Campionato di Seconda Categoria: La Lokomotiv Flegrea conquista la Promozione

Campionato di Seconda Categoria: La Lokomotiv Flegrea conquista la Promozione

di -
1351

IMG-20180430-WA0027_resizedIn una giornata triste sportivamente parlando vista la sconfitta del Napoli Firenze contro la Fiorentina, ieri pomeriggio alle ore 15.00 davanti a 200 spettatori e ad uno spettacolo pirotecnico grandioso, si è giocata la dodicesima giornata di ritorno valevole per il Campionato di Seconda Categoria Girone A agli ordini del signor Ciro Musti di Napoli Lokomotiv Flegrea-Francolise partita decisiva per i padroni di casa per salire di categoria. Formazione Lokomotiv Flegrea: Pugliese, G. Sorrentino, Franco ,Borges, Magurno, Laudiero, carrella, Nicolella, Costantino, De Tommaso, Di Mattia. panchina: Buonocore, Cimmino,Palombo, Cioce, Grazioso, Minopoli, Capano. All. CuomoFrancolise: Spagnuolo, Bosco, Volie, Matoussi , Spagnuolo, Lanna, Caliendo, Cirella, Iodice, Velio, Mezzarano. All. Sergio. Dopo il primo pericolo ospite creato da Lanna, al 5′ Lokomotiv Flegrea i avntaggio con Di mattia che insacca in rete un perfetto assist di Borges. Dieci minuti più tardi, il tornante dei padrondi casa mette un cross al bacio che Nicolella sfrutta al meglio segnando di testa. Subito dopo miracolo di Pugliese  che ferma Lanna. Alla mezz’ora del primo tempo Costantino cala il tris con una strepitosa punizione sotto al set. Dieci  minuti più tardi si ripete sempre su calcio piazzato  indirizzando la  nell’angolino basso a destra di Spagnuolo per la sua diciottesima rete . Il primo tempo si chiude con questo punteggio, ma il divario poteva essere ampio se De Tommaso e Magurno fossero stato più precisi sotto porta. Per tutti e quarantacinque i minuti la Lokomotiv Flegrea ha mostrato un grande gioco palla a terra e con un Borges versione Roberto Carlos Mondiali di Francia 98.

La ripresa inizia con un doppio cambio tra i padroni di casa. Il secondo portiere di riserva Buonocore per Pugliese Cimmino per Franco. Quest’ultimo riceve una standing ovation dal pubblico di casa. In seguito Di Mattia si mangia prima il gol di piede e poi segna di testa una rete più complicata che gli permette di raggiungere i 20 gol in campionato. A metà tempo De Tommaso dopo essere stato bloccato più volte da Spagnuolo chiude il set per il 6-0 e sigla il suo quattordicesimo gol in campionato. Dopo questa rete gli ultimi tre cambi. Grazioso-CostantinoCioce-Di Mattia, Capano-De Tommaso. All’80’ Nicolella con una conclusione da fuori area beffa il portiere Spagnuolo. Nell’occasione il trequartista flegreo si fa male al ginocchio ed è costretto ad uscire. In seguito recatosi all’ospedale, la prima diagnosi parla di rottura del menisco. Nei prossimi giorni con la risonanza magnetica se ne saprà di più. Non succede più niente e dopo il 7-0 finale si apre la festa dei padroni di casa per una doppia Promozione in due anni fino  in Prima Categoria in cinque stagioni. Annata strepitosa quella della Lokomotiv Flegrea, con un primato in classifica generale conquistato nell’autunno 2017 e mai mollato. In venticinque giornate i flegrei hanno totalizzato 64 punti frutto di 21 vittorie, 3 sconfitte e un solo pareggio, facendo registrare il 100% di successi casalinghi. Grande apporto per questa promozione è stato dato dal tridente d’attacco che in complessivo ha segnato 52 reti. Peccato che alla partita non abbia potuto partecipare una delle bandiere della Lokomotiv Flegrea M. Sorrentino in rosa dal 2013 per squalifica. A fine partita Mister Cuomo dichiara che questo successo è dedicato a tutti i membri dell’organizzazione della Lokomotiv Flegrea che gli hanno dato fiducia e incarna i veri valori del Calcio Popolare che i oppone a tutti i milioni che circolano nel Calcio Moderno. I festeggiamenti poi sono proseguiti al Pub Beer Garden situato in Via Coroglio con una bella batteria di fuochi d’artificio sparati sotto il cielo di Posillipo e con tutti i dirigenti della rosa e i giocatori che hanno rilasciato interviste. Ultima giornata il prossimo weekend a Villa Di Briano nel casertano.

Claudio Gervasio