Buoni & Cattivi – Napoli Udinese e le femmine della televisione

Buoni & Cattivi – Napoli Udinese e le femmine della televisione

0 438
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Non mai stato un grande ammiratore delle “femmine della televisione” ho sempre preferito quelle in carne ed ossa che conosco di persona.

Non che non mi piacciano, per carità ma non sono mai stato uno di quelli che, come si suol dire, arrattiava su veline, vallette, letterine e star varie della tv, ho sempre dedicato le mie attenzioni e i miei atti impuri in solitaria a donne che  avevo visto di persona. Ho sempre pensato, come pensano in tanti, che ci sono tante belle ragazze che non hanno nulla da invidiare a quelle famose, alle modelle o alle star del piccolo schermo, magari sono anche più simpatiche o intelligenti.

Lo credevo, non è un caso se uso l’imperfetto, lo credevo perchè quando a 18 anni mi ritrovai in giro per Cinecittà e mi trovai faccia a faccia con Rossella Brescia nei suoi panni (pochi centimetri quadrati) di scena e delle altre ballerine di canale 5 cambiai immediatamente idee… Non erano delle belle ragazze come ce ne sono tante, erano, ai miei occhi di inesperto tardo adolescente, ben oltre. Quelle non erano ragazze normali, erano l’evoluzione del genere femminile, fisici scolpiti nel marmo con forme perfette, un livello che raramente trovi alla fermata dell’R2.

Da quel momento ho capito che esistono le belle ragazze che affollano le nostre strade e le nostre vite e loro, quelle della tv (anche se a distanza di 20 le cose sono un po’ cambiate) che sono di un altro pianeta… Come Insigne e Mertens, non è che Ounas e Giaccherini siano scarsi, sono dei buoni giocatori, ma i due folletti sono di un altro livello e oggi con il loro ingresso risolutore lo hanno dimostrato che non sono di un altro pianeta rispetto ai due compagni oggi partiti tirolari.

CattiviOunas spreca una palla buona per portare in vantaggio il Napoli e segnare il suo primo goal in maglia azzurra, le qualità le ha ma è molto caoitco. Giaccherini non entra mai in partita, si muove pochissimo senza palla, vuole farsi vedere ma non gli riesce particolarmente. La cosa peggiore di stasera è però il San Paolo vuoto, stavolta non regge neanche la scusa dei soldi, con 15 euro si compravano i biglietti per due partite, 2 euro per gli abbonati, ma forse diecimila tifosi sono megli di sessantamila spettatori.

Buoni – Togliamo da mezzo quei due, sarebbe troppo facile ed è giusto parlare di chi ha meno possibilità di apparire. Sepe, a parte l’insicurezza sul retropassaggio al novantesimo si è dimostrato di nuovo all’altezza del ruolo, in impostazione non offre la sicurezza di Reina e anche nei rilanci preferisce l’appoggio semplice al compagno vicino, ma anche si dimostra sicuro nelle uscite. Maksimovic nonostante la lunga assenza sembra essersi inserito bene nei meccanismi, manca forse di reattività ma sembra pronto per giocare più spesso. Rog è un animale, potente, arcigno ma con piedi da fenomeno e ottima visione di gioca, se impara a dosare la sua irruenza diventa destante, quando ha rubato palla a centrocampo e lanciato in porta Callejon ho rivisto il miglior Bagni… lui se fosse una femmina sarebbe abbondantemente pronta per la televisione, anche per la prima serata.

Paolo Sindaco Russo

NO COMMENTS

Leave a Reply