Buoni & cattivi – Napoli Bologna e il sesso da ubriachi

Buoni & cattivi – Napoli Bologna e il sesso da ubriachi

0 478
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Un bicchiere in più per prendere coraggio e andare a conoscerla, un altro bicchiere per sembrare brillanti e simpatici, un altro per sondare il terreno e magari uno ancora per provarci.
Poi succede la figura dimmerda, hai bevuto troppo e non parti subito sull’attenti, manca hai iniziato e già hai fatto una figura di merda, nella cunfisione provi a fare di tutto ma non succede niente… Hai una sola speranza, se la figura di merda è iniziale almeno hai il tempo di recuperare e con il giusto mix di abilità e fortuna puoi evitare che la nominatà di quello che non intosta si diffonda in tutto il quartiere.

Così buttandosi un po’ sui preliminari e su altre situzioni che non sto qui a descrivervi si può capovolgere la situazione e portarla anche a proprio vantaggio. Come ha fatto il Napoli ieri.

La partenza era proprio da ubriachi, non abbiamo capito niente e dopo pochi secondi già avevamo fatto una figura di merda, poi prendendo tempo e facendo quello che sappiamo fare meglio e con un po’ di fortuna abbiamo capovolto la partita e salvato la nominatà nel rione.

CattiviMario Rui regala qualche disattenzione, ma si immola per salvare la porta, anche Koulibaly è meno brillante del solito ma questo non vuol dire che abbia giocato male, dovendo indicare un peggiore probabilmente il nome che viene in mente è Chiriches, oggi ha dato meno sicurezza di Albiol.

BuoniCallejon oltre a procurarsi il rigore fa la solita partita di straordinaria intelligenza, ha anche un’ottima occasione che sfrutta male. Reina decisivo in un paio di occasioni veramente difficili offre sicurezza a tutto il reparto, è tornato ad altissimi livelli, forse sarebbe lui il migliore se Mertens non avesso deciso la partita con fredezza e classe, segnando un goal di quelli destinati a essere visti e condivisi sui social per mesi e mesi.

Paolo Sindaco Russo

NO COMMENTS

Leave a Reply