, che chiede un profilo esperto ed internazionale (non ce ne voglia l’onesto Orestis…) da affiancare a Meret e a cui affidare la porta in CL. Si è tentato per Cech, che ha gentilmente rifiutato, continueranno a cercare un’opportunità simile anche se non sarà semplice.

Difesa: con il saluto di Christian Maggio il Napoli necessita di un terzino. Sembrava ormai chiusa per Lainer dello Strasburgo ma il Napoli ha mantenuto in stand by la trattativa e non ha ancora chiuso. Perchè? Per due motivi. Il primo, il gioco a rialzo degli intermediari sulle commissioni da incassare e a De Laurentiis, si sa, questi giochi non piacciono. Il secondo, si aspetta di capire quale sarà, per motivi diversi,  il futuro prossimo di Ghoulam e Hysaj. Dal primo si aspettano le opportune garanzie sulla tenuta del ginocchio e la conferma che, come sembra, da metà agosto potrà essere abile ed arruolabile; il secondo invece è nel mirino del Chelsea di Sarri (?), ma su questo approfondiremo tra poco. Dovesse partire Hysaj, al Napoli non basterebbe l’acquisto di un rincalzo ed è da settimane al lavoro, sottotraccia, su Alessandro Florenzi, vecchio pallino di Ancelotti, causando le ire della Roma, infastidita (per usare un eufemismo) dall’azione di disturbo sul giocatore che ora continua a rifiutare le proposte di rinnovo del club giallorosso. Attenzione costante su David Luiz.

Centrocampo: sulla carta è l’unico reparto in cui il Napoli potrebbe non intervenire. Jorginho out, Fabian Ruiz in. Numericamente a posto così. In realtà De Laurentiis, Giuntoli e Ancelotti qualcosa lì vorrebbero muovere e, in questo caso, ci sta mettendo lo zampone direttamente il Mister con alcuni suoi fedelissimi, il primo dei quali risponde al nome di Cesc Fabregas. Piste complicate, piste che presuppongono almeno una cessione. Qualora qualcosa dovesse muoversi a breve, il primo indiziato a partire è Marko Rog, cercato in prestito dal Bologna e da un Parma sempre più allineato al Napoli dal punto di vista societario. Il tutto con un occhio sempre attento su Capitan Marek: sembrava ormai averci lasciato, ora è più vicino alla permanenza ma nulla è assolutamente definito. Il suo eventuale addio libererebbe, oltre alla fascia di capitano, un ingaggio lordo di 8 milioni annui da destinare altrove.

Attacco: di Angel Di Maria abbiamo già detto, sperando di ricevere ulteriori conferme, ma il suo arrivo presuppone almeno una cessione. Il primo indiziato è, da settimane, Callejon. Realmente cercato dal Milan, la trattativa si è arenata per i problemi della società rossonera, lo spagnolo ha ancora due possibili destinazioni: Chelsea (torna e ritornerà spesso…) o un ritorno in Spagna. L’altro indiziato (e l’uno non esclude l’altro) è invece una novità di giornata: Dries Mertens potrebbe partire. Non ci risulta reale la pista Roma, che cerca nervosamente un disturbo mediatico. Cessione dolorosa, per la piazza e per il Mister, che avrebbe intenzione di utilizzare il belga in tutti i ruoli d’attacco., ma che potrebbe rivelarsi necessaria per liberare una casella ed un ingaggio importante (4 milioni netti l’anno) da destinare dove?

E siamo arrivati al numero 9.

Il primo obiettivo di Re Carlo era ed è Benzema. Già contattato, ha già dato l’ok al mister e alla società e accordo di massima già trovato sull’ingaggio e sul triennale da sottoscrivere. Il Real era abbastanza allineato sulla cessione, ma la trattativa CR7-Juventus ha bloccato tutto il resto del mercato delle merengues, cessioni importanti incluse. Dunque si guarda al piano B: Diego Costa, Balotelli, senza lasciare il mercato spagnolo. Al momento non sembrano esserci trattative in imminente stato di chiusura. E Cavani, dispiace dirlo, al momento è solo una suggestione. Non ci sono trattative reali in essere, se non un amore dichiarato, e corrisposto, da parte del Matador verso i colori azzurri.

Di certo c’è un valzer di numeri 9 che dovrà partire in Europa. E quando partirà il Napoli si farà trovare sulla pista da ballo. E saprà danzare.

 

Noi, nel frattempo, cercheremo di tenervi costantemente informati.

 

ADM.

 

NO COMMENTS

Leave a Reply