Buoni & Cattivi – RB Lipsia Napoli e le raccomandazioni di Napoli

Buoni & Cattivi – RB Lipsia Napoli e le raccomandazioni di Napoli

di -
388
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Abbiamo passato una bellissima serata ma non abbiamo fatto niente

Diciamo che è la prima cosa che mi viene in mente dopo questa partita, e ne avrei di aneddoti da raccontare sull’argomento ma preferisco non deprimervi, anche perchè sapete bene di cosa parlo.

Vi ricordate di quando eravate piccoli? Vi ricordate vostra madre che vi urlava consigli all’apparenza privi di senso?
Non correre sennò poi sudi e ti viene una cosa!
Non ti fare male che sennò dopo hai pure il resto appresso!
il mio preferito “Non ti sbattere!

e l’immancabile “Non mi fare fare brutta figura!

Perchè le preoccupazioni di una mamma, oltre al cibo, sono essenzialmente due: che non ti fai male e che ti comporti bene così non fai brutta figura, il resto conto poco, conta avere un bambino per bene, sano ed educato per vederlo crescere al meglio.

Sarri stasera me lo immagino che urlava queste cose, le stesse identiche cose di una mamma al parco, stasera le sue preoccupazioni infatti erano quelle di ogni mamma: non fare brutta figura e soprattutto che nessuno si facesse il male. Il Napoli al netto dell’andata ha fatto una bellissima figura, senza correre troppo e senza farsi male, mamma è contenta e si torna tutti a casa.

Cattivi: stasera c’è poco da dire, a parte il colpo di testa suicida Tonelli ha giocato ben, forse Mertens un po’ sottotono, ma forse per le raccomandazioni del mister, non ha mai cercato lo scatto e si è limitato a giocare di sponda. Il peggiore è probabilmente Diawara, non sono le sue partite ma se non sfrutta queste occasioni difficilmente ruberà il posto a Jorginho.

Buoni: Reina mette in campo tutta l’esperienza che ha, sia come portiere, che come libero e come regista oggi ha giocato una partita magnifica, l’Europa gli fa bene. Zielinski segna ed è spesso nel vivo del gioco, anche lui oggi in serata più che positiva. Ma il migliore in campo è senza dubbio Insigne, lo scugnizzo non si lascia disorientare dai traduttori tedeschi e propizia il primo goal e segna il secondo, il sessantesimo in maglia azzurra.

Paolo Sindaco Russo