La “Guerra Fredda” tra Russia e Occidente dietro la squalifica di Blatter...

Russia 2018, corruzione e mazzette

La “Guerra Fredda” tra Russia e Occidente dietro la squalifica di Blatter e Platini

0 739

Terremoto nel calcio. Sepp Blatter e Michel Platini sono stati condannati dalla Commissione Etica della Fifa a 8 anni di squalifica. 8 anni ad entrambi, ma ci sarà tempo per un ricorso che potrebbe ridurre o annullare tale pena.

Molti appassionati di calcio, dopo gli scandali emersi, saranno in brodo di giuggiole ad esultare. In realtà i massimi organismi del calcio altro non sono che grosse organizzazioni politiche. Insomma: un Maradona presidente della Fifa ce lo possiamo pure sognare.

Blatter e Platini a furia di allargare il loro raggio di espansione in Paesi emergenti sono finiti con lo scontentarne gli altri. Ma al centro della questione c’è anche la nuova “Guerra Fredda” tra Russia e Occidente. Non è un caso infatti che Putin abbia cercato più volte di difendere Blatter dalle accuse che gli sono state mosse. Del resto è grazie allo storico presidente svizzero se la Russia potrà ospitare nel proprio Paese i prossimi mondiali di calcio contravvenendo persino alla consuetudine della rotazione tra Continenti con una modifica del regolamento di assegnazione: nel 2002 in Asia (Corea), 2006 in Europa (Germania), nel 2010 in Africa (Sud Africa), 2014 Sud America (Brasile). Nel 2018 i Mondiali avrebbero dovuto disputarsi in Oceania o in Nord America.

Ormai, dopo i dissidi internazionali tra Russia e Occidente, gli ex sovietici sono praticamente isolati politicamente dal resto del mondo. Lo sport resta l’unico lasciapassare di Putin per restare presente sulla cartina geografica delle relazioni internazionali. La paura del presidente russo è che un avvicendamento di Blatter possa portare alla clamorosa decisione di revocare l’assegnazione di Russia 2018, tanto più dopo gli scandali di corruzione che sono emersi negli ultimi mesi.

Non sappiamo chi saranno i successori di Blatter e Platini. Ma c’è poco da gioire. Le presidenze di Fifa e Uefa hanno poco a che fare con il calcio giocato, ma assai di più con giochi politici ed economici. E’ inutile esultare per una loro condanna, è semplicemente cambiato il vento. E questa volta ad essere spazzati via sono stati i due presidente delle Federazioni.

vDG

SEGUICI E COMMENTA CON NOI SU FACEBOOK SULLA PAGINA DI SOLDATO INNAMORATO E SU TWITTER @SurdatNammurat

©RIPRODUZIONE RISERVATA – Ne è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione dell’autore e della fonte, Soldato Innamorato o www.soldatoinnamorato.it

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply