Buoni & cattivi – Napoli Bologna e l’atto di appoggiarlo

Buoni & cattivi – Napoli Bologna e l’atto di appoggiarlo

0 1094
Fonte: sscnapoli.it - (photos di Italo ed Alessandro Cuomo)

Chi è stata a Lisbona d’estate sa che non c’è nulla di meglio, la sera, di godersi la leggera brezza sorseggiando una birra su uno dei tanti Miradouro della città. L’estate di qualche lustro fa un giovane studente di portoghese era sul Miradouro di Adamastor proprio a fare questo, con gli amici si parlava di massimi sistemi e altre questioni filosofiche importanti come è meglio la Sagres o la Super Bock, Vidigal è forte o è un pacco e cose simili, ma ovviamente la questione più dibattuta era la solita: donne. A quel giovane studente erasmus ne piaceva parecchio una ma titubava sul da farsi, ci provo? E se faccio una figura di merda? Ma poi come? che devo fare?
I consigli degli amici erano sempre li stessi, riassumibili nella tipica espressione nostrana “Vott’a mazz’!” Ma erano più frasi dette tanto per dire che eri consigli, invece un ragazzo toscano appena conosciuto diede un consiglio parimenti colorito ma altrettanto efficace: “Suvvia Paolo, a poggiarlo in mano nun l’è mai caduto per terra” (sostituite le c con un suono aspirato). Fu la frase che mi diede coraggio, andai lì, mi presentai, due chiacchiere, da cosa nasce cose e alla fine ho avuto modo di aggiungere un altro prezioso pezzo alla mia già corposa collezione di figure di merda.

Sono ancora oggi grato a quel ragazzo toscano di cui non ricordo il nome, non è questione di risultato ma questione di provarci realmente, di sfruttare le poche, pochissime occasioni che ti offre la vita e rischiare la figura di merda pur di vivere di rimpianti. Questa storia la scrivo a voi però vorrei la leggesse Gabbiadini, ha tutte le qualità per fare cose importanti, ha un sinistro che molti si sognano ma sta ancora lì a pensare come sfruttare le occasioni, deve buttarsi a capofitto e seguire il suo istinto, e il ragazzo ne ha tanto, altrimenti vivrà di rimpianti e non basterà la scusa con se stesso di avere sempre davanti qualcuno più forte di lui.

Cattivi: Gabbiadini lo abbiamo già citato, ma sono convinto sia solo una questione mentale, sta sbagliando anche le punizioni calciandole sulla barriera, verrà il suo momento, speriamo qui a Napoli. Hysaj ha fatto un altro paio di passaggi suicidi in area ma non ha giocato male… e quindi Reina, grande parata al primo minuto, poi come sempre fa la sua partita da libero a livelli incredibili, finchè non arriva il tiro non certo irresistibile di Verde, fa tutto bene, ma un tiro del genere deve pararlo.

Buoni: Insigne ha finalmente ingranato, splendido assist e buone giocate, partita di sacrificio anche in fase di copertura, è tornato quello che piace a noi. Callejon che altro dobbiamo aggiungere? Se continua così lo escludo dalla categoria tanto è sottinteso che è fra i migliori in campo. Poi c’è uno che “Fa solo goal facili“, “Segna solo di testa“, “Ha avuto fortuna“… Oggi Milik entra e risolve la partita con due perle che dimostrano che il sinistro lo sa usare, e anche bene.

Paolo Sindaco Russo

NO COMMENTS

Leave a Reply