Careca è un motivo in più per essere Sarrista

Careca è un motivo in più per essere Sarrista

0 1103

Bello ma concreto, potente ma preciso, elegante ma essenziale, fantasioso ma determinante, Careca rimane un giocatore unico della storia del calcio, un centravanti con i piedi da fantasista, un numero 9 con le movenze da 10, forse l’unico giocatore che in campo sia mai riuscito a parlare la stessa lingua di Maradona e formare così la coppia d’attacco più meravigliosa della storia del calcio.

Careca ha avuto la grande fortuna di giocare affianco al Pibe ma questo ha significato per lui vivere sempre all’ombra ed essere quasi “dimenticato”. Un po’ come Peppino De Filippo con Totò, Antônio de Oliveira Filho non riesce mai a trovare lo spazio che merita nella storia del calcio, eppure ha regalato alcuni dei momenti più belli di questo sport.

Nella lunga intervista rilasciata a “Il Mattino” alla domanda Qual era l’idolo del tifoso Sarri? Sarri ha risposto

«Juliano, era lui a quei tempi il simbolo del Napoli. E poi, ovviamente, Maradona, il simbolo storico, anche se ricorderei che in quel periodo c’era Careca, il secondo grande attaccante al mondo»

Mi sono già dichiarato Sarrista apertamente in tempi non sospetti ma dopo questa dichiarazione lo sono ancora di più. Non tanto per avere citato Careca ma per aver aggiunto quello che io sostengo da sempre, che Careca dopo Maradona è più grande attaccante al mondo.

Con buona pace di tutti i fan di Van Basten e di altri grandi centravanti che io stesso ammiro, ma il fatto che Sarri abbia fatto questa dichiarazione dimostra innegabilmente che l’ex il nuovo tecnico de Napolimeriti di stare dove è adesso!

Paolo “Sindaco” Russo

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply